06/07/2010, 00.00
SRI LANKA

Colombo, cattolici non devono essere spettatori, ma servire l’umanità attraverso i media

Melani Manel Perera
Per p. Joseph Benedict “la Chiesa è consapevole di come i media influenzano il mondo” e anche in Sri Lanka bisogna conoscere e “comunicare la verità” nonostante “i molti ostacoli” che si trovano sulla strada.

Colombo (AsiaNews) – “Molti si chiedono se in Sri Lanka c’è libertà di espressione. Spesso quando i media vogliono raccontare la verità trovano molti ostacoli sulla loro strada. Ma come prete cattolico penso che dobbiamo comunicare la verità e non essere semplici spettatori di ciò che succede”.

 Lo dice il portavoce della Chiesa cattolica in Sri Lanka p. Benedict Joseph ad AsiaNews, raccogliendo la sfida contenuta nel discorso del Papa del quattro luglio, in occasione della giornata mondiale della comunicazione.

 Benedetto XVI ha dichiarato che le nostre vite sono influenzate soprattutto dai media e che abbiamo bisogno “di affermare il nostro ministero [nei media] per il benessere delle persone”. Secondo p. Joseph, i membri della Chiesa cattolica “hanno il dovere dettato dalla coscienza di analizzare e interpretare in modo giusto le cose, gridando forte la verità”.

 “Come ha detto Benedetto XVI – continua p. Joseph – la televisione, la radio, Facebook, Youtube, Twitter sono benedizioni speciali che Dio ha dato all’umanità e dobbiamo sempre considerare questi mezzi come positivi”. Ma c’è anche l’altra faccia della medaglia, perché i mezzi di comunicazione “possono fuorviare i giovani, possono essere pericolosi. Sono i genitori e gli insegnanti che devono discernere la verità di queste moderne tecnologie e poi guidare i loro ragazzi a usarle bene”.

 Dalle parole del Papa, “si capisce che la Chiesa è consapevole di che cosa sono i media e di come influenzano il mondo. I preti hanno il dovere di interpretarli nel modo corretto e noi, come tutti quelli che conducono i mezzi di informazione, dobbiamo servire l’umanità attraverso di essi”.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Chiesa indiana studia un “codice anti-abusi”
18/05/2010
Vescovo anglicano di Colombo: “sistematica” tendenza a soffocare i media liberi
26/11/2007
Giornalisti filippini: libertà di stampa "sotto assedio"
10/12/2004
Media e cittadini contro la nuova censura dei media cinesi
05/07/2006
Libri di testo delle scuole dello Sri Lanka diffamano cristiani, Chiesa e Papa
30/06/2010