24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/01/2016, 08.53

    CINA - HONG KONG

    Cina, uno dei cinque editori scomparsi “confessa” in tv. Ma i conti non tornano

    John Ai

    I media ufficiali lanciano un'intensa campagna contro l’editore scomparso Gui Minhai. Egli è accusato di aver ucciso una donna mentre guidava ed essere poi fuggito in una nazione straniera. Una nuova lettera di Lee Bo si unisce alle accuse. Sospettosi gli utenti di internet.

    Hong Kong (AsiaNews) – I media di Stato cinesi hanno lanciato un'intensa campagna contro Gui MInhai, uno dei cinque editori scomparsi della Causeway Bay Bookshop di Hong Kong. Gui, cittadino svedese, è sparito nell’ottobre 2015 mentre era in Thailandia.

    Secondo il canale televisivo statale Cctv, Gui ha investito una studentessa di Ningbo mentre guidava ubriaco nel 2003: sarebbe stato condannato nel 2004 a due anni di galera e a due anni di arresti domiciliari. Alla Cctv Gui dice oggi: “Ho iniziato ad avere paura della detenzione, perché ho commesso un crimine tanto brutto, e non potevo più rimanere in Cina. Per questo ho deciso di andarmene”.

    Secondo la tv cinese, Gui ha lasciato la Cina con un’identità falsa nel novembre 2004 mentre era ancora sotto il regime domiciliare: quindi non aveva la libertà di andarsene dal Paese. Per la Cctv Gui ha provato “paura” e “senso di colpa” per i suoi anni di esilio, nel corso dei quali ha accumulato benessere attraverso il commercio.

    Il servizio mandato in onda spiega infine che l’editore, nel giugno 2015, ha saputo della morte del padre: oppresso dalla colpa per non averlo potuto incontrare di nuovo, e triste per il fatto di non poter vedere neanche la madre (che ha più di 80 anni), ha deciso di arrendersi e consegnarsi alla polizia. Gui ha dichiarato che vuole “portare il peso delle sue colpe” e “scusarsi con i familiari della studentessa”.

    Per quanto riguarda la sua sparizione, Gui spiega che la decisione di tornare in Cina per confessare “è stata una sua scelta personale” e ora “non vuole che singoli o organizzazioni si occupino della questione o speculino in maniera maliziosa. Spero che le autorità svedesi rispetteranno la mia scelta, i miei diritti e la mia privacy”. Per la Cctv, Gui è sospettato anche di altri crimini.

    Allo stesso tempo è arrivata la notizia di una nuova lettera di Lee Bo, editore scomparso alla fine di dicembre 2015. Secondo l’Headline Daily, quotidiano associato allo Sing Tao Daily (pro-Pechino), la moglie di Lee ha ricevuto una nuova missiva in cui il marito accusa l’ex socio Gui di “attività illegali”. Inoltre, lo definisce “immorale” e spiega che ha cercato di coinvolgerlo nell’incidente. Secondo l’articolo, nella lettera Lee sostiene di non voler assistere a “manifestazioni popolari” riguardo la sua “decisione spontanea di collaborare con le indagini”.

    Sulla questione sono intervenuti anche gli utenti della Rete, che hanno avanzato diversi dubbi. Secondo l’articolo del 2005 che parla dell’incidente, all’epoca Gui aveva 46 anni; ma egli è nato nel 1964, quindi poteva averne 39 al momento del fatto. Inoltre Gui sarebbe stato portato via da un uomo a Pattaya, Thailandia. Diverse persone hanno indagato nel suo appartamento, e le autorità svedesi sono intervenute per avere notizie. Da parte sua, Bangkok ha dichiarato che non vi erano tracce relative all’uomo.

    Infine, la “confessione video” mandata in onda dalla Cctv sembra essere non consecutiva, dato che Gui ha diversi tagli di capelli e vestiti. Al momento, è ancora ignoto il luogo di detenzione dei cinque editori. Secondo il deputato di Hong Kong Lam Woon-kwong, “è probabile” che Lee Bo sia in galera. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/03/2016 11:55:00 CINA – HONG KONG
    Hong Kong, la “confessione televisiva” dell’editore sparito Lee Bo

    Per la prima volta dalla sua scomparsa, il fondatore della Causeway Bay Bookshop appare sulla Phoenix Tv (vicina al governo di Pechino). Sarebbe andato nella Cina continentale “di sua spontanea volontà” per cooperare ad una “inchiesta”. Altri tre membri dello staff della casa editrice hanno già “confessato”. La pratica è divenuta comune per diffamare i dissidenti.



    12/01/2016 HONG KONG – CINA
    La sparizione dei librai imbarazza Pechino e spacca il governo di Hong Kong
    I cinque editori, critici nei confronti del governo cinese, sono oramai confermati in Cina. Ma l’esecutivo del Territorio sembra incapace di tutelare i loro diritti. La popolazione continua a protestare e la società civile chiede di “fare qualcosa”. La difesa incongruente dei giornali di Stato.

    05/01/2016 HONG KONG – CINA
    Sempre più fitto il mistero di Lee Bo, editore critico di Pechino “sparito nel nulla”
    Una lettera inviata via fax e firmata da lui afferma che si trova in Cina per “collaborare a indagini segrete di cui è meglio che nessuno sappia”. La moglie ritira la denuncia alla polizia di Hong Kong per la sua sparizione. E un giornale ufficiale del Partito afferma: “Sa quanti danni ha commesso, vuole mantenere un basso profilo”. Lee Cheuk-yan: “Questo è ciò che gli abitanti del Territorio temono di più: essere presi da agenti cinesi e portati di nascosto oltreconfine”.

    11/01/2016 HONG KONG
    “Basta coi rapimenti”: a migliaia in piazza per gli editori spariti ad Hong Kong
    Almeno 3500 persone hanno marciato fino agli uffici di Pechino nel Territorio chiedendo il rilascio dei cinque dirigenti, critici della Cina, scomparsi a fine dicembre. Crescono i sospetti sul coinvolgimento della polizia cinese.

    02/03/2016 13:14:00 CINA
    Deputato cinese: Basta “confessioni” in tv, danneggiano lo Stato e la dignità della persona

    Zhu Zhengfu, vice presidente dell’Associazione degli avvocati di Cina e delegato alla Conferenza consultiva politica del popolo cinese, critica la scelta di far parlare in televisione i sospettati. Il riferimento è agli editori di Hong Kong e ai sempre più numerosi attivisti per i diritti umani che si “pentono in diretta” dei propri crimini. Il capo della polizia del Territorio: “Lee Bo non racconta tutta la verità”.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®