02 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/01/2016, 00.00

    TAIWAN

    Col nuovo anno a Taiwan apre la prima tv cattolica

    Xin Yage

    Dopo anni di sforzi e raccolte fondi si avvera il sogno di sei laici cattolici dell’isola: una rete dedicata a trasmettere il messaggio del papa e l’impegno della Chiesa per i più bisognosi. Previsto anche l’inserimento di tanti contenuti video “storici”, per raccontare l’evoluzione nel tempo della vita cattolica.

    Taipei (AsiaNews) – Dopo anni di sforzi, raccolte fondi e preparazione dei contenuti, dallo scorso primo gennaio 2016 è iniziata sulla televisione taiwanese la trasmissione dei programmi del canale cattolico “MOD”. Dietro questo risultato c’è l’impegno di sei volonterosi cattolici di Taipei che già lavoravano nel campo dei media in altre istituzioni.

    L'abbreviazione “MOD” rappresenta le iniziali di "Multimedia On Demand", e la piattaforma è offerta da Chunghwa Telecom (中華電信) come parte della sua offerta di televisione internet direttamente al consumatore abbonato. Per accedere al canale occorre digitare il numero 959 sul decoder digitale e ci si trova davanti a una serie di programmi televisivi vecchi e nuovi.

    Il signor Paul Su (蘇誌郎先生) spiega le origini dell'impresa: "In passato abbiamo provato progetti alternativi: alcuni erano troppo costosi, come la televisione via cavo o altre collaborazioni importanti con le televisioni ufficiali. Non avevamo il budget adatto, sarebbe stato uno sforzo inadeguato alle nostre possibilità".

    Alla domanda se questo è allora un ripiego, lui subito si appassiona: "No, niente affatto. Questo è un piccolo passo ed è la dimostrazione che perseverando si arriva a dei risultati tangibili. La gente vuole vedere le produzioni cattoliche in cinese sullo schermo di casa, vuole ascoltare il messaggio del papa con tutti i valori che porta con sé”.

    In pratica, aggiunge, “si vuole conoscere il lavoro della Chiesa per tanti non privilegiati qui a Taiwan e in giro per il mondo. Noi siamo davvero soddisfatti di questo primo risultato e andiamo avanti a creare contenuti e a scoprire nuove vie di comunicazione”.

    Il canale è nato all'insegna della collaborazione: “Infatti siamo all'interno di un gruppo di altri canali religiosi, soprattutto taoisti e buddisti, che ci aiutano ad ammortizzare le spese, viste le nostre limitate risorse. Questa cooperazione è per noi una bella esperienza: ci ha fatto scoprire nuovi amici e diverse prospettive religiose".

    Vedere la passione e la determinazione di queste persone genera un senso di commozione, sapendo che i mezzi di comunicazione principale sono generalmente in mano alle grandi aziende con risorse di tutt'altro livello. Però i sei laici agguerriti sono un esempio che con perseveranza e determinazione si può sempre iniziare qualcosa di insperato.

    Sono tre le istituzioni che sponsorizzano la nuova piattaforma: Catholic Voice (天主教之聲), Radio Veritas (真理電台) e Kuangchi Program Service (光啟社). La libreria dei contenuti è offerta soprattutto dal grosso archivio del Kuangchi Program Service, la cui nascita risale al 1958. Poco a poco anche le vecchie produzioni vengono caricate sulla piattaforma in modo che si possa ricordare soprattutto la storia della presenza cattolica sull'isola.

    Taiwan ha già un canale televisivo via cavo legato alle Chiese evangeliche (chiamato Good Tv, canale numero 15) e diversi canali frutto degli investimenti dei monaci buddisti, primo fra tutti il canale DaAi (大愛電視, il numero "9" su ogni televisione via cavo) che arricchiscono il messaggio religioso e dei valori umani nel mondo dei media sull'isola.

    In questo panorama mancava una voce cattolica. Ora, seppur con una presenza solo sulla piattaforma “MOD”, questo si è avverato, e soprattutto si è materializzato il sogno frutto della perseveranza e del duro lavoro di questi sei laici che ci hanno creduto con forza.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/05/2014 TAIWAN
    Tivu, cinema e musica di Taiwan, le eccellenze degli artisti cattolici
    Dopo 12 anni torna a riunirsi l'associazione degli artisti cattolici. Fra tutti, il più grande è stato Sihung Lung, che ha lavorato con Ang Lee. L'augurio del vescovo di Hualian.

    16/08/2013 TAIWAN
    Cattolici taiwanesi lanciano il primo programma tv per bambini sul mimo
    Verrà trasmesso dalla televisione pubblica di Taiwan e sarà prodotto da Kuangchi Program Service. Ieri, festa dell’Assunta, la benedizione di p. Jerry, sacerdote e vicepresidente KPS. Egli sottolinea l’importanza dell’educazione dei più piccoli, che “darà grandi frutti” in futuro. Le storie mimate parlano di “amore e accoglienza”.

    26/02/2007 CINA
    Altri 20 argomenti tabù per imbavagliare media ed editori
    Il Dipartimento per l’amministrazione della propaganda di radio, film e televisione ha stabilito nuove regole censorie che vietano letture e riferimenti a momenti storici cinesi e sovietici, ma anche a tutto ciò che riguarda la protezione dei diritti umani e lo stile di vita dei nuovi ricchi.

    22/06/2006 Cina - Taiwan
    Cina, per i blog lo scandalo di Taiwan è segnale di vera democrazia

    Altissima copertura da parte di tutti i media cinesi per il discorso del presidente Chen Shui-bian e per il suo destino politico. Su Internet critiche alla censura di Pechino ed inviti a vedere nella situazione la prova della vera libertà di cui gode Taiwan.



    20/04/2015 TAIWAN - CINA
    Più di 360 milioni di telespettatori per la prima del film sul gesuita Giuseppe Castiglione, il pittore degli imperatori
    L’opera è una co-produzione fra la Kuangchi Program Service di Taipei e la Jiangsu TV. In programma la sua distribuzione negli Stati Uniti e in Europa. In Italia verrà messo in onda il prossimo 30 settembre. Intanto il film spopola sulle reti provinciali cinesi. Il video del trailer in inglese.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®