18/12/2010, 00.00
IRAQ-SVEZIA
Invia ad un amico

Cinque cristiani iracheni in cerca di asilo rimpatriati da Stoccolma. Protesta Onu

La Commissione Onu per i rifugiati critica severamente il governo svedese per il rimpatrio forzato di cinque cristiani fuggiti da Baghdad per timore di attacchi. “Molti dei nuovi arrivati spiegano che hanno lasciato l’Iraq per paura di un attacco, dopo quello che è accaduto il 31 ottobre” dice un portavoce delle Nazioni Unite.

Baghdad (AsiaNews/Agenzie) – Dure critiche al governo svedese da parte della Commissione delle Nazioni Unite per i rifugiati per avere rimpatriato cinque cristiani iracheni che chiedevano asilo in Svezia. I cinque facevano parte di un gruppo di almeno 20 persone provenienti dall’Iraq. Migliaia di cristiani hanno cercato un rifugio sicuro fuori dalle frontiere dopo il massacro del 31 ottobre nella cattedrale siro-cattolica di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso. Secondo fonti non ufficiali le autorità motivano il rifiuto adducendo una situazione di relativa maggiore tranquillità nel Paese.

“Abbiamo udito molti racconti di persone che fuggono dalle loro case dopo aver ricevuto minacce dirette. Molti dei nuovi arrivati spiegano che hanno lasciato l’Iraq per paura di un attacco, dopo quello che è accaduto il 31 ottobre” ha detto Melissa Fleming, portavoce a Ginevra dell’organismo delle Nazioni Unite.

“Alcuni hanno potuto prendere solo poche cose con sé” ha aggiunto la Fleming. La deportazione dei cinque cristiani iracheni è avvenuta una settimana dopo che un terrorista suicida nato in Iraq e residente in Gran Bretagna si è fatto esplodere nel centro di Stoccolma.

Al Qaeda ha rivendicato il massacro di Baghdad, e ha dichiarato che i cristiani sono un bersaglio legittimo. Altre uccisioni e episodi di violenza ne sono seguiti, e secondo Fleming circa mille famiglie hanno lasciato Baghdad per la provincia di Ninive cercando una sicurezza relativa nella zona curda. I funzionari dell’Onu in Siria, Giordania e Libano dicono che un numero crescente di cristiani iracheni stanno arrivando, e chiedono aiuto. Nella sola Siria circa 133 famiglie – 300 persone – hanno chiesto lo status di rifugiati da novembre. In Giordania il numero di richieste d’asilo dall’Iraq è raddoppiato in un mese. L’Onu afferma che il rimpatrio dalla Svezia avviene in un momento in cui i funzionari sul posto registrano un crescente numero di casi di attacchi ai cristiani.  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Stoccolma, il terrorista irakeno voleva una enorme "strage di Natale"
14/12/2010
Baghdad vuole fermare i rimpatri forzati di iracheni dall’Europa
12/01/2011
Le forze militari kurde “salvano” una ragazza svedese dallo Stato islamico
24/02/2016 10:08
Taslima Nasreen si rifugia in Svezia
04/06/2008
Nobel per la Medicina al giapponese Honjo: La curiosità alla base della ricerca
02/10/2018 15:06