24 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/06/2005
CINA
Cina, "difficile" per il governo eliminare l’inquinamento

Lo denuncia il rapporto 2004 dell’Amministrazione ambientale: lo sviluppo industriale e l’opposizione dei governi locali ostruiscono il risanamento delle acque.



Pechino (AsiaNews/Scmp) -  Il controllo dell’inquinamento dell’aria e dell’acqua nelle principali città della Cina costituisce “un grave problema” per il governo, che giudica "difficile" la lotta al fenomeno. Lo afferma il rapporto 2004 pubblicato ieri dall’Amministrazione statale per la protezione dell’ambiente (Sepa).

Wang Yuqing, vice direttore della Sepa, ha detto durante una conferenza stampa che la qualità dell’aria “è in genere scadente” e che “oltre la metà delle maggiori città è affetta da piogge acide e da un’alta concentrazione di micro-polveri inquinanti”. Wang ha aggiunto che Pechino rimane una della città più inquinate, ma è di “vitale importanza” che la qualità dell’aria migliori prima dei giochi olimpici del 2008.

Nell’elenco Sepa delle 47 grandi città più inquinate Pechino è al quinto posto, superata da Chongqing, Urumqi, Taiyuan e Lanzhou. Sempre secondo il rapporto, il 66,9% di chi abita nelle zone urbane respira un’aria “di qualità scadente”. “Dal 1994 al 2003 – continua il documento - le emissioni inquinanti nell’aria da parte delle industrie in Cina sono aumentate ogni anno in modo drammatico. Questo dato è in stretto legame con la costante crescita dell’economia nazionale”.

Nel 2004 la qualità dell’acqua dei principali fiumi non è migliorata e lo Haihe – una delle più importanti risorse di acqua potabile per Pechino e Tianjin – rimane il più inquinato. “Il Mar Cinese orientale e il Mare Bohai – ha aggiunto Wang - sono gravemente inquinati. Durante lo scorso anno la situazione è peggiorata”. L’area marittima inquinata, che costituisce una grave minaccia per la pesca e le industrie marine, è aumentata nel 2004 dell’83%, soprattutto nel Mar Cinese orientale.

Wang Jirong, altro vice direttore della Sepa, ha detto: “So bene che la gente non è soddisfatta della qualità delle nostre acque, neanche io lo sono. Ma migliorare la qualità dell’acqua rimane un impegno arduo”.

Una delle cause principali che ostacolano un risanamento delle acque è l’opposizione dei governi locali contro il lavoro degli esperti ambientali. “Il protezionismo locale ha causato molti problemi alla Sepa - ha spiegato - e molti governi locali si concentrano solo sulla crescita economica senza seguire la precisa indicazione di Pechino per uno ‘sviluppo sostenibile’”. Nel 2004 esperti della Sepa e di 6 altri ministeri sono intervenuti insieme per eliminare 208 normative locali ritenute “violanti le leggi ambientali”. “Presi tra le pressioni delle massime autorità ambientali, l’interferenza del governo locale e le proteste pubbliche - ha raccontato Wang - alcuni dirigenti locali per l’ambiente hanno anche mandato alla Sepa accese proteste su questioni che dovevano affrontare loro stessi”.

Tra i 7 maggiori fiumi della nazione, solo il Pearl e lo Yangtze hanno una qualità dell’acqua accettabile. I fiumi Liaohe, Huaihe, Giallo e Songhuajiang sono considerati “abbastanza inquinati” e le acque dello Haine sono “inquinate”. Nel 2004 la qualità dell’acqua dei 7 fiumi è stata esaminata in 412 tratti e, nel 58,2% dei casi, è risultata “non adatta al consumo umano”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/12/2006 CINA
Il Fiume Giallo, culla della civiltà cinese, è “morto” per oltre il 60%
17/01/2007 CINA
Contadini dello Shandong: coltivare e bere da un fiume nero come l’inchiostro
26/01/2007 CINA
Solo una multa per la fabbrica che ha versato benzene nel Songhua
28/05/2005 CINA
Cina, Fiume Giallo "troppo inquinato" persino per nuotarci
06/09/2006 CINA
Cina, oltre 312 milioni di agricoltori non hanno acqua potabile

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate