25 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 06/03/2017, 16.00

    CINA

    Chen Jiangang, avvocato cinese: “Se perdessi la mia libertà”

    Chen Jiangang

    La tristezza e l’attaccamento alla vita di Chen Jiangang, avvocato difensore di alcuni avvocati per i diritti umani imprigionati dalle autorità cinesi. Una dichiarazione scritta in previsione delle possibili torture e false confessioni di cui i prigionieri sono oggetto.

    Pechino (AsiaNews) – Chen Jiangang (陈建刚) è uno dei due avvocati difensori  di Xie Yang (谢阳), avvocato cinese per i diritti umani accusato e condannato dalle autorità della Repubblica popolare cinese per sovversione. In queste settimane sono emerse testimonianze delle degradanti condizioni e torture fisiche e psicologiche alle quali essi vengono sottoposti in Cina. Oltre alle torture, gli avvocati sono costretti a “confessare” le loro colpe e a rivelare altri nomi di persone coinvolte nei loro “progetti sovversivi”. Le confessioni sono spesso filmate e diffuse via internet o alla tivù. AsiaNews ha già pubblicato quanto è accaduto agli avvocati Wang Quanzhang (王全璋) e Li Chunfu (李春富). Il Global Times, giornale legato al Partito comunista cinese, ha negato l’utilizzo di torture e violenze contro i “sovversivi” per ottenere informazioni. Intanto crescono gli appelli rivolti alle più alte organizzazioni mondiali per i diritti umani da parte di Ong e da amici e familiari delle vittime. Per timore di subire la stessa sorte dei suoi colleghi, due giorni fa Chen Jiangang ha rilasciato una dichiarazione resa pubblica da “China Change”. Traduzione a cura di AsiaNews.

    La vita è preziosa. Voglio vivere per vedere la realizzazione dei valori universali della democrazia, della libertà, della legge e dei diritti umani in Cina. Voglio vedere un sistema di governo costituzionale consolidato nel Paese. La famiglia è preziosa. Voglio vedere i miei figli crescere e vivere liberi e in salute. Per tutti questi motivi, io non mi ucciderò. Se mi dovesse accadere qualcosa di inaspettato, vi prego di escludere l’ipotesi di suicidio.

    Non ho commesso nessun crimine. Non mi sono mai assentato di proposito da qualunque interrogatorio illegale e non ho mai mosso false accuse o tentato di danneggiare nessuno. Qualunque confessione scritta, orale o videoregistrata, qualunque auto degradazione o accusa verso terzi è stata realizzata in circostanze in cui sono stato privato della mia libertà, costretto contro la mia volontà, torturato o minacciato. Queste sono le uniche circostanze in cui potrei aver detto alcune cose, delle quali nessuna è vera.

    Sono solo un uomo, fatto di carne e sangue. Se messo sotto tortura, non posso garantire di non sottomettermi. Durante i miei anni di lavoro in qualità di avvocato difensore, ho appreso di molti casi di tortura in Cina e dell’indicibile crudeltà ad essi legata. Se venissi torturato e costretto a sottomettermi, qualunque cosa detta sarebbe costruita. Nessuna delle mie affermazioni può essere considerata come prova a sostegno di accuse, condanne o diffamazioni di chiunque.

    Se perdessi la mia libertà e finissi in televisione e rivelare il nome di qualcuno dei miei amici, vi prego di perdonarmi. Quelle non saranno le mie parole o la mia volontà. A quel punto, mi avranno trasformato in nient’altro che un oggetto di scena. Vi prego di perdonarmi.

    Mi assumo la completa responsabilità di ogni personaggio citato nei verbali stilati durante gli incontri con Xie Yang (谢阳) e anche di coloro i cui nomi non sono ancora stati resi pubblici. La stessa cosa vale anche per le infondate menzogne divulgate dai media senza scrupoli dello Stato, che hanno indicato le torture da me subite come false e costruite. Esse sono già state riportate nel mio saggio  su “Come sono venute alla luce le torture di Xie Yang”.

    Cari figli, vostro padre vi ama*

    Chen Jiangang (陈建刚)

    03-03-2017

    *Chen Jiangang ha due figli, di sei e due anni. – nota del traduttore. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/01/2017 10:53:00 CINA
    Avvocati per i diritti umani torturati per strappare loro “confessioni”

    Fra i circa 300 avvocati fermati o arrestati il 50% sono cristiani cattolici o protestanti. Battiture, scariche elettriche, minacce, divieto di bere per convincerli di aver “cospirato contro la sicurezza dello Stato”. Minacciate anche le mogli degli avvocati.



    16/02/2017 14:40:00 CINA
    Wang Quanzhang, avvocato per i diritti umani, accusato di ‘sovversione contro il potere dello Stato’

    Wang fa parte del gruppo di 300 avvocati arrestati con la campagna “709” nel luglio 2015. È stato tenuto segregato e in isolamento, sottoposto a torture.



    02/03/2017 16:03:00 CINA
    Lettera ai leader mondiali dai familiari degli avvocati del “709” sui dettagli emergenti delle orribili torture

    L’ufficio della pubblica sicurezza, il procuratorato municipale, il secondo centro di detenzione di Changsha e tutte le persone coinvolte nel caso di Xie Yang hanno agito in modo complice gli uni con gli altri. Hanno impedito agli avvocati di vedere Xie Yang, hanno insabbiato la tortura destinata ad ottenere una confessione e punito un uomo del tutto innocente.



    31/01/2017 12:16:00 UNIONE EUROPEA - CINA
    L’UE chiede conto alla Cina dei casi di tortura degli avvocati per i diritti umani

    Nota ufficiale della Portavoce. Il rilascio di Xie Yanyi e Li Chunfu “un passo in avanti”. La richiesta di spiegazioni per i casi Li Heping, Wang Quangzhang e Xie Yang. Chiesta la scarcerazione degli avvocati e attivisti ancora detenuti.



    22/06/2016 11:07:00 CINA
    Non solo Wukan: una “epidemia di legalità” invade il Guangdong

    La lotta contro la corruzione e gli espropri di terreni del “villaggio simbolo” nella ricca provincia meridionale spinge le aree confinanti a denunciare gli stessi soprusi. Mancano però i fondi per portare avanti le proteste e leader “puliti e capaci” di affrontare il governo. Lin Zuluan, capo villaggio e Segretario comunista di Wukan, “confessa” di aver preso tangenti. E sul sito del Global Times gli utenti chiedono: “L’avete torturato?”.





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®