30/03/2020, 11.08
VIETNAM
Invia ad un amico

Cattolici vietnamiti pregano col Papa per la fine della pandemia

di Trung Tin

Per evitare contagi l’arcidiocesi di Hồ Chí Minh City ha sospeso le messe. Chiese, cappelle e comunità religiose restano aperte per preghiere e adorazione. La preghiera universale e la benedizione Urbi et Orbi del pontefice hanno commosso molti.

Ho Chi Minh City (AsiaNews) – Messe sospese, chiese aperte solo per l’adorazione eucaristica e la preghiera individuale: l’emergenza coronavirus ha stravolto la vita religiosa di molti cattolici vietnamiti, ma questo non impedisce loro di unirsi con devozione ed entusiasmo alle preghiere del papa per le vittime del Covid-19. Negli ultimi giorni, i casi di contagio nel Paese sono aumentati in modo notevole. Stamane le autorità sanitarie hanno confermato un totale di 194 infezioni, 52 delle quali curate. La scorsa settimana Lê Thanh Liêm, vicepresidente del Comitato del Popolo di Hồ Chí Minh City, ha annunciato ai cittadini: “A partire dalle 18.00 del 24 marzo, tutti i ristoranti con più di 30 posti, le sale da biliardo, le palestre, i centri benessere e i parrucchieri della città resteranno chiusi fino al 31 marzo, per contrastare la diffusione del polmonite pandemica di Wuhan”.

Il giorno seguente mons. Joseph Nguyễn Năng, arcivescovo di Hồ Chí Minh City (già Saigon), ha comunicato ai fedeli la sospensione di tutte le attività religiose nell’arcidiocesi. Il provvedimento è entrato in vigore alle 16.00 del 26 marzo e si protrarrà fino a nuove indicazioni. Tutte le chiese, le cappelle e le comunità religiose resteranno aperte, per consentire ai cattolici di pregare e adorare il Santissimo Sacramento. “I parroci continueranno a celebrare le funzioni eucaristiche quotidiane in nome della Chiesa – ha dichiarato mons. Năng – pregando e chiedendo a Dio di stendere la Sua misericordia sul mondo. Tuttavia, i sacerdoti diranno messa senza il popolo. Ogni giorno, i fedeli potranno seguire la diretta tv alle 5.30 del mattino alla stessa ora nel pomeriggio. Sul sito web dell’arcidiocesi di Saigon sarà possibile trovare la registrazione”.

Attraverso internet milioni di cattolici in tutto il Vietnam hanno partecipato alla preghiera universale e alla benedizione Urbi et Orbi, che papa Francesco ha condotto nella notte tra il 27 ed il 28 marzo dal sagrato di San Pietro (alle 18.00 del 27, ora di Roma). Molti si sono commossi di fronte all’immagine dell’anziano pontefice: sotto la pioggia, in una piazza vuota e tra l’icona della Madonna “Salus populi romani” e il Cristo “dei miracoli”. Le sue parole erano tradotte in lingua vietnamita in tempo reale.

La signora Maria Ngọc racconta: “Ho pianto quando ho visto papa Francesco che camminava nella notte, mentre scendeva la pioggia. Mi sono detta in silenzio: ‘Amiamo davvero il Santo Padre. Oh! Mio Gesù, ringrazio Dio che ci dà un Padre comune. Il pontefice pensa sempre al mondo di oggi e ci accompagna nelle sofferenze per questa crisi sanitaria. Caro Dio, ti preghiamo di cambiare il nostro cuore in modo da poter superare le difficoltà di oggi. Possa Dio rafforzare quelli che soffrono della polmonite di Wuhan”.

La signora Kim Anh, che vive a Hồ Chí Minh City, ricorda di aver ascoltato la riflessione del papa e di aver esclamato: “Mio buon Dio! Credo sempre che solo Tu possa estinguere questa feroce pandemia. Ci affidiamo sempre alla Tua mano”. Lê Hoàng Nghĩa afferma: “Attraverso questa catastrofica pandemia, possiamo riconoscere in modo chiaro la nostra debolezza e piccolezza, davanti al potere del Dio che adoriamo. La nostra stravaganza e il nostro orgoglio, non hanno alcun significato. Oggi, attraverso le preghiere del Santo Padre Francesco, possa Dio concedere la pace a tutto il mondo per superare la crisi della pandemia di Wuhan”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ospedali indonesiani senza dispositivi antivirus: cattolici rispondono alla crisi (Video-Foto)
31/03/2020 10:45
Mons. You: Sudcoreani uniti, la speranza nel coronavirus
27/03/2020 09:50
Coronavirus: preghiere e carità per Sơn Lôi, comune isolato da 14 giorni
27/02/2020 11:27
I cattolici vietnamiti lottano contro la diffusione del coronavirus
04/02/2020 11:54
Kuala Lumpur, Covid-19 fa i primi due morti. Mons. Leow: ‘Separati, ma uniti in Cristo’
18/03/2020 09:45