16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/07/2006, 00.00

    libano

    Cessate il fuoco e una forza internazionale in Libano le richieste del vertice di Roma



    Si dovrà anche aiutare il Libano nella ricostruzione e ad avere un controllo effettivo su tutto il suo territorio. Kofi Annan e la Rice ammettono che per realizzare una pace durevole servono anche Siria ed Iran.

    Roma (AsiaNews) – Ottenere "con la massima urgenza" un cessate il fuoco, che consenta un intervento umanitario, il dispiegamento di una forza internazionale, l'aiuto al Libano sia per aiutarlo nella ricostruzione che per permettergli il controllo effettivo di tutto il suo territorio, formula dietro alla quale si nasconde la questione del disarmo di Hezbollah. Sembrano questi i punti fondamentali sui quali i partecipanti alla conferenza internazionale di Roma sul Libano hanno raggiunto un accordo, secondo la dichiarazione congiunta della copresidenza italo-americana approvata da tutti i Paesi e le istituzioni che hanno partecipato ai lavori.

    Dal canto suo, il segretario generale dell'Onu, Kofi Annan, ha annunciato che chiederà al Consiglio di sicurezza "di intervenire per un cessate il fuoco nella crisi israelo-libanese". "Bisogna dare al Libano il tempo e lo spazio per espandere la sua autorità su tutto il Paese" ha aggiunto Annan, secondo il quale, per trovare una soluzione alla crisi è importante "lavorare con tutti i Paesi della regione e quindi anche con l'Iran e la Siria".

    Accanto alle conclusioni della conferenza, l'annuncio che i ministri degli Esteri dell'Unione Europea dedicheranno alla situazione libanese una riunione straordinaria, convocata per martedì prossimo, primo agosto. E anche l'Organizzazione della conferenza islamica (Oci) ha annunciato che al più presto, forse già la settimana prossima ha intenzione di organizzare un incontro dedicato al Libano e di chiedere un immediato cessate il fuoco.

    Il vertice di Roma, si legge nella dichiarazione finale, ha espresso "profonda preoccupazione per la situazione in Libano e per la violenza in  Medio Oriente" e "determinazione a lavorare immediatamente per raggiungere un cessate il fuoco" che deve essere "sostenibile e permanente". La conferenza, inoltre, spinge affinché "una forza internazionale sia urgentemente autorizzata sotto il mandato dell' Onu" e ha discusso "passi concreti per permettere al Libano il controllo totale ed effettivo su tutto il suo territorio". La Conferenza ha infine raggiunto un accordo per convocare al più presto una Conferenza internazionale dei donatori che vogliono aiutare il Libano che, finora, ha avuto danni per due miliardi di dollari.

    "Alcuni progressi" sono stati raggiunti, ha commentato il primo ministro libanese Fouad

    Siniora, ma, ha aggiunto, "molto resta da fare".

    Sarà dunque il Consiglio di sicurezza a chiedere l'immediato cessate il fuoco in Libano, primo passo necessario per condurre le indifferibili azioni di intervento umanitario e predisporre lo spiegamento di una forza internazionale di separazione, che permetterebbe al Libano di avere un pieno controllo su tutto il suo territorio e di avviare un vero processo di pace, per il quale è necessario coinvolgere anche Siria ed Iran. Messo sul tavolo da Kofi Annan, il coinvolgimento dei Paesi sostenitori di Hezbollah è stato in qualche modo accettato anche dalla Rice, che durante il suo giro in Medio Oriente aveva evitato di andare sia a Teheran che a Damasco. "La Siria ha una responsabilità" nella situazione attuale, ha detto oggi il capo della diplomazia americana, che si è detta "profondamente preoccupata" per il ruolo dell'Iran, aggiungendo di credere nel ruolo che Arabia Saudita, Giordania e la Siria stessa possono avere nel convincere l'Iran a non "usare forze estremiste". "È tempo che tutti facciano le loro scelte" sul cosa fare in Medio Oriente, dove "non si può tornare allo statu quo precedente".

    All'aeroporto di Beirut, intanto, è potuto arrivare un C130 giordano che ha portato aiuti, mentre da Teheran si annuncia la partenza di "studenti" in aiuto a Hezbollah.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/07/2006 libano
    Beirut delusa per la mancanza di un cessate il fuoco, spera nella forza internazionale
    Appello del card. Sfeir per il soccorso della popolazione. Il porporato esprime ad AsiaNews il suo timore di uno scontro fratricida e condanna l'appoggio di Siria ed Iran ad Hezbollah. Lo sciita Berri hiede alla comunità internazionale di "non consegnare il Libano e la regione nelle mani degli americani e degli israeliani".

    28/07/2006 libano
    Il governo di Beirut approva la richiesta di truppe internazionali nel Libano del sud
    I ministri di Hezbollah e il presidente Lahoud volevano che avessero solo il ruolo di osservatori. Al-Hayat parla di contatti tra Israele e il Partito di Dio. Vasta e favorevole l'eco all'intervento di mons. Lajolo.

    26/07/2006 VATICANO – LIBANO
    Vaticano: appello per i migranti da Asia e Africa "intrappolati in Libano e abbandonati"
    Il Pontificio consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti chiede alla Siria di facilitare l'ingresso e la permanenza temporanea dei rifugiati.

    27/07/2006 VATICANO - LIBANO
    Mons. Lajolo, importante il vertice di Roma, ma "doveroso" il cessate il fuoco in Libano
    La Santa Sede continua a chiedere la sospensione dei combattimenti, ma valuta positivamente la richiesta di dar vita ad una forza internazionale, l'impegno per l'aiuto umanitario e la volontà di difendere la sovranità del Libano.

    17/07/2006 LIBANO – ISRAELE – G8 - ONU
    L'Onu chiede il cessate il fuoco in Libano e propone una forza internazionale di pace
    Mentre continuano bombardamenti e lanci di missili e le forze israeliane di terra entrano in Libano, il G8 condanna gli "estremisti" e afferma che la soluzione va trovata con "metodi politici".



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®