26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/02/2011, 00.00

    CINA

    Cina: è in corso la peggior repressione da anni



    Attivisti e democratici arrestati e condannati ad anni di carcere con pretesti, perquisizioni, pestaggi, persone “scomparse”: un lunghissimo elenco di soprusi di polizia e autorità in pochi giorni. Un appello al mondo: l’oppressione dei popoli è “inaccettabile in Medio Oriente, come in Cina”.
     Pechino (AsiaNews/Agenzie) – In Cina da giorni è in atto una delle peggiori repressioni degli ultimi anni, come risposta all’anonimo invito comparso giorni fa su internet a unirsi alla “Rivolta del Gelsomino”. Il gruppo China Human Rigths Defenders denuncia sistematici arresti, perquisizioni, pestaggi contro noti dissidenti e persino contro semplici cittadini.

    Almeno 5 noti attivisti sono in carcere per generiche accuse di “sovversione contro il potere statale”.

    Lo scrittore e autore di blog Ran Yunfei di Chengdu (Sichuan) è stato invitato presso la polizia il 20 febbraio per “prendere un tè”. Da allora è in carcere per “sovversione”. Il suo blog e il suo profilo su Twitter hanno oltre 44mila contatti.

    Hua Chunhui di Wuxi (Jiangsu) è detenuto dal 21 febbraio per “minaccia alla sicurezza statale”: sul suo blog ha pubblicato messaggi riguardanti la Rivoluzione del Gelsomino.

    Liang Haiyi, abitante ad Harbin, è stata sentita dalla polizia il 19 febbraio e trattenuta per sovversione: avrebbe messo su internet “informazioni prese da siti esteri riguardanti la rivoluzione del Gelsomino”.

    La polizia ha prelevato Ding Mao a casa, il 19 febbraio a Mianyang (Sichuan) per “istigazione alla sovversione”. Ha già passato in carcere oltre 10 anni, quale fondatore del Partito socialdemocratico cinese.

    Chen Wei, attivista di Suining (Sichuan) per i diritti, è detenuto dal 20 febbraio per “sovversione”. Anche lui ha passato anni in carcere per avere difeso i diritti umani.

    Ci sono frequenti notizie di pestaggi praticati dalla polizia e di centinaia di interrogatori, minacce, sparizioni di altri dissidenti. Per essere incarcerati o condannati basta un semplice sospetto della polizia. Arresti e perquisizioni non sono limitati agli attivisti per i diritti, ma è pure colpito chiunque sia sospettato di avere caricato su internet inviti alla protesta o notizie non gradite. Yuan Feng, migrante dell’Henan stabilitosi a Shantou (Guangdong), è stato condannato alla pena amministrativa di 10 giorni di carcere ed è tuttora detenuto per avere messo su internet notizie sulle proteste del Gelsomino.

    Sono tanti gli “scomparsi”, tra cui i noti difensori di diritti Tang Jitian, Jiang Tianyong, Teng Biao e Gu Chuan. La polizia rifiuta di dare notizie e si teme abbiano subito gravi condanne penali per pretesi fatti di sovversione. Il legale Liu Shihui è stato pestato a sangue a Guangzhou il 20 febbraio da ignoti.

    Chrd teme che “mentre l’attenzione del mondo è rivolta alle proteste in Nord Africa e in Medio Oriente, il governo cinese creda di avere un’ottima occasione per colpire duro i democratici e attivisti per i diritti umani”. Per questo il gruppo si appella ai governi democratici e agli organi internazionali perché ribadiscano a Pechino che “l’oppressione della libertà di espressione e di protestare è inaccettabile, sia nel Medio Oriente che in Cina”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/02/2011 CINA
    Rivoluzione dei Gelsomini: la Cina chiamata in piazza per il 6 marzo
    Ieri centinaia di poliziotti hanno presidiato le maggiori città per impedire inesistenti manifestazioni di protesta, annunciate via internet, come una settimana fa. Sciolto con la forza ogni assembramento, percossi e arrestati giornalisti esteri. Oggi su internet proclamata una protesta generale per il 6 marzo.

    11/03/2011 CINA
    Arresti contro la Rivoluzione dei gelsomini. La Cina esclude riforme democratiche
    Dissidenti e democratici vengono fermati per prevenire possibili proteste di piazza proclamate su internet per domenica. Wu Bangguo, presidente dell'Assemblea nazionale del popolo, esclude la possibilità di riforme democratiche stile occidentale, ma le autorità temono le contestazioni.

    24/03/2009 CINA
    Nel Sichuan va in carcere chi difende i diritti civili
    In pochi giorni arrestati sindacalisti che protestano per i salari arretrati e attivisti che hanno fatto conoscere ai media le lamentele di cittadini. La polizia interroga e “diffida” molti altri difensori dei diritti.

    06/04/2011 CINA
    Pechino non risponde alle proteste su Ai Weiwei e continua ad arrestare dissidenti
    Proseguono le richieste di liberare Ai, silenzio imbarazzato della Cina. Intanto continua la persecuzione contro i dissidenti. Esperti: Pechino sta dimostrando che arresta chi vuole quando vuole, indifferente alle pressioni internazionali.

    11/03/2009 CINA
    Venti anni dal massacro di Tiananmen: la Cina restringe i visti d’ingresso
    Impedito l’accesso nel Paese a un ex leader studentesco delle proteste del 1989, per ragioni generiche. Gruppo pro-diritti umani: Pechino si prepara così all’anniversario del massacro.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®