21 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/12/2016, 12.08

    STATI UNITI – GIAPPONE

    Cina, Trump e politica interna: le ragioni della visita di Abe a Pearl Harbor



    Il primo ministro nipponico vuole rinsaldare l’“alleanza di speranza” con Washington in attesa di conoscere le intenzioni del prossimo presidente americano. La Cina invita Abe a scusarsi per il massacro di Nanchino. L’indice di approvazione del premier sale al 60%.

    Honolulu (AsiaNews/Agenzie) – Non dobbiamo mai più “ripetere gli orrori della guerra, questo è il giuramento solenne che il Giappone ha preso”. Lo ha dichiarato ieri il primo ministro giapponese Shinzo Abe concludendo la visita alla base militare di Pearl Harbor, teatro dell’attacco del 7 dicembre 1941 con cui aviazione giapponese causò 2400 perdite americane. Abe, che non ha chiesto scusa per l’accaduto, è il primo leader giapponese a recarsi al memorial della Uss Arizona, una delle corazzate affondate nell’attacco.

    Accompagnato da Obama, il primo ministro ha pregato per i morti e rinnovato l’“alleanza di speranza” con Washington. Abe ha poi ringraziato gli Stati Uniti per gli sforzi compiuti nel riallacciare i rapporti diplomatici dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Il primo ministro ha avuto modo di stringere le mani e parlare con alcuni superstiti dell’attacco.

    Secondo gli analisti, l’obiettivo della visita di Abe è triplice: rafforzare i rapporti in attesa della salita al potere del nuovo presidente Donald Trump; rinsaldare l’alleanza con gli Stati Uniti in funzione anti-cinese; guadagnare consensi nel proprio Paese in vista delle prossime elezioni.

    La politica del prossimo inquilino della Casa Bianca è fonte di inquietudine a Tokyo per diversi motivi. Durante la campagna elettorale il magnate ha messo in discussione il valore della presenza militare statunitense in Giappone (fondamentale per Tokyo soprattutto in caso di armamento nucleare della Corea del Nord) e in generale l’assetto della sicurezza regionale, che secondo Trump farebbe troppo affidamento su Washington. Il neo presidente ha anche suggerito che il Giappone si doti di armi nucleari proprie.

    Il secondo aspetto che preoccupa Abe è di tipo economico. Lo stesso Trump, infatti, ha promesso di abbandonare il Ttp (Trans Pacific Partnership), trattato di libero scambio che il primo ministro nipponico ha appoggiato con forza, facendolo approvare dal parlamento all’inizio di dicembre. Hiromichi Shirakawa, capo economista di Credit Suisse Securities a Tokyo, afferma che la decisione di Trump “peggiorerebbe in modo significativo le relazioni commerciali fra i due Paesi”. Shinzo Abe è stato il primo leader internazionale ad incontrare il neo eletto presidente americano, in un colloquio di 90 minuti al termine del quale lo ha definito “un leader verso il quale io posso avere piena fiducia”.

    I rapporti con Washington sono considerati fondamentali da Tokyo per limitare l’influenza della Cina nell’Asia-Pacifico. Pechino cerca nella regione il predominio economico e militare, assumendo un atteggiamento sempre più deciso nelle acque contese del mar Cinese meridionale e orientale. La visita di Abe a Pearl Harbor non è stata ben accolta dalla Cina, che pretende che il Giappone faccia la stessa cosa per ricucire gli strappi causati dalla guerra. Zhao Quansheng, professore dell’American University, ha suggerito che Abe visiti anche Nanchino, dove nel 1937 le truppe giapponesi massacrarono civili e soldati disarmati cinesi.

    Il primo ministro nipponico è al quarto anno del suo secondo mandato. Secondo i sondaggi il tasso di approvazione in patria raggiunge il 60%. Il suo entourage ritiene che la visita storica a Pearl Harbor potrebbe dare ad Abe un vantaggio sufficiente per vincere ipotetiche elezioni anticipate nel 2017.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/12/2016 08:45:00 STATI UNITI – GIAPPONE
    Shinzo Abe atterra alle Hawaii: oggi visiterà Pearl Harbor

    Verrà accompagnato da Barack Obama sul luogo dell’attacco Il primo ministro giapponese pregherà per i morti ma non chiederà scusa. È la prima volta che i leader di entrambi i Paesi fanno visita insieme al memorial.



    12/05/2005 CINA
    Cina, l'inquinamento del fiume Pearl è "preoccupante"
    Gli impianti di depurazione vengono costruiti solo ad uso delle grandi città mentre i contadini devono usare l'acqua inquinata. Secondo dati ufficiali il fiume getta in mare oltre 133 mila tonnellate di rifiuti l'anno.

    05/05/2014 FILIPPINE - STATI UNITI - CINA
    Mar Cinese meridionale: Manila e Washington giocano alla guerra per contrastare Pechino
    Filippine e Stati Uniti hanno iniziato le esercitazioni militari annuali congiunte; impegnati 2.500 soldati americani e 3mila colleghi filippini. Previsti test di armamenti, sbarchi a terra e test dei sistemi di sorveglianza marittima. Ministro filippino spiega: addestramento necessario per fronteggiare le sfide di vicini “aggressivi”.

    28/04/2014 FILIPPINE - STATI UNITI - CINA
    Obama chiude il tour asiatico a Manila. Si rafforza l’asse militare fra Usa e Filippine in chiave anti-cinese
    L’arrivo del presidente statunitense previsto per oggi, a conclusione di un viaggio che ha toccato anche Giappone, Corea del Sud e Malaysia. Washington e Manila firmano un accordo decennale che rafforza la presenza militare americana nel Paese. Ministro filippino degli Esteri: pietra militare nella storia di una solida alleanza.

    02/07/2013 FILIPPINE – CINA
    Mar Cinese meridionale: Pechino apre al “codice di condotta”, nervi tesi con Manila
    Cina e Paesi Asean cercano di allentare la tensione sui conflitti marittimi. Per il ministro thai degli Esteri la scelta di Pechino è “molto significativa”. Ma continua lo scontro con le Filippine, che accusano la controparte di “crescente militarizzazione” dell’area. Media cinesi invocano una “controffensiva”.



    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®