26 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/03/2012, 00.00

    SIRIA - ONU

    Cina e Russia insieme all'Onu premono sulla Siria per l'accesso di aiuti umanitari. La Croce Rossa ad Homs



    Cibo e medicine per la popolazione di Baba Amr entro oggi. Il Consiglio di sicurezza Onu esige che la Siria dia il permesso di entrata a Valerie Amos, capo degli aiuti umanitari Onu. L'opposizione si divide: c'è meno collaborazione fra il Free Syrian Army e il Syrian National Council.

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) -  Pechino e Mosca insieme ai Paesi occidentali esigono che Damasco permetta l'apertura di un canale umanitario, dando accesso al responsabile Onu per gli aiuti, Valerie Amos. Intanto la Croce rossa internazionale si prepara ad entrare entro oggi ad Homs, insieme alla Mezzaluna rossa siriana.

    La Amos domanda inutilmente da settimane di poter entrare nel Paese, segnato da 11 mesi di violenze e scontri fra esercito e opposizioni. Il luogo dove l'emergenza umanitaria è più forte è il quartiere di Baba Amr a Homs, bombardato per settimane e considerato uno dei covi dell'opposizione armata. L'esercito siriano ha iniziato da ieri un'invasione del quartiere nel tentativo di eliminare i ribelli.

    Il Free Syrian Army - Fsa, braccio armato dell'opposizione, costituito in maggioranza da soldati disertori e con appoggi dall'estero - ha deciso intanto una "ritirata strategica" da Homs per "salvare la vita di tanti civili".

    Ieri sera un compatto Consiglio di sicurezza Onu ha criticato con forza la Siria "deplorando il veloce deterioramento della situazione umanitaria, soprattutto il crescente numero di civili colpiti, la mancanza di accesso sicuro a cure mediche e la penuria di cibo" in luoghi come Homs e Hama. Per questo esso esige che si dia immediato accesso a personale umanitario per gli aiuti alla popolazione.

    Il fatto nuovo da registrare è che Cina e Russia hanno sostenuto questa mozione: nelle settimane precedenti, Pechino e Mosca hanno posto veti alle risoluzioni del Consiglio di sicurezza e dell'Assemblea Onu.

    La Croce rossa chiedeva da tempo di poter entrare in Homs per portare sostegno ai civili. Ora l'organizzazione conferma che il governo siriano ha dato "luce verde" per entrare a Baba Amr con cibo e medicine.

    Secondo alcune testimonianze, in queste settimane la maggioranza della popolazione di Homs è fuggita e vi restavano solo i ribelli. Il Free Syrian Army afferma che vi sono ancora 4mila civili che non vogliono abbandonare le loro case distrutte. Rimane impossibile confermare queste cifre, data la mancanza di fonti indipendenti.

    Si apre intanto una nuova divisione sul fronte dell'opposizione: il Syrian National Council - una specie di governo provvisorio dell'opposizione in esilio, che gode dell'appoggio di diversi Paesi occidentali e arabi - ha deciso di aprire una sezione che governi i vari gruppi armati ribelli.  Il capo del Fsa, il colonnello Riyad al-Asaad, ha detto che il suo gruppo non collaborerà con il nuovo organismo. Diverse testimonianza affermano che l'Fsa si è macchiato di violenze e razzie contro la popolazione. Fra le truppe vi sono anche radicali islamici che praticano una pulizia etnico-religiosa contro cristiani e alawiti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/03/2012 SIRIA - ONU
    Kofi Annan per una soluzione pacifica, fermando le violenze di tutti
    L'ex segretario generale Onu non ha ancora ricevuto l'ok per recarsi in Siria. L'Onu sembra avvicinarsi alle posizioni del Vaticano, sottolineando una soluzione pacifica (e non militare) e condannando le violenze di tute le parti e non solo di Damasco. Continuano i bombardamenti ad Homs, città di enorme importanza strategica. Anche Cina e Russia sembrano disponibili a corridoi umanitari.

    13/02/2012 SIRIA
    Vescovo di Aleppo: Senza il dialogo la Siria diventerà un nuovo Iraq

    Mons. Antoine Audo commenta gli attentati avvenuti nella sua città, costati la vita a 28 persone. Fra i morti anche due cristiani. Il prelato sottolinea lo spirito di solidarietà fra cristiani e musulmani, uniti nonostante il clima di odio e violenza. L' invito alla comunità internazionale a favorire il dialogo con le varie fazioni non lo spirito di vendetta. La Lega araba propone l’invio di truppe Onu per fermare gli scontri fra esercito siriano e ribelli. Ieri l'appello del papa.



    25/02/2012 SIRIA
    Dagli "Amici della Siria" armi ai ribelli e maggiori sanzioni contro Assad
    L'opposizione conferma di ricevere armi anche dai Paesi occidentali. Arabia saudita decisa ad armare i ribelli e a rovesciare Assad. Francia Gran Bretagna, Stati Uniti premono per una risoluzione del Consiglio di sicurezza Onu. Hamas si schiera con l'opposizione, per una "Siria islamica". Per Damasco l'incontro di Tunisi sostiene "il terrorismo". Domani il referendum per la nuova costituzione.

    16/03/2012 VATICANO - SIRIA
    Nunzio vaticano: Per la Chiesa in Siria è tempo di uscire all'attacco e non stare a guardare
    In un'intervista con AsiaNews, mons. Mario Zenari, da tre anni nunzio a Damasco, descrive tutti gli elementi che compongono l'ingarbugliata matassa siriana. La profonda divisione fra sunniti e alawiti (sciiti) e l'odio che cresce. I cristiani troppo timidi devono impegnarsi a costruire una società dove vi sia rispetto per l'uomo e i suoi diritti, parità per le donne, uguaglianza fra tutti i cittadini, libertà religiosa e di coscienza. Essere in Siria è una missione. A Homs un sacerdote dialoga con i ribelli e con l'esercito per garantire aiuti ai poveri, salvare la vita degli abitanti, seppellire i morti che nessuno vuole toccare. In un anno di violenze sono stati uccisi almeno 800-900 bambini. La maggioranza è stata colpita in strada da sconosciuti cecchini. La Siria sta cambiando e non si torna indietro.

    15/03/2012 SIRIA
    Damasco, un anno di rivolte. I cristiani nel Paese diviso
    L'Iran porta "aiuti sanitari" a Damasco. Arabia saudita e Qatar vorrebbero armare i ribelli. Ma intanto il Paese è sbriciolato. Un testimone, sacerdote cattolico, racconta l'odio e la paura che cresce fra le comunità, ma anche i segnali di collaborazione fra cristiani e musulmani nell'aiutare i colpiti. Le Chiese divise fra un appoggio cieco ad Assad e un'opposizione non violenta per far maturare uno Stato di diritto, dove cristiani e musulmani sono uguali davanti alla legge.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®