24 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/08/2012, 00.00

    EGITTO

    Chiesa cattolica egiziana: "Positive" le dimissioni del gen. Tantawi



    La decisione del presidente Mohammed Morsi segna la fine del doppio potere esercito-istituzioni civili. Il cambio dei vertici del Consiglio Supremo delle Forze Armate segue la tragedia del valico di Rafah (Sinai) costata la vita a sette soldati. Restano alti i timori di un'islamizzazione della società da parte dei Fratelli musulmani.

    Il Cairo (AsiaNews) - "Le dimissioni del gen. Hussein Tantawi chieste dal presidente sono positive e hanno posto fine al doppio potere fra militari e istituzioni civili, non adatto al buon governo del Paese". È quanto afferma ad AsiaNews p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, in merito al recente cambio ai vertici dell'establishment militare ordinato da Mohammed Morsi. La mossa del capo di Stato islamista ha suscitato molte critiche, ma secondo il sacerdote non è contro la legge. "Come accade in tutte le democrazie - spiega - il presidente può rinnovare i vertici una volta salito al potere". "Ciò che preoccupa - continua - - è l'eccessivo potere dei Fratelli musulmani e il rischio di un'islamizzazione della società egiziana".

    La richiesta di dimissioni del capo del Consiglio Supremo delle Forze Armate (Scaf), è stata comunicata lo scorso 11 agosto. Insieme al gen. Tantawi, nominato poche settimane fa ministro della difesa, si dovrà dimettere anche  Sami Annan altra figura chiave dello Scaf legata al vecchio regime di Hosni Mubarak.  Ieri, Morsi ha annunciato anche la cancellazione del documento costituzionale firmato il 17 giugno, che dà all'esercito il potere legislativo fino alla presentazione della nuova costituzione. Morsi ha affermato che la scelta è "stata fatta per il bene del Paese". I nuovi generali nominati appartengono  all'attuale establishment militare. Nessuno di loro è legato ai Fratelli musulmani, anche se essi sono tutti religiosi osservanti. Tuttavia vi sono ancora molti dubbi sul futuro ruolo del gen. Tantawi, che non ha ancora dichiarato se accetterà o meno la decisione del presidente. Intanto, la presidenza ha già indicato un sostituto. Egli è il gen. Abdel-Fattah al-Sisi, che servirà anche come ministro della Difesa.

    "Molti partiti - continua p. Greiche - pur condividendo la necessità di un cambio ai vertici, sostengono che Morsi ha agito in modo unilaterale senza consultare le altre forze politiche, aumentando la diffidenza verso gli islamisti". "Tutti gli egiziani che credono in uno Stato laico hanno paura dei Fratelli musulmani - sottolinea - ma senza l'eccessiva ingerenza dei militari la politica sarà più trasparente e si saprà  chi prende le decisioni, siano esse giuste o errate. In caso di decisioni impopolari, i Fratelli musulmani saranno l'unico bersaglio di manifestazioni e proteste".

    Il cambio ai vertici del potere militare avviene dopo l'attacco degli estremisti islamici contro un posto di blocco sul valico di Rafah (North Sinai) al confine con la Striscia di Gaza e Israele, costato la vita a 16 soldati. Il fatto ha scioccato l'Egitto e ha scatenato molte critiche nei confronti dei militari, accusati di gravi negligenze nel mantenere sicurezza nel Paese, soprattutto nella penisola del Sinai. Per dare un segnale a Israele e alla popolazione, entrambi scettici sull'efficienza delle forze armate, l'esercito ha dato il via a una serie di raid aerei per stanare e catturare  i gruppi terroristi attivi nella zona.

    Dopo il crollo di Mubarak, la zona si è trasformata in una terra senza legge dominata dai beduini e gruppi terroristi. La maggior parte dei soldati uccisi nell'attacco non aveva esperienza. Essi sono stati sopresi dai terroristi mentre erano impegnati a celebrare l'iftar (cena per la fine del digiuno), invece di sorvegliare l'avamposto. Nei giorni scorsi , il presidente ha chiesto le dimissioni di Muraf Muwafi, capo dei servizi segreti, Abdel Wahab Wabruk, governatore del North Sinai, e Hamdi Badeen capo della polizia della regione.  

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/07/2013 EGITTO
    Chiesa cattolica: "In Egitto non vi è un colpo di Stato"
    P. Rafic Greiche spiega ad AsiaNews il cambio di poteri in Egitto. Per il portavoce dei cattolici egiziani l'esercito ha scelto di proteggere una rivoluzione pacifica organizzata da milioni di giovani. Al momento i militari non hanno alcun incarico politico. Il nuovo governo ad interim terrà conto di tutti le componenti della società, compresi i Fratelli Musulmani. Scontri a Giza. Assaltata una chiesa cattolica nell'Alto Egitto.

    31/01/2012 EGITTO
    Elezioni egiziane, nuova vittoria degli islamisti. Militari forse via entro maggio
    Fonti di AsiaNews spiegano che i patiti musulmani hanno preso in totale circa l'80% dei voti. I risultati ufficiali si attendono per i prossimi giorni. L’esercito annunciato il primo trasferimento forzato di uno dei suoi generali: Ismail Etmanm, ex di Mubarak, implicato nelle violenze compiute dai militari contro i manifestanti di piazza Tahrir. Egli è il primo membro dello Scaf a subire un allontanamento.

    18/06/2012 EGITTO
    Mentre gli islamisti vantano la vittoria alle presidenziali l'esercito si riprende il potere
    I militari varano a sorpresa una legge che limita i poteri del futuro presidente e dà loro la facoltà di scegliere la nuova Assemblea costituente. Leader politici democratici e islamisti gridano al colpo di Stato.

    21/11/2011 EGITTO
    Egitto, sale il bilancio degli scontri in piazza Tahrir: 30 morti e mille feriti
    Dopo una breve sosta sono riprese questa mattina le proteste in piazza Tahrir. Oltre 4mila i partecipanti. Alcuni di loro hanno scagliato bottiglie molotov scatenando la reazione violenta dei militari. L’esercito accusato di aver sparato sulla folla con proiettili veri. Prime vittime anche ad Alessandria d’Egitto. Per protesta si dimette il ministro della Cultura.

    11/07/2012 EGITTO
    Migliaia di islamisti in piazza contro la Corte suprema ostaggio dei militari
    La Corte ha annullato ieri sera il decreto presidenziale per ripristinare il parlamento. Per gli islamisti la decisone è politica e non ha nulla a che fare con il rispetto della Costituzione. La maggior parte dei giudici sarebbe legata all'ex regime di Mubarak.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®