27 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 13/07/2009, 00.00

    CINA

    Cina: nuove violenze nello Xinjiang, altri due morti fra gli uiguri



    Fonti ufficiali parlano di un intervento della polizia per sedare uno scontro fra i membri della minoranza musulmana locale. I media di Stato denunciano una “campagna orchestrata” alla base delle proteste contro le rappresentanze diplomatiche cinesi.
    Urumqi (AsiaNews/Agenzie) – Nuove violenze a Urumqi, capitale dello Xinjiang, teatro nei giorni scorsi di violenti scontri fra la minoranza musulmana uiguri e le forze di sicurezza cinesi. Due uiguri sono stati uccisi dalla polizia, un terzo è rimasto ferito. I media ufficiali, intanto, denunciano una “campagna orchestrata”, responsabile delle proteste della settimana scorsa alle ambasciate cinesi in Europa e negli Stati Uniti.
     
    Secondo il governo della regione autonoma dello Xinjiang, la polizia è dovuta intervenire per sedare un assalto di tre uiguri verso una quarta persona, anch’essa appartenente alla minoranza musulmana. Gli agenti hanno aperto il fuoco uccidendo due assalitori; il terzo è rimasto ferito in modo grave. Fonti non ufficiali parlano invece di un intervento degli agenti che avrebbero sparato a un gruppo di uiguri armati di coltelli e aste, che avevano attaccato la polizia.
     
    Urumqi è tuttora presidiata da centinaia di agenti e la polizia ha annunciato nuove misure per il mantenimento dell’ordine pubblico. Fra queste, il divieto di portare coltelli e bastoni in strada, inneggiare slogan, brandire cartelli o distribuire volantini.
     
    La scorsa settimana gruppi di manifestanti avevano scagliato uova, bombe Molotov e pietre contro le ambasciate e i consolati cinesi in Turchia, Norvegia, Germania e Olanda. L’agenzia ufficiale cinese Xinhua sottolinea la “concomitanza” fra le rivolte nello Xinjiang e le proteste alle rappresentanze diplomatiche cinesi e punta il dito contro “i sostenitori del separatismo del Turkestan orientale”.
     
    Secondo la Xinhua dietro le proteste vi è anche la mano del World Uighur Congress, organizzazione che raggruppa gli uiguri in esilio all’estero.  
     
    Il bilancio ufficiale delle violenze dei giorni scorsi fra la minoranza musulmana uiguri e le forze di sicurezza cinesi nello Xinjiang è di 184 morti e circa 1700 feriti, tra cui 137 cinesi di etnia han e 46 uiguri. Gruppi dissidenti in esilio parlano invece di “centinaia” di vittime fra i musulmani.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/09/2009 CINA
    A Urumqi riprende la vita “normale”, dopo che ieri si è sfiorato lo scontro etnico
    Decine di migliaia di han per 2 giorni scendono in piazza e protestano contro le centinaia di misteriose aggressioni contro i passanti “pugnalati” con una siringa. Scontri e 5 morti due giorni fa. La polizia ferma oltre 1000 han che cercano di penetrare nei quartieri uiguri.

    19/07/2011 CINA
    Xinjiang, la polizia cinese uccide decine di uiguri
    Secondo le autorità, un “gruppo di terroristi” ha dato fuoco alla stazione di polizia di Hotan ed è stato fermato. Diversa la versione del Congresso mondiale degli uiguri: “Protestavano contro le requisizioni forzate delle terre e gli arresti indiscriminati e sono stati massacrati”.

    08/11/2008 CINA
    Shenzhen: scontri fra la folla e i poliziotti, decine i feriti
    La causa è la morte di un motociclista durante un pattugliamento della stradale. I parenti accusano la polizia, che respinge ogni addebito. I manifestanti hanno lanciato petardi e sassi contro gli agenti, i quali hanno reagito caricando i rivoltosi. Ogni giorno la Cina è sconvolta da centinaia di rivolte sociali.

    09/12/2014 CINA
    Cina, raffica di condanne a morte e prigionia per "separatismo" in Xinjiang
    Pena capitale per otto persone, giudicate coinvolte in due attacchi - con coltelli ed esplosivi - avvenuti all'inizio del 2014 nella regione occidentale. Altri sette, studenti del famoso docente uighuro Ilham Tohti, ricevono pene dai tre agli otto anni.

    01/11/2004 CINA
    Violenze etniche nell'Henan: 148 morti




    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®