26/09/2005, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Cina, bandita su Internet l'informazione religiosa

Annunciate nuove leggi per proibire la diffusione di qualsiasi notizia "contro lo stato". Il tutto per prepararsi al Plenum del partito comunista.

Pechino (AsiaNews/Scmp) – Pechino ha annunciato ieri nuove leggi per un maggior controllo delle notizie pubblicate su Internet al fine di "proteggere gli interessi dello Stato". Sono bandite dalla rete le notizie "che criticano le politiche religiose statali, la predicazione in materia religiosa o la diffusione di credenze superstiziose".

Non è stata specificata la data in cui la normativa entrerà in vigore. Già oggi le autorità controllano con attenzione i media e ricorrono alla tecnologia per censurare gli articoli su Internet con contenuto pornografico o di rilievo politico. Dissidenti e giornalisti sono in carcere per avere diffuso in rete o inviato messaggi e-mail ritenuti "pericolosi" per lo Stato.

Olre alle notizie "religiose", le nuove leggi vietano di mettere su Internet notizie che riguardano altre 10 "aree", che comprendono le notizie che possono mettere in pericolo la sicurezza dello Stato, i segreti di Stato che non sono stati declassati, i rapporti che incitano alla violenza etnica. Un'area riguarda la diffusione di voci o di notizie che incitino a manifestazioni sociali o che invitino a assemblee e dimostrazioni pubbliche.

E' anche proibito pubblicare notizie non sicure o costituire partnership con organizzazioni straniere.

L'annuncio precede un'importante riunione del Plenum del Partito comunista fissata per ottobre e appare – secondo gli esperti - una tipica mossa di Pechino per evitare qualsiasi discussione e rappresentare un quadro di unità all'interno della leadership.

L'Ufficio informativo del Consiglio di Stato e il Ministro dell'informazione e dell'industria, che hanno emanato le nuove norme, hanno precisato che "lo Stato proibisce la diffusione di scritti che vanno contro la sicurezza statale e l'interesse pubblico".

La precedente normativa era stata emanata nel 2000, ma il rapido sviluppo di Internet l'aveva resa obsoleta. La rete, precisano questi uffici, "è diventato un importante canale per la diffusione delle notizie e ha un profondo influsso sulla vita politica e sociale".

Con le nuove norme, solo 3 tipi di soggetti potranno pubblicare notizie, tra cui gli enti collegati con i media autorizzati dagli organi pubblici, che potranno sia ripubblicare notizie che diffonderne nuove. Le altre associazioni potranno soltanto ripubblicare notizie già diffuse dai media ufficiali.

Di recente, il controllo che Pechino pratica su Internet ha fatto scalpore, quando è risultato che la nota compagnia americana "Yahoo!" aveva fornito alle Autorità informazioni riservate su un suo cliente, il giornalista Shi Tao, che grazie a questa spiata è stato condannato a 10 anni di carcere. Shi aveva inviato a siti web esteri notizie circa i preparativi del governo per controllare le possibili manifestazioni per il 4 giugno, anniversario del massacro di piazza Tiananmen.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Censura 2.0: il governo cinese vuole bloccare anche i video online
11/07/2012
Pechino applica le nuove leggi e chiude 3 famosi siti internet
06/10/2005
Google ammette: "Con la censura in Cina abbiamo tradito i nostri principi"
07/06/2006
Anche Skype si allinea alla censura del regime cinese
21/04/2006
Google e Pechino collaborano ad un nuovo giro di vite sull'informazione libera
13/04/2006