22/10/2013, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Cina, torna l'incubo inquinamento: intere province "chiuse per smog"

I valori delle polveri sottili nell'aria scendono, ma sono ancora 30 volte superiori alla media considerata sicura dall'Oms. I governi locali cancellano i voli, chiudono le scuole, limitano il traffico urbano e chiedono ai residenti di rimanere in casa. Uno studente scrive su internet: "Se va tutto bene, riuscirò a vivere fino al mio diploma".

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Il governo cinese ha cancellato anche oggi decine di voli da e per le province nord-orientali, del tutto avvolte da una coltre di smog che in alcune aree del Paese ha ridotto la visibilità a meno di dieci metri. Nell'area che circonda Pechino - così come nello Shanxi, Liaoning ed Heilongjiang - le condizioni ambientali hanno costretto le autorità a emanare ordinanze per chiudere le scuole, limitare il traffico urbano e chiedere alla popolazione di "rimanere in casa il più possibile".

La causa principale della coltre di smog è data dal PM 2,5 (particolato - polveri - disperse nell'aria di 2,5 microgrammi al metro cubo) causata dalla produzione industriale e intensificata dall'arrivo dell'inverno. Il freddo ha causato l'accensione di milioni di caloriferi, che a loro volta hanno moltiplicato il carbone bruciato nelle centrali energetiche.

Ieri i livelli medi di PM 2,5 erano a quota 1.000 microgrammi per metro cubo: oggi toccano gli 822 microgrammi, ancora una percentuale 30 volte più elevata rispetto alla media considerata sicura dall'Organizzazione mondiale della sanità. Per l'organismo internazionale i livelli non dovrebbero superare i 25 microgrammi per metro cubo.

La situazione ha scatenato un dibattito su Sina Weibo, il popolarissimo sito di micro-blogging cinese. Un utente racconta di una classe in cui tutti gli alunni erano in ritardo "perché non riuscivano a trovare l'edificio scolastico", mentre un altro parla di Harbin - una delle metropoli più colpite dallo smog - come di una "città morta".

Uno studente di Changchun, nel Jilin, aggiunge: "Oggi mi ha chiamato mia madre e mi ha chiesto come fosse l'aria nella città. Poi mi ha domandato se stessi tossendo. Le ho detto di non preoccuparsi, che mi sento bene e che sono quasi sicuro di vivere fino al mio diploma".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cina, lo smog uccide più del fumo
05/02/2015
Contro lo smog che distrugge la Cina "persino Mao ha messo la mascherina"
26/02/2014
Ex ministro ammette: In Cina lo smog uccide mezzo milione di persone ogni anno
08/01/2014
Cina, la coltre di inquinamento blocca scuole e aeroporti. E colpisce l'economia
09/12/2013
Terzo giorno di picco per lo smog, Pechino paralizzata
30/01/2013