26 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/03/2017, 13.29

    CINA - USA

    Cina e Usa: un nuovo corso nelle relazioni diplomatiche



    “Parole amichevoli” tra i due leader. Evitate le questioni più delicate tra i due Paesi. La visita di Tillerson getta le basi per l’imminente visita negli Stati Uniti del presidente Xi Jinping.

    Pechino (AsiaNews) – L’incontro di ieri a Pechino tra il presidente Xi Jinping e Rex Tillerson ha chiuso la visita del segretario di Stato americano in Cina, che ha prodotto la dichiarazione bilaterale di un maggiore impegno per dar vita ad un nuovo corso nei rapporti diplomatici tra i due Paesi.

    La visita di Tillerson avviene al termine di un tour asiatico molto atteso dagli alleati Giappone e Corea del Sud,  preoccupati dalla minaccia nucleare della Corea del Nord e dall’aggressiva politica espansionistica di Pechino nel Mar cinese meridionale.

    Xi ha incontrato Tillerson a Pechino, poche ore dopo il provocatorio test di un propulsore per testate nucleari effettuato dalla Corea del Nord, che ha messo di nuovo alla prova i rapporti tra Stati Uniti e Cina. Tuttavia, i due sembrano aver evitato le questioni più delicate che avevano creato grandi aspettative per la visita del segretario di Stato americano in Asia orientale.

    Nei giorni precedenti, il segretario di Stato Usa aveva minacciato un’azione militare contro la Corea del Nord. Ma ieri Tillerson non ha espresso alcuna forte dichiarazione sulle attività di Pyongyang e non vi è stata menzione dello status di Taiwan, o delle dispute marittime che coinvolgono la Cina. Secondo i media cinesi di Stato, Xi e Tillerson hanno "scambiato parole amichevoli" durante il loro incontro di ieri a Pechino, impegnandosi a migliorare la comprensione e la cooperazione a livello internazionale. Il presidente cinese Xi Jinping ha definito la cooperazione tra le due potenze “l’unica scelta corretta”, sottolineando “il bisogno di rafforzare una fiducia strategica ed incrementare la conoscenza reciproca”.

    Gli osservatori diplomatici giudicano molto positivo il viaggio di Tillerson, che aprirebbe la strada per il primo incontro di tra Xi e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump previsto per il prossimo mese. La visita ha inviato un segnale rassicurante per i legami sino-americani, dopo le tensioni scoppiate prima e dopo l’elezione di Trump, alla fine dello scorso anno. Il neo-presidente Usa aveva minacciato tasse per i prodotti cinesi importati; ha accusato Pechino di essere “una manipolatrice di valuta”; ha perfino messo in dubbio la politica dell’unica Cina.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/09/2015 CINA – STATI UNITI
    Hacker, espansionismo e crisi economica: il menu della cena fra Xi e Obama
    La Casa Bianca conferma: il presidente sarà ricevuto per una “cena di Stato” dalla controparte americana. Sarà un’occasione “per espandere la cooperazione fra i due Paesi e risolvere in maniera costruttiva le aree di disaccordo”. I due colossi dovranno trovare un modo per rilanciare la bilancia commerciale reciproca, Washington vuole chiarimenti sugli spionaggi industriali.

    03/09/2015 CINA
    La parata di Pechino, l'ampiezza del potere di Xi Jinping
    L’impressionante esercizio militare ha di certo “mostrato i muscoli” della Cina, ma soprattutto ha sottolineato la rafforzata potenza del presidente, anche Segretario del Partito e capo della Commissione militare centrale. A omaggiarlo tutti i suoi predecessori, segno di rinnovata unità politica, e persino importanti capi di Stato esteri. Garantita, nonostante le purghe, la fedeltà dell’Esercito di liberazione popolare. Che sarà ridotto di 300mila unità e sarà “sempre impegnato a garantire la pace”.

    26/06/2013 COREA DEL SUD – CINA
    Seoul e Pechino “pronte a unirsi” per frenare Pyongyang
    La presidente sudcoreana parte domani per la Cina, dove incontrerà Xi Jinping. Gli analisti ottimisti: “Possono trovare una soluzione congiunta per bloccare le minacce della Corea del Nord”. In agenda anche i rapporti economici bilaterali: lo scorso anno la bilancia commerciale ha superato i 53 miliardi di dollari.

    04/11/2015 TAIWAN – CINA
    Per la prima volta, i presidenti di Cina e Taiwan si incontreranno di persona
    Xi Jinping e Ma Ying-jeou si vedranno a Singapore il prossimo 7 novembre. È il primo incontro fra le due cariche dall’esilio della “Repubblica di Cina” sull’isola nel 1949. Portavoce Ma: “Nessun accordo sarà siglato”. Lo scopo è quello di mantenere relazioni pacifiche e garantire lo status quo nei mari dello Stretto di Taiwan. Il partito all’opposizione nell’isola protesta contro la visita.

    05/10/2015 CINA – STATI UNITI
    Il “raccolto” di Xi Jinping negli Usa: ha capito la rabbia del popolo cinese
    L’autore del “Muro della democrazia” commenta la settimana americana del presidente cinese. L’arroganza della delegazione cinese si scontra con il pragmatismo Usa, in grado di risolvere da solo le questioni legate al cyber-terrorismo e all’economia. Il Mar Cinese meridionale “un falso problema: Pechino non potrebbe reggere un attacco frontale di Stati Uniti e nazioni Asean”. Il vero risultato è aver compreso l’ampiezza del malcontento in patria: “Senza diritti umani e stato di diritto, il Partito arriverà al collasso”.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®