25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/05/2017, 08.42

    INDONESIA

    Chiesa indonesiana per il dialogo: oltre 5mila ragazzi alla Joyful Run

    Mathias Hariyadi

    All’evento sportivo hanno partecipato giovani provenienti da religioni, comunità e classi sociali differenti. Raccolto con entusiasmo l’invito ad abbracciare lo spirito di unità e a difendere il pluralismo. Mons. Pius Riana Prapdi: “Celebrare le differenze nella società significa celebrare la nazione”. La festa è una forte risposta all'attuale situazione socio-politica in Indonesia. p. Antonius Haryanto: “Essere diversi è una cosa comune e rimanere uniti è una grazia enorme”.

     

    Jakarta (AsiaNews) – Oltre 5mila persone hanno preso parte alla Joyful Run AYD 2017, evento sportivo organizzato dalla Commissione per i giovani della Conferenza episcopale indonesiana (Komkep Kwi). La manifestazione rientra tra le iniziative programmate dai vescovi in previsione della 7ma Giornata della gioventù asiatica (AYD 2017), che si svolgerà dal 30 luglio al 6 agosto 2017 a Yogyakarta, Central Java. 

    Lo scopo di questo raduno sportivo, tenutosi lo scorso 7 maggio a Tangerang, era promuovere il dialogo tra i partecipanti, giovani provenienti da religioni, comunità e classi sociali differenti. I ragazzi hanno raccolto con entusiasmo l’invito della Chiesa cattolica indonesiana ad abbracciare lo spirito di unità su cui è fondata la Repubblica d’Indonesia e a difendere il pluralismo, citato dal motto nazionale “Bhinneka Tunggal Ika” [Unità nella diversità ndr].

    Mons. Pius Riana Prapdi, vescovo della diocesi di Ketapang e presidente della Komkep Kwi, ha dichiarato: “Celebrare le differenze nella società significa celebrare la nazione. La Joyful Run AYD 2017 è la gioiosa celebrazione del pluralismo che ci unisce. La presenza e la partecipazione di questi ragazzi ha lanciato un chiaro messaggio al Paese intero, Chiesa indonesiana compresa:  il principio alla base della nostra nazione è vivo e forte. Le loro preghiere sono un grande aiuto al nostro impegno per difendere i valori del pluralismo e dell’unità nella diversità”.

    Lo spirito che anima questa festa sportiva è una forte risposta all'attuale situazione socio-politica in Indonesia, soprattutto a Jakarta. È un momento storico in cui l'unità nella diversità viene “messa alla prova” dal grave scontro politico tra i gruppi moderati e i movimenti fondamentalisti, sempre più attivi nella sociale indonesiana.

    Parlando con AsiaNews durante l'evento, p. Antonius Haryanto, segretario generale della Komkep KWI, ha espresso la sua gratitudine a tutti coloro che hanno lavorato duramente “dietro le quinte” affinché questo grande evento sportivo avesse luogo e si svolgesse in maniera pacifica. “La Joyful Run AYD 2017 è un messaggio chiaro e una prova forte che tutte le parti provenienti da diversi ambiti sociali hanno mostrato il loro enorme sostegno allo spirito del pluralismo e l'amore per la pace nella società. Non c'è bisogno di preoccuparsi e di aver paura. Essere diversi è una cosa comune e rimanere uniti è una grazia enorme”, ha detto p. Antonius.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/03/2017 09:20:00 INDONESIA
    A Yogyakarta la prossima Giornata della gioventù asiatica: in arrivo giovani da 29 Paesi

    Il pluralismo della società indonesiana ha ispirato il tema dell’evento. La Chiesa cattolica in Asia nella vasta varietà di etnie, lingue e culture. Mons. Suharyo: “Tutti i partecipanti capiscano a fondo l’importanza del concetto di unità nella diversità”. Mons. Prapdi: “La diversità è un bene sociale e culturale senza prezzo”.



    08/07/2006 FILIPPINE - GIORNATA DELLA GIOVENTÙ ASIATICA
    Dalle Filippine 70 giovani ad Hong Kong per la Giornata della gioventù asiatica

    La Conferenza episcopale delle Filippine comunica l'imminente partenza di 70 ragazzi e ragazze diretti ad Hong Kong per la Quarta Giornata della gioventù asiatica. Quest'anno l'evento, a cui parteciperanno oltre mille persone, è incentrato su "Giovani, speranza delle famiglie asiatiche".



    31/07/2006 Hong Kong – Cina – giornata della gioventù asiatica
    Card. Zen: "Pechino ha proibito ai giovani cattolici cinesi di unirsi a noi"

    Il porporato ha accusato ieri quattro province cinesi di non aver dato il permesso ai giovani cattolici di partecipare alla Giornata della Gioventù asiatica, considerata da Pechino "un evento anti-Cina".



    28/07/2006 INDIA – GIORNATA DELLA GIOVENTÙ ASIATICA
    Giovani cattolici indiani "impazienti" di partecipare alla AYD

    Più di 50 persone dall'India sono arrivate ad Hong Kong per la quarta Giornata della gioventù asiatica: "vogliamo conoscere i problemi di cattolici in altri Paese ed essere fermento per la società in cui viviamo".



    06/06/2017 11:50:00 INDONESIA
    7ma Giornata della Gioventù Asiatica, la forza e l’entusiasmo della testimonianza

    La prossima edizione si terrà dal 30 luglio al 6 agosto a Jogyakarta, presso l’arcidiocesi di Semarang. Un'occasione per i giovani di rinnovare e approfondire la fede nel contesto di un'Asia multiculturale. La Chiesa d’Indonesia condivide la propria esperienza. Michael Irwanto Fame: “Convinto che questo evento ci donerà forza ed entusiasmo per affrontare la missione di Dio ed essere testimoni del Vangelo”.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®