01/03/2012, 00.00
IRAN- USA - ISRAELE
Invia ad un amico

Cautela di Stati Uniti e Hezbollah: No a un attacco contro l'Iran

Per Hezbollah, un attacco israeliano all'Iran infiammerebbe la regione. Per gli Usa c'è il pericolo per gli americani in Afghanistan e in Iraq. In Israele si discutono i pro e i contro. Le elezioni parlamentari in Iran: una lotta fra Ahmadinejad e Khamenei.

Beirut (AsiaNews) - Il numero due degli Hezbollah, Cheikh Naïm Kassem, ha dichiarato che se l'esercito israeliano attacca i siti nucleari iraniani, il Medio oriente si infiammerà, facendo esplodere un conflitto che sfuggirebbe a ogni controllo.

"L'America - ha aggiunto Kassem in un'intervista a Reuters - sa che se vi è una guerra contro l'Iran, tutta la regione diverrà incandescente e le fiamme non avranno limiti".

Il capo aggiunto degli Hezbollah pensa che Israele farà di tutto per implicare gli Stati Uniti nel conflitto, nonostante le esitazioni di Washington.

Proprio ieri sera il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney, usando parole simili a quelle del capo di Hezbollah, ha messo in guardia da ogni attacco all'Iran, facendo notare che ogni azione militare contro Teheran creerebbe "una maggiore instabilità nella regione", di cui potrebbero essere vittime gli americani presenti in Iraq e i militari Usa presenti in Afghanistan.

"L'Iran confina sia con l'Afghanistan che con l'Iraq - ha detto Carney - e noi abbiamo personale civile in Iraq. E abbiamo civili e militari in Afghanistan".

Le parole di Carney vengono diffuse pochi giorni prima dell'incontro che il presidente Usa Barack Obama avrà con il premier israeliano Benjamin Netanyahu il prossimo 5 marzo.

In Israele si discute da anni su un possibile attacco ai reattori nucleari iraniani e nei giorni scorsi sono apparsi sui giornali forti discussioni pro o contro l'attacco.  Per Israele e buona parte della comunità internazionale il programma nucleare iraniano ha sottaciuti scopi bellici. Teheran ne ha sempre rivendicato uno scopo pacifico.

Per ora gli Stati Uniti sembrano decisi per una soluzione diplomatica, attuando sanzioni sempre più difficili da sopportare per l'Iran.

Le ultime, che colpiscono la vendita di petrolio e le transazioni bancarie, stanno rendendo sempre più difficile il commercio dell'Iran con molti Paesi e viceversa, tanto che molte banche di Teheran soffrono di mancanza di capitale. Ieri la banca centrare iraniana ha espresso l'ipotesi che l'Iran potrebbe accettare pagamenti in oro, invece che in dollari.

Intanto, domani in Iran vi saranno le elezioni parlamentari, ma con ogni probabilità, qualunque sia il vincitore, non sposterà la problematica e le tensioni sul nucleare.

Le elezioni di domani sono importanti perché sono le prime che avvengono dopo quelle presidenziali del 2009, contestate dal movimento divenuto "l'Onda verde", che accusava il regime di manipolazione del voto e chiedeva riforme. Dopo quasi otto mesi di  dimostrazioni, fermate dalle uccisioni, dalle violenze e dagli arresti ad opera dei  pasdaran, la resistenza sembra ora soffocata.

Per queste elezioni, i riformisti stanno convincendo la gente a non andare a votare. Si annuncia un deciso scontro all'interno della fazione conservatrice, fra i sostenitori del presidente Mahmoud Ahmadinejad e quelli del grande ayatollah Khamenei.

Gli analisti la definiscono una guerra fra il populismo del presidente, che cerca di rafforzare il suo potere, e la teocrazia degli ayatollah che, con motivazioni pseudo-religiose vogliono conservare il controllo sulla società e l'economia.

Quasi senz'altro perderà Ahmadinejad. Nelle scorse settimane il Consiglio dei Guardiani ha sbarrato la strada a molti politici del suo campo, cancellandoli dalle liste dei candidati. In più, da tempo amici di Ahmadinejad sono stati allontanati da cariche ministeriali e arrestati, dopo le rivelazioni di scandali e corruzioni (PD)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Khamenei ai candidati Usa: Se lo violate, annulliamo l’accordo sul nucleare
15/06/2016 08:55
L’oltraggio di Ahmadinejad, le aperture di Obama
24/09/2010
Nucleare e sanzioni, continua l’escalation fra Usa e Iran. L’Europa prova a mediare
15/07/2019 12:26
Gli Usa spingono per la pace in Medio oriente, ma con l’occhio all’Iran
27/07/2009
Repressione sempre più violenta; il regime di Teheran si disgrega
30/12/2009