5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/12/2006
CINA
Cina, confermate condanne all'attivista cieco e al giornalista Zhao

Il nuovo processo contro Chen Guangcheng si conclude con una condanna identica a quella annullata per violazione dei diritti di difesa. In appello il giornalista Zhao Yan condannato a 3 anni per frode, senza poter portare prove.



Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Confermate le sentenze di condanna contro l'attivista cieco Chen Guangcheng e il giornalista Zhao Yan. In entrambi i casi i legali denunciano palesi violazioni di elementari diritti di difesa.

Zhao era stato condannato in agosto a 3 anni di carcere per avere preso 2.500 dollari Usa nel 2001 a un funzionario dello Jilin con la falsa promessa di fargli evitare di dover prestare servizio in un campo di lavoro. Ieri l'Alta Corte di Pechino ha confermato la condanna, con una sentenza che il difensore Guan Anping definisce "molto deplorevole".

Guan parla di "verdetto senza processo" e di "mancato rispetto della legge penale", anche perché non sono stati ammessi testimoni o altre prove presentate dalla difesa, mentre la condanna sarebbe fondata solo sulle dichiarazioni scritte del funzionario e di suoi parenti e amici. Ma osservatori rilevano che Zhao è stato arrestato, nel settembre 2004, con l'accusa di avere rivelato segreti di Stato all'estero, collaborando a un articolo di un quotidiano di New York che prevedeva le dimissioni dell'ex presidente Jiang Zemin da capo della Commissione militare centrale del Partito comunista, aprendo la via alla piena presa di potere del presidente Hu Jintao. In precedenza aveva denunciato fatti di malgoverno, come la vicenda del sindaco di Tangshan che si era appropriato degli indennizzi destinati a migliaia di contadini espropriati e fatti traslocare per la costruzione di una diga nell'Hebei.

Gli Stati Uniti hanno più volte chiesto il rilascio di Zhao, che è rimasto detenuto per quasi due anni prima di incontrare un giudice. Poi è scomparsa l'accusa di violazione del segreto ed è stato condannato per frode.

Sempre ieri, un Tribunale ha "confermato" la condanna dell'attivista cieco Cheng Guangcheng a 4 anni e 3 mesi per danneggiamento della proprietà e turbativa al traffico pubblico. Chen era già stato condannato ad agosto, ma il giudice d'appello aveva annullato la sentenza per gravi irregolarità procedurali. C'era stata un'ampia campagna internazionale contro il primo processo definito "una farsa". L'uomo ha denunciato centinaia di aborti e di sterilizzazioni forzati eseguiti da funzionari della Sanità nella città di Linyi, Shandong, per favorire la politica di controllo delle nascite.

I legali contestano il verdetto e lamentano il clima di intimidazione e il "rapimento" di testimoni chiave, spariti subito prima del processo. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/11/2006 Cina
Annullato il processo farsa contro l'attivista cieco dello Shandong
25/08/2006 cina
Shandong, attivista cieco condannato a 4 anni di carcere
04/09/2006 Cina
Shandong, attivista cieco si appella contro il processo farsa che lo ha condannato
28/06/2006 Cina
Shandong, nuove violenze nel caso dell'attivista non vedente
24/05/2012 CINA
Non solo Chen Guangcheng: la persecuzione comunista colpisce tutti i dissidenti

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate