21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2009, 00.00

    CINA

    Cina: nuove violenze nello Xinjiang, altri due morti fra gli uiguri



    Fonti ufficiali parlano di un intervento della polizia per sedare uno scontro fra i membri della minoranza musulmana locale. I media di Stato denunciano una “campagna orchestrata” alla base delle proteste contro le rappresentanze diplomatiche cinesi.
    Urumqi (AsiaNews/Agenzie) – Nuove violenze a Urumqi, capitale dello Xinjiang, teatro nei giorni scorsi di violenti scontri fra la minoranza musulmana uiguri e le forze di sicurezza cinesi. Due uiguri sono stati uccisi dalla polizia, un terzo è rimasto ferito. I media ufficiali, intanto, denunciano una “campagna orchestrata”, responsabile delle proteste della settimana scorsa alle ambasciate cinesi in Europa e negli Stati Uniti.
     
    Secondo il governo della regione autonoma dello Xinjiang, la polizia è dovuta intervenire per sedare un assalto di tre uiguri verso una quarta persona, anch’essa appartenente alla minoranza musulmana. Gli agenti hanno aperto il fuoco uccidendo due assalitori; il terzo è rimasto ferito in modo grave. Fonti non ufficiali parlano invece di un intervento degli agenti che avrebbero sparato a un gruppo di uiguri armati di coltelli e aste, che avevano attaccato la polizia.
     
    Urumqi è tuttora presidiata da centinaia di agenti e la polizia ha annunciato nuove misure per il mantenimento dell’ordine pubblico. Fra queste, il divieto di portare coltelli e bastoni in strada, inneggiare slogan, brandire cartelli o distribuire volantini.
     
    La scorsa settimana gruppi di manifestanti avevano scagliato uova, bombe Molotov e pietre contro le ambasciate e i consolati cinesi in Turchia, Norvegia, Germania e Olanda. L’agenzia ufficiale cinese Xinhua sottolinea la “concomitanza” fra le rivolte nello Xinjiang e le proteste alle rappresentanze diplomatiche cinesi e punta il dito contro “i sostenitori del separatismo del Turkestan orientale”.
     
    Secondo la Xinhua dietro le proteste vi è anche la mano del World Uighur Congress, organizzazione che raggruppa gli uiguri in esilio all’estero.  
     
    Il bilancio ufficiale delle violenze dei giorni scorsi fra la minoranza musulmana uiguri e le forze di sicurezza cinesi nello Xinjiang è di 184 morti e circa 1700 feriti, tra cui 137 cinesi di etnia han e 46 uiguri. Gruppi dissidenti in esilio parlano invece di “centinaia” di vittime fra i musulmani.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/09/2009 CINA
    A Urumqi riprende la vita “normale”, dopo che ieri si è sfiorato lo scontro etnico
    Decine di migliaia di han per 2 giorni scendono in piazza e protestano contro le centinaia di misteriose aggressioni contro i passanti “pugnalati” con una siringa. Scontri e 5 morti due giorni fa. La polizia ferma oltre 1000 han che cercano di penetrare nei quartieri uiguri.

    19/07/2011 CINA
    Xinjiang, la polizia cinese uccide decine di uiguri
    Secondo le autorità, un “gruppo di terroristi” ha dato fuoco alla stazione di polizia di Hotan ed è stato fermato. Diversa la versione del Congresso mondiale degli uiguri: “Protestavano contro le requisizioni forzate delle terre e gli arresti indiscriminati e sono stati massacrati”.

    08/11/2008 CINA
    Shenzhen: scontri fra la folla e i poliziotti, decine i feriti
    La causa è la morte di un motociclista durante un pattugliamento della stradale. I parenti accusano la polizia, che respinge ogni addebito. I manifestanti hanno lanciato petardi e sassi contro gli agenti, i quali hanno reagito caricando i rivoltosi. Ogni giorno la Cina è sconvolta da centinaia di rivolte sociali.

    09/12/2014 CINA
    Cina, raffica di condanne a morte e prigionia per "separatismo" in Xinjiang
    Pena capitale per otto persone, giudicate coinvolte in due attacchi - con coltelli ed esplosivi - avvenuti all'inizio del 2014 nella regione occidentale. Altri sette, studenti del famoso docente uighuro Ilham Tohti, ricevono pene dai tre agli otto anni.

    01/11/2004 CINA
    Violenze etniche nell'Henan: 148 morti




    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®