30 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 28/10/2005, 00.00

    Cina

    Cina, arrestati due preti della Chiesa non ufficiale



    L'arresto è avvenuto dopo che i 2 hanno concelebrato la messa solenne di chiusura dell'Anno dell'Eucarestia. Entrambi erano già stati fermati nel 1999.

    Yongqiang (AsiaNews/Ucan) – La pubblica sicurezza cinese ha arrestato 2 preti della Chiesa non ufficiale  della diocesi di Wenzhou, nella provincia orientale del Zhejiang, che avevano appena celebrato la messa conclusiva dell'Anno dell'Eucarestia. Padre Shao Zhumin, vicario generale della diocesi, p. Paul Jiang Sunian, il cancelliere, ed altri 5 preti stavano concelebrando la messa ieri nella parrocchia di Yongqiang davanti a circa 600 fedeli.

    Dopo la messa p. Shao ed un gruppo di preti, suore e laici, si sono recati in un ristorante per la cena. Alcuni membri della pubblica sicurezza hanno arrestato p. Shao mentre ordinava il cibo al bancone: i suoi compagni stavano aspettando in un'altra stanza. Spaventati dall'arresto i laici hanno scortato gli altri preti fuori dal ristorante passando dall'uscita di servizio, in cucina. P. Jiang, che non era andato a cena con gli altri per rimanere in parrocchia, è stato invece arrestato ad un casello di Bailou, nella città di Shuangyu.

    Secondo alcuni i 2 sarebbero stati arrestati perché leader riconosciuti della comunità: la messa non aveva richiamato infatti tanti fedeli come in un'altra diocesi, dove la celebrazione per la chiusura dell'anno eucaristico si è svolta il 22 ottobre senza problemi. Altre fonti dicono di non capire l'arresto perché la situazione della comunità non ufficiale di Wenzhou "è stata calma" per del tempo e perché una serie di preti arrestati negli anni scorsi sono stati gradualmente rilasciati negli scorsi anni.

    La cerimonia del 27 ottobre si è divisa in 5 parti: una breve celebrazione per ricordare la chiusura dell'anno voluto da Giovanni Paolo II; il racconto delle attività svolte durante l'anno da diversi preti; la spiegazione dell'importanza dell'eucarestia per la Chiesa ed i cattolici; una processione ed una adorazione eucaristica e la benedizione finale.

    P. Shao, di circa 40 anni, era già stato arrestato nel 1999 ma, ricoverato d'urgenza per una malattia contratta durante la detenzione, era stato scarcerato. Nel novembre del 1999 p. Jiang è stato fermato per aver pubblicato in maniera illegale 120 mila libretti di inni e arrestato formalmente il 23 dicembre. La sua pena doveva essere di 6 anni di carcere ed una multa di 270 mila yuan, ma è stato rilasciato il giorno di Natale del 2003.

    Il vescovo della diocesi di Wenzhou, mons. James Lin Xili, è stato arrestato nel settembre del 1999 e si trova tuttora confinato nella cattedrale della Chiesa ufficiale senza libertà di movimento. Non gode di buona salute.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/09/2006 CINA
    Zhouzhi: rilasciato mons. Wu Qinjing. Ora è in ospedale

    Il presule, ordinato vescovo senza il permesso del governo, è stato tenuto segregato per cinque giorni. Prima del rilascio ha dovuto firmare una dichiarazione che definisce la sua opera pastorale "illegale" ed ha promesso di non indossare mai più la mitra o i paramenti vescovili.



    29/11/2005 Cina
    Hebei, arrestati 6 preti della chiesa sotterranea

    Appartengono alla diocesi di mons. Giulio Jia Zhiguo, ancora sequestrato per "sessione di studio". Dei 6 preti, 2 sono stati picchiati al momento dell'arresto.



    07/06/2007 CINA – VATICANO
    Nuovo arresto per mons. Jia Zhiguo, vescovo sotterraneo di Zhengding
    Si tratta del nono fermo dal 2004, avvenuto probabilmente in vista della pubblicazione della lettera del Papa alla Chiesa cinese. Alcune fonti parlano di dieci giorni agli arresti: il luogo della detenzione è sconosciuto.

    14/07/2009 CINA - VATICANO
    Card. Zen: La Chiesa in Cina a due anni dalla Lettera del Papa
    Cattive interpretazioni della Lettera hanno portato confusione e sconforto nelle comunità sotterranee. I vescovi ufficiali devono avere più coraggio nella fedeltà al pontefice, rifiutando le strutture che sono contrarie alla fede cattolica. Il governo cinese continua la politica di sempre: controllo totale della Chiesa.

    27/05/2015 CINA – VATICANO
    Baoding, arrestato il parroco di Maria Regina della Cina. Demolito un altare cattolico
    Il p. Liu Honggeng è sparito il 7 maggio: il cellulare è staccato e la polizia non risponde alle domande dei suoi fedeli. Sacerdote della Chiesa non ufficiale, si preparava per il mese mariano: ha già trascorso otto anni in carcere per il rifiuto di aderire all’Associazione patriottico. Anche mons. Giulio Jia Zhiguo, di Zhengding, viene trattenuto per 12 giorni dalle autorità senza spiegazioni. Sempre a Baoding, gli agenti demoliscono un altare cattolico “illegale”. Ferite due donne che cercavano di difenderlo.



    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®