24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/07/2017, 11.28

    CINA - HONG KONG

    Cina, Liu Xiaobo: i cristiani di Hong Kong in lutto, chiedono il rilascio della moglie

    Victoria Ma

    Card. Zen: “Il tuo sangue non sia stato versato invano”. Organizzate fiaccolate a Hong Kong e fuori dal Paese. Alleanza: la popolazione ha il diritto di piangere Liu, no alle interferenze nel cordoglio.

    Hong Kong (AsiaNews) – I manifestanti stavano organizzando un sit-in fuori dall’ufficio rappresentativo di Pechino a Hong Kong, quando è arrivata la notizia della morte del premio Nobel per la pace Liu Xiaobo, nella notte del 13 luglio. Più e più persone si sono riunite sul luogo e hanno organizzato una veglia per Liu, morto di cancro al fegato all’età di 61 anni.

    La notizia era stata pubblicata sul sito del dipartimento di giustizia della città di Shenyang (Liaoning).

    Liu era stato giudicato colpevole di “crimini di sovversione” da una corte a Pechino ed era stato condannato a 11 anni di prigione. Era stato rilasciato in libertà vigilata per colpa del cancro al fegato. Esperti medici erano arrivati dalla Germania e dagli Stati Uniti e avevano discusso con i dottori cinesi. Le autorità cinesi hanno insistito che egli restasse in Cina per essere sottoposto a trattamenti medici, ma esperti dall’estero e governi avevano esortato il governo cinese a rispettare il suo desiderio di essere curato fuori dal Paese.

    Il cardinal Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong, che aveva di recente scritto una lettera di benedizione, ora sta pregando Dio che gli conceda di riposare in pace. “Caro Xiaobo,” scrive il card. Zen. “Nel mio cuore, sei come il profeta Geremia. Sei come un agnello portato al macello. Chiediamo giustizia per te al Signore, ma la tua saggezza ci ha ricordato la missione di un profeta, che include sofferenza e morte. Attraverso te e tua moglie, abbiamo offerto al Signore Nostro Dio la riforma della nostra madrepatria. Il tuo sangue non sia stato versato invano. Possa Dio benedirti e darti pace!”

    La Commissione Giustizia e pace della diocesi di Hong Kong e un’associazione d’ispirazione sociale a guida protestante organizzeranno un incontro di preghiera per esprimere le condoglianze per Liu la sera del 14 luglio, davanti all'Ufficio per il rapporto di Hong Kong con il governo centrale del popolo (China Liason Office).

    Intanto, l’Alleanza di Hong Kong, in sostegno al movimento democratico e patriottico della Cina, in un comunicato del 13 luglio ha condannato le autorità cinesi per non aver rispettato il desiderio di Liu di essere curato e per aver impedito a Liu di parlare in modo libero, e chiedono l’immediato rilascio di Liu Xia e della sua famiglia.

    Sin dal movimento pro-democrazia a Pechino nel 1989, Liu Xiaobo aveva sempre combattuto per la democrazia con mezzi non violenti. Nel 2009, è stato arrestato per il suo contribuito alla stesura della “Carta 08” e condannato a 11 anni di carcere.

    L’Alleanza afferma che la popolazione ha il diritto di piangere Liu, e ogni gesto di cordoglio non dovrebbe subire alcuna interferenza. Chiedono inoltre che il governo cinese smetta di tenere la famiglia e gli amici di Liu Xiaobo sotto sorveglianza. La sera del 15 luglio l’Alleanza terrà una marcia con fiaccolata in memoria di Liu Xiaobo. Anche dei gruppi cinesi a Toronto hanno organizzato una veglia con candele per Liu Xiaobo fuori dal consolato cinese oggi, 14 luglio.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/07/2017 11:52:00 CINA
    Liu Xia costretta a “vacanze” forzate. Gli attivisti ricordano il marito a sette giorni dalla morte

    Secondo il Centro per i diritti umani e la democrazia in Cina, è trattenuta dalla polizia nella pronvicia dello Yunnan, in isolamento. Ovunque si tengono commemorazioni del premio Nobel a una settimana dalla sua morte, ma Pechino sorveglia da vicino e censura ogni riferimento al dissidente.



    15/10/2010 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, la Via Crucis per i perseguitati si farà
    Prevista per domani, nel Territorio, la preghiera per la libertà religiosa in Cina e per i vescovi e i sacerdoti del Paese attualmente in galera: vinta la sfida di Giustizia e pace. Il vescovo di Hong Kong mons. Tong: “Il Nobel a Liu Xiaobo è un onore per tutti i cinesi”.

    14/02/2014 HONG KONG - CINA
    Cina: a san Valentino, attivisti si rasano la testa per chiedere la liberazione di Liu Xia
    Un gruppo composto da 9 attivisti democratici ha manifestato a Hong Kong per protestare contro i domiciliari inflitti alla moglie del Premio Nobel per la pace. A loro si uniscono alcune voci dalla Cina continentale, che su Twitter sposano la protesta e chiedono giustizia e libertà per coloro che lottano per i diritti umani e la democrazia nel Paese.

    10/11/2010 CINA
    Oslo a Pechino: “Mandate Liu Xia a ritirare il Nobel del marito”
    La Commissione che assegna il prestigioso riconoscimento “spera” in un ripensamento delle autorità cinesi. L’alternativa è quella di assegnare il Premio a un delegato del dissidente, che sta scontando 11 anni di galera. I Paesi Ue sfidano la Cina: parteciperanno alla cerimonia del 10 dicembre.

    09/11/2010 CINA
    A un mese dal Nobel a Liu Xiaobo, nuovi arresti fra i dissidenti cinesi
    Pechino “festeggia” la ricorrenza arrestando altri membri della dissidenza. Fermato alla dogana Mo Shaoping, che ha difeso in tribunale quasi tutte le personalità contrarie al regime.



    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®