25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 24/02/2006, 00.00

    Cina

    Cina, esplosione in miniera: 15 morti e 12 feriti



    I sopravvissuti sono ricoverati in ospedale in gravi condizioni. Nonostante le campagne di Pechino a favore della sicurezza sul lavoro non si ferma la carneficina dei minatori.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – L'esplosione avvenuta all'interno di una miniera nella parte orientale della Cina ha ucciso ieri 15 minatori e ne ha feriti in maniera grave altri 12. Lo riporta oggi la Xinhua, agenzia ufficiale cinese.

    L'incidente è avvenuto nella provincia dello Shandong, in una miniera di proprietà del gruppo Zaozhuang. Non sono stati resi pubblici il nome né l'esatta posizione della zona estrattiva: l'unico particolare fornito è che al momento dell'esplosione stavano lavorando sotto terra "solo" 27 persone.

    Al momento i feriti sono ricoverati in un ospedale locale: le autorità hanno aperto un'inchiesta sulle cause dello scoppio.

    Quello di ieri è l'ultimo di una serie di incidenti nelle miniere, che continuano nonostante gli sforzi e le iniziative lanciate dal governo. Secondo fonti ufficiali, nel corso della campagna nazionale per la sicurezza del lavoro lanciata da Pechino, il governo provinciale ha chiuso 4.876 gallerie di estrazione illegali ed ha identificato 952 membri del governo che – contrariamente a quanto imposto dal Partito comunista – hanno investito in azioni minerarie per un totale di 156 milioni di yuan (oltre 15 milioni di euro).

    In tutto il Paese, nel 2005, gli incidenti sono addirittura aumentati (+ 8,5% nei primi 9 mesi dell'anno rispetto al 2004, secondo dati ufficiali) e si sono avute le sciagure più gravi degli ultimi 50 anni.

    All'inizio di dicembre un'esplosione nella miniera Dongfeng, nell'Heilonjiang, ha causato 169 morti accertati. Un anno fa, nella miniera Sunjiawan nel Liaoning, i morti sono stati 220.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/11/2005 Cina
    Cina, un'altra esplosione in miniera, stavolta uccide oltre 50 persone

    La detonazione avvenuta in una miniera governativa: oltre 138 i dispersi. Per il governo i morti sono 30.



    23/02/2009 CINA
    Esplode miniera nello Shanxi: 74 morti e 100 feriti
    La miniera era della maggiore ditta statale del settore. Esperti: anche le grandi ditte risparmiano sulla sicurezza e i minatori non hanno sindacati che facciano rispettare la loro vita.

    05/10/2005 CINA
    Miniere cinesi, in 2 giorni tre incidenti mortali


    03/03/2005 CINA
    Esplosione nello Shanxi: almeno 20 bambini morti

    L'esplosivo era nascosto in casa di un dirigente minerario, a pochi passi da una scuola elementare.



    02/12/2005 Cina
    Sale a 166 il numero dei morti nella miniera dell'Heilongjiang

    Altri 5 minatori morti in una miniera illegale dell'Hebei.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®