13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/02/2008, 00.00

    CINA - HONG KONG

    Ching Cheong: “In carcere, solo, ho anche pensato al suicidio”



    Il giornalista Ching heong racconta per la prima volta i suoi quasi 3 anni in carcere. Condannato senza prove per “spionaggio a favore di Taiwan” e rilasciato in anticipo grazie alle molte richieste. Ha trovato conforto nella preghiera e nella lettura di testi religiosi e mistici.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – “Sono anche caduto in una spirale depressiva, [convinto] che il modo di finire tutto fosse il suicidio”. Il giornalista Ching Cheong racconta la sua vita da detenuto, per la prima volta dopo il rilascio il 5 febbraio.

    “Quando sono state arrestato e ammanettato,  quando la porta della cella si è chiusa con un tonfo – racconta al South China Morning Post – mi si è spezzato il cuore”. “Mi sono sentito tradito da tutti i valori che ho sempre perseguito, come il patriottismo, l’onestà e l’equilibrio morale”.

    Il giornalista di Hong Kong è stato arrestato nell’aprile 2005 per “spionaggio a favore di Taiwan”. E’ stato condannato a 5 anni di carcere: avrebbe confessato di aver venduto informazioni militari a Taiwan e di aver messo in piedi una rete di spionaggio per “vendere segreti di Stato” all’estero. Ma lui ha sempre negato l’accusa e la nega tuttora. Nel novembre 2006 la condanna è confermata, al termine di un processo durato un giorno in cui non sono state prodotte prove d’accusa. Dissidenti dicono che l’arresto sia invece collegato alla sua ricerca su Zhao Ziyang, segretario del Partito ai tempi delle rivolte pro-democrazia, e sul massacro di Tiananmen nell’89.

    In carcere a lungo è stato solo e presto si è stancato di scrivere e di preparare la difesa. Poi ha trovato forza nella meditazione e nella preghiera. “Ho chiesto a Dio – dice – di aiutarmi a conservare la salute, la forza di volontà e la fede, ad affrontare le difficoltà” in attesa di tornare libero. Ha letto la Bibbia, i classici buddisti e l’antico testo cinese “I Ching”. Ha anche cercato di tenersi informato delle notizie “di fuori”.

    Il suo giornale e gli amici si sono battuti per il rilascio, che è arrivato dopo che ha scontato circa metà della pena.

    Ching crede ancora nel suo Paese e nella possibilità di migliorarlo. Cita un verso di Lin Zexu, funzionario patriota della dinastia Qing: “Farò tutto quanto occorre per servire il mio Paese, anche a costo della vita, senza riguardo a quanto è meglio o peggio per me”. Questo – dice - “è proprio quello che lega il cuore mio e dei miei amici”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/02/2008 CINA
    Segnali contrastanti di Pechino sui diritti umani
    Quattro 4 anni di carcere a Lu Gengsong per avere parlato della corruzione di funzionari pubblici. In galera oltre 40 giornalisti per accuse analoghe. Ma ieri è stato liberato il giornalista Ching Cheong ed è stato dimesso un dirigente che ha ordinato un arresto illegale. I due volti del Paese.

    05/02/2008 HONG KONG - CINA
    Liberato Ching Cheong, giornalista condannato senza prove
    Il cronista, che lavorava per lo Straits Times, era stato condannato a 5 anni di galera per “spionaggio a favore di Taiwan”. Questa mattina, dopo aver scontato metà della pena, è stato rilasciato su cauzione.

    24/11/2006 CINA – HONG KONG
    L'Alta Corte di Pechino rigetta l'appello Cheong: confermati 5 anni di carcere

    Familiari e colleghi del giornalista - condannato senza prove per spionaggio a favore di Taiwan - accusano l'ingiusto sistema legale cinese, che non ha neppure preso in considerazione l'appello.



    04/09/2006 HONG KONG - CINA
    La moglie del giornalista di Hong Kong prigioniero in Cina combatterà per l'appello

     Mary Lau, moglie di Ching Cheong, chiede cure mediche per il marito anche in carcere: ha seri problemi cardiaci.Il giornalista, condannato a cinque anni di carcere dopo un processo senza prove, passerà il suo tempo a studiare.



    05/08/2005 cina - hong kong
    Giornalista di Hong Kong accusato di spionaggio. Rischia la pena di morte
    Cercava documenti su Zhao Ziyang. Per la popolazione di Hong Kong, Pechino vuole mettere la museruola alla stampa del territorio.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®