19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/11/2017, 11.16

    INDIA

    Chiesa indiana: il 12 novembre la ‘Domenica per la liberazione dei dalit’ (Video)



    L’iniziativa è promossa dall’Ufficio per le caste e le tribù svantaggiate della Cbci. Il sistema delle caste è radicato nella società e nelle gerarchie ecclesiastiche. Mons. Neethinathan: “La discriminazione ci ha diviso per generazioni”.

    New Delhi (AsiaNews) – Cattolici e protestanti dell’India celebreranno il prossimo 12 novembre la “Domenica per la liberazione dei dalit”, che da quest'anno si svolgerà la seconda domenica di novembre. L’iniziativa è promossa da mons. Anthonisamy Neethinathan, vescovo di Chingleput (Tamil Nadu) e presidente dell’Ufficio per le caste e le tribù svantaggiate della Conferenza episcopale indiana (Cbci).

    Il tema della giornata sarà “Libertà religiosa dei dalit”. In un comunicato diffuso alla vigilia dell’evento, mons. Neethinathan afferma che si tratta di “un appello a tutta la comunità cristiana a rinnovare la nostra fede, ad essere la voce di chi non ha voce e a stare dalla parte di coloro che sono vulnerabili nella società”.

    Secondo il vescovo, “siamo uniti nello stesso spirito di Dio per mostrare amore e trattare gli altri come fratelli. L’India è la culla di molte civiltà e religioni. La nostra Costituzione accorda la libertà di scegliere la religione che vogliamo praticare. Ma nella realtà ai nostri fratelli e sorelle dalit vengono negati i diritti [accordati] alle caste svantaggiate solo perché essi si convertono al cristianesimo”.

    In India la divisione in caste è stata abolita dalla Costituzione, ma la discriminazione dei dalit (ex intoccabili) è ancora radicata nella società. Il presidente dell’Ufficio della Cbci sottolinea che essi “non sono solo poveri dal punto di vista economico, non hanno potere neanche nella politica. Il sistema delle caste è stato creato dall’uomo e rimane uno stigma sociale che per generazioni ci ha diviso. Perciò non siamo stati in grado di sperimentare la reale presenza di Dio nelle nostre vite. Dio Padre ci ha creato come suoi figli amorevoli per diventare simili a Cristo. Invece noi rimaniamo estranei a Dio discriminando i nostri fratelli membri del corpo mistico di Cristo”.

    Il vescovo ammette che i dalit sono discriminati non solo nella società, ma anche all’interno della Chiesa. Proprio per superare la loro emarginazione nelle gerarchie ecclesiastiche, lo scorso anno la Cbci ha approvato un piano d’azione per l’inclusione dei dalit. Inoltre mons. Neethinathan ricorda che i vescovi hanno presentato un esposto alla Corte suprema indiana per sfidare la validità dell’Ordine costituzionale del 1950 che esclude cristiani e musulmani dalle quote riservate per l’accesso ai posti di lavoro e alle scuole, che invece vengono garantite agli altri dalit indù, buddisti e sikh.

    Invitando tutti i cristiani ad unirsi alle celebrazioni, il vescovo afferma che la “Domenica della liberazione dei Dalit” offre “l’opportunità di dare speranza, rafforzare e risollevare i nostri fratelli”. Poi lancia un appello: “Sia celebrata con la stessa speranza delle vergini prudenti che attendono la venuta di Gesù Cristo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/05/2017 12:20:00 INDIA
    Vescovo di Chingleput: nelle scuole cattoliche sconti per i dalit

    Mons. Anthonisamy Neethinathan è il presidente dell’Ufficio per le caste e tribù svantaggiate della Conferenza episcopale indiana. La circolare si rivolge a tutte le scuole cattoliche della diocesi. “Il suo esempio dovrebbe essere seguito da tutti”. Riduzioni anche per gli studenti di prima generazione e per quelli poveri.



    13/12/2016 16:03:00 INDIA
    India, i vescovi approvano un piano d’azione per i dalit

    La discriminazione di casta è tutt’ora evidente, anche nella Chiesa. Una politica nazionale per riconoscere ai dalit il loro valore umano intrinseco. Su 19 milioni di cattolici in India, 12 sono dalit. Lo Stato non riconosce diritti e titolarità di sussidi e aiuti specifici.



    21/10/2015 INDIA
    India, due bambini dalit bruciati vivi per una lite su un cellulare
    Vaibhav, due anni e mezzo, e la sorella Divya, di nove mesi, sarebbero morti per una diatriba su un cellulare da 27 euro. I membri di una casta elevata hanno incendiato la loro casa. La madre è ricoverata in condizioni critiche, il padre ha ustioni a entrambe le mani. Cinque poliziotti sospesi per negligenza. Attivista per i diritti di dalit e tribali: “Nessun governo è in grado di contenere o fermare la violenza senza pietà contro le caste più basse. Polizia e governo non si assumono le proprie responsabilità e fanno apparire gli altri come non sinceri”.

    01/05/2017 09:28:00 INDIA
    Vescovi indiani: nella Festa dei lavoratori, non dimentichiamo il migrante sfruttato e trafficato

    Il Messaggio dell’Ufficio per il lavoro della Conferenza episcopale. Nel 1955 papa Pio XII istituì la festa di san Giuseppe Lavoratore “per cristianizzare il lavoro”. In India i migranti interni sono circa 326 milioni, su 1,2 miliardi di abitanti. Migranti privati della dignità e dell’accesso ai servizi.



    23/06/2017 12:31:00 INDIA
    India, governo e opposizione candidano dalit alla presidenza, "ma le caste restano"

    Ram Nath Kovind è sostenuto dal Bharatiya Janata Party; Meira Kumar da 16 partiti di opposizione guidati dal Congress. Entrambi hanno più di 70 anni e lunghe esperienze in politica. Lenin Raghuvanshi ritiene che la scelta di esponenti dalit “non scalfisce i mali del sistema delle caste”. Il premier Narendra Modi è riuscito a spaccare le opposizioni.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®