14/10/2021, 10.47
BANGLADESH
Invia ad un amico

Chandpur, 3 morti in scontri tra musulmani e indù: si teme per l'armonia religiosa

di Sumon Corraya

Alla base della violenza ci sarebbe la presunta profanazione di un Corano durante la festa indù del Durga Puja. Il ministro per gli Affari religiosi: "La priorità è ristabilire la pace, nessuno si faccia giustizia da solo".

Chandpur (AsiaNews) – Tre persone sono morte negli scontri scoppiati ieri sera tra fondamentalisti islamici, polizia locale e fedeli indù nei pressi di un tempio a Hajiganj, nel distretto meridionale di Chandpur.

Sui social network, soprattutto su Facebook, si era diffusa la notizia che un gruppo di indù di Comilla, durante le celebrazioni del Durga Puja (festa annuale celebrata proprio dall’11 al 15 di ottobre), aveva profanato una copia del sacro Corano. In risposta al presunto affronto, nel giro di poche ore estremisti musulmani hanno vandalizzato numerosi idoli e templi oltre che case di famiglie della minoranza indù .

In serata è scoppiato poi un violento scontro tra le due fazioni, che ha coinvolto anche la polizia. Oltre ai tre morti accertati, nel villaggio di Hajiganj si contano almeno feriti, di cui 17 poliziotti; nella città di Comilla, dove sarebbe avvenuta la presunta profanazione, i feriti negli scontri sono oltre 30.

“È stato un atto provocatorio", ha affermato Nirmol Pal, segretario generale del Comitato per la celebrazione della Durga Puja di Comilla: "Per interferire con le nostre celebrazioni, i musulmani hanno messo una copia del Corano nel nostro luogo sacro e ci hanno accusato di averla profanata”.

Tra le versioni che circolano in rete c’è anche quella di un presunto testimone oculare, Kazi Tanim un musulmano di Comilla, che sul suo profilo Facebook ha affermato di aver visto qualcuno che introduceva una copia del Corano nel tempio indù per poi posarla ai piedi di una statua.

Il timore ora è che questi scontri possano essere l’inizio di ulteriori tensioni e della fine di un’armonia religiosa che in questa regione durava da molti anni. Nel frattempo, il ministro per gli Affari religiosi, Faridul Haque Khan, ha esortato la cittadinanza alla moderazione in merito all’accaduto e ad astenersi dal farsi giustizia da soli: "La priorità ora è quella di mantenere l'armonia religiosa e la pace. Stiamo monitorando da vicino la situazione a Comilla. L'amministrazione locale è stata incaricata di indagare su ciò che è realmente accaduto. Chiunque sia coinvolto in questi atti di vandalismo con l’intento di distruggere l'armonia religiosa verrà portato in tribunale e condannato secondo la legge".

Al momento, l’amministrazione locale del Chandpur ha proibito ogni forma di riunione pubblica. Oltre a Comilla e a Hajiganj si sono verificati scontri anche a Chattogram, Kurigram e Moulvibazar.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Le feste di Diwali, Durga Puja e Dussehra aumenteranno i contagi di quattro volte
23/10/2020 11:58
Bangladesh: leader islamici condannano il Califfato, “nemico dei musulmani”
21/12/2015
Giovane bangladeshi rompe il silenzio sugli abusi nelle madrasse: minacciato di morte
29/08/2019 09:06
Dhaka, in aumento le denunce di stupro nelle madrasse: arrestato un preside
08/07/2019 13:17
Madrasse femminili in Bangladesh, il ‘regno’ degli abusi sessuali
02/05/2019 11:28