29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/10/2004, 00.00

    india

    Cattolici indiani preoccupati per le violenze contro le minoranze



    Mumbai (AsiaNews) - Denuncia delle violenze anti-cristiani e difesa dei diritti delle minoranze: questi i problemi su cui l'All India Catholic Union (AICU) ha discusso nel primo incontro della nuova reggenza, svoltosi di recente a Mumbai dopo il rinnovo delle cariche dell'organismo che rappresenta 16 milioni di cattolici indiani.

    Nel corso della conferenza stampa conclusiva, il nuovo presidente John Dayal ha espresso "profonda preoccupazione" per l'ondata di violenze contro i cristiani avvenute negli ultimi mesi.

    La persecuzione, denuncia l'AICU, ha preso piede anche in quegli stati – come il Kerala – di solito estranei a tale fenomeno. I responsabili delle recenti violenze (attacchi contro le missionarie della Carità, dissacrazioni di chiese e omicidio di un prete cattolico) sono stati identificati come appartenenti alle Rashtriya Swayamsewak Sangh (RSS), gruppo paramilitare induista.

    Secondo l'AICU, negli stati governati dal Bharatiya Janata Party (BJP) - il partito al potere in India fino alle elezioni di maggio scorso - si sono verificati "gravi peggioramenti" per le minoranze: sistematiche violenze si verificano in Gujarat, Orissa, Rajasthan, Madhya Pradesh, Chharisgarh e Jharkhand. Si tratta di stati nella zona abitata dai tribali, che sono un'alta percentuale dei cattolici indiani. La Chiesa è molto impegnata tra le popolazioni indigene con programmi sociali ed educativi. "In questi stati si assiste a uno sforzo sistematico di smantellare la sicurezza pubblica" afferma l'AICU. Ad esempio, nel Rajasthan le autorità incoraggiano i cittadini a comprare le spade a tre punte, simbolo dell'hindutva, l'ideologia che predica la violenza contro i non indù. In molti stati funziona a pieno regime l'attività del Ghar Wapsi ("Ritorno a casa"), il movimento che organizza celebrazioni di 'riconversioni forzate' all'induismo per i tribali cristiani.

    L'AICU denuncia che gli stati governati dal BJP sono caduti nelle mani del Sangh Parivar, un gruppo fondamentalista indù che ha lanciato una vasta campagna di odio e avversione contro cristiani e musulmani, incutendo terrore e paura nelle minoranze.

    Il presidente dell'AICU John Dayal ha incontrato due volte il ministro degli interni Shivraj Patil e il ministro per lo sviluppo delle risorse umani Arjun Singh per far presente l'apprensione delle minoranze negli stati guidati dal BJP. Dayal si è complimentato con Arjun Singh per la sua opera di "detossificazione" degli apparati statali dagli elementi induisti fondamentalisti, ma ha messo in guardia circa la presenza di tali soggetti anche fra la forze dell'ordine e la magistratura.

    L'AICU ha inoltre sottolineato che il recente censimento della composizione religiosa del paese ha "svelato la falsità del conclamato sviluppo delle minoranze". Il gruppo cattolico invece denuncia l'arretramento dell'alfabetizzazione tra la minoranza cristiana. "È tempo di andare oltre i servizi minimi ai dalit, in particolare quelli cristiani" afferma l'AICU. "Il governo deve provvedere fondi adeguati per l'educazione gratuita per i poveri e i senza terra". (LF)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/10/2004 india
    Oltre 300 tribali riconvertiti con la forza all'induismo

    Mons. Bilung, vescovo in Orissa: "I cristiani sono ricattati e costretti ad abiurare la loro fede".



    09/03/2005 india
    Gujarat, arrestato un sacerdote per false accuse
    I fondamentalisti indù spingono una donna ad accusare un gesuita: due mesi fa la donna aveva già scagionato il religioso.

    24/02/2005 india
    Fondamentalisti indù assaltano meeting cristiano nel Rajasthan
    Vescovo di Jaipur: "I fondamentalisti inventano sempre nuovi modi per impedire incontri cristiani". Anche i musulmani denunciano: "Sono fascisti appoggiati dal governo". I gruppi induisti dichiarano il 2004 "anno di successo" per le riconversioni (forzate) all'induismo.

    13/09/2005 INDIA
    India, p. Agnos, prete cattolico tribale, "martire della pace"

    Esponenti della Chiesa locale e attivisti per i diritti umani puntano il dito contro gli estremisti indù: con ogni probabilità sono i responsabili dell'omicidio. Insieme alle lobby di potere locale vogliono assoggettare i tribali  per sfruttare le ricchezze delle loro terre.



    01/10/2004 india
    Nuovo attacco contro i cristiani in Kerala
    Polizia: "C'è chi vuole destabilizzare la regione"



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®