19/01/2018, 13.55
INDIA

Chhattisgarh, ritirata la legge che usurpa le terre dei tribali

La revoca avvenuta per le proteste dei gruppi indigeni. Chiesa ‘dalla parte dei poveri’. Circa il 28% della popolazione è tribale. Nello Stato si produce il 15% dell’acciaio di tutta l’India.

Raipur (AsiaNews) – Lo Stato del Chhattisgarh è stato costretto a ritirare la legge che usurpava le terre dei tribali per le forti contestazioni dei gruppi indigeni. Lo scorso 11 gennaio il governo guidato dai nazionalisti indù del Bharatiya Janata Party ha revocato il Land Revenue Code (Amendment) Bill 2017, approvato quasi un mese prima. Ad AsiaNews mons. Victor Henry Thakur, arcivescovo di Raipur e presidente del Consiglio dei vescovi cattolici del Chhattisgarh, afferma: “La Chiesa è dalla parte della popolazione. Lotta insieme ai tribali e ai poveri per difenderne i diritti”.

Secondo mons. Thakur, il governo locale “non ha un atteggiamento positivo nei confronti delle minoranze, dei tribali e degli oppressi. Sulla legge ci sono state ampie proteste da parte della popolazione”. Poi tiene a ribadire “che non si tratta di questioni religiose. L’opposizione alla legge è guidata da un movimento di popolo, che vuole la revoca della normativa”.

I gruppi indigeni locali definiscono la direttiva come la “legge nera” che si impadronisce delle loro terre. La versione approvata dall’Assemblea statale a dicembre comprende un emendamento che consente al governo di acquistare i terreni direttamente dai tribali, senza prima avere il consenso del consiglio del villaggio. Secondo le autorità, questo procedimento consentirebbe di velocizzare i progetti di sviluppo avviati dallo Stato. Al contrario, i tribali lamentano che essa è solo lo stratagemma per requisire i terreni, facendo leva sulle difficoltà economiche dei proprietari.

L’arcivescovo di Raipur riferisce che nello Stato indiano “vivono circa 24 milioni di abitanti e i tribali rappresentano circa il 27-28% della popolazione totale. In alcuni distretti toccano persino il 33%. I cristiani invece sono una piccola minoranza, meno del 2%”.

Nella regione si produce il 15% dell’acciaio di tutto il Paese, ma la metà della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. Lo Stato è considerato il maggiore complesso industriale per le aziende del settore minerario, del metallo e del carbone, ma la proprietà delle industrie appartiene a investitori stranieri che di rado impiegano manovalanza tribale.

Per mons. Thakur, “la Chiesa è molto preoccupata, perché protegge i diritti dei tribali. Siamo felici che il governo abbia ritirato la normativa”. “La nostra paura – avverte in conclusione – è che una volta rieletti, i parlamentari propongano di nuovo la legge. Il pericolo rimane”.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Chhattisgarh, vandalizzata una chiesa pentecostale: arrestati sette radicali indù
07/03/2016 11:45
Card. Gracias: Grave ingiustizia l’assoluzione dei presunti stupratori di una suora cattolica
07/01/2017 09:17
Il card. Tagle per i tribali lumad: militari e ribelli abbandonino le loro “terre di pace”
12/11/2015
Chhattisgarh, assolti i due malviventi accusati dello stupro di una suora cattolica
05/01/2017 08:49
Ranchi: in 5mila manifestano contro la legge anti-conversione e per le terre
25/09/2017 08:58