4 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/07/2010
SRI LANKA
Colombo, cattolici non devono essere spettatori, ma servire l’umanità attraverso i media
di Melani Manel Perera
Per p. Joseph Benedict “la Chiesa è consapevole di come i media influenzano il mondo” e anche in Sri Lanka bisogna conoscere e “comunicare la verità” nonostante “i molti ostacoli” che si trovano sulla strada.

Colombo (AsiaNews) – “Molti si chiedono se in Sri Lanka c’è libertà di espressione. Spesso quando i media vogliono raccontare la verità trovano molti ostacoli sulla loro strada. Ma come prete cattolico penso che dobbiamo comunicare la verità e non essere semplici spettatori di ciò che succede”.

 Lo dice il portavoce della Chiesa cattolica in Sri Lanka p. Benedict Joseph ad AsiaNews, raccogliendo la sfida contenuta nel discorso del Papa del quattro luglio, in occasione della giornata mondiale della comunicazione.

 Benedetto XVI ha dichiarato che le nostre vite sono influenzate soprattutto dai media e che abbiamo bisogno “di affermare il nostro ministero [nei media] per il benessere delle persone”. Secondo p. Joseph, i membri della Chiesa cattolica “hanno il dovere dettato dalla coscienza di analizzare e interpretare in modo giusto le cose, gridando forte la verità”.

 “Come ha detto Benedetto XVI – continua p. Joseph – la televisione, la radio, Facebook, Youtube, Twitter sono benedizioni speciali che Dio ha dato all’umanità e dobbiamo sempre considerare questi mezzi come positivi”. Ma c’è anche l’altra faccia della medaglia, perché i mezzi di comunicazione “possono fuorviare i giovani, possono essere pericolosi. Sono i genitori e gli insegnanti che devono discernere la verità di queste moderne tecnologie e poi guidare i loro ragazzi a usarle bene”.

 Dalle parole del Papa, “si capisce che la Chiesa è consapevole di che cosa sono i media e di come influenzano il mondo. I preti hanno il dovere di interpretarli nel modo corretto e noi, come tutti quelli che conducono i mezzi di informazione, dobbiamo servire l’umanità attraverso di essi”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/05/2010 INDIA
La Chiesa indiana studia un “codice anti-abusi”
di Nirmala Carvalho
26/11/2007 SRI LANKA
Vescovo anglicano di Colombo: “sistematica” tendenza a soffocare i media liberi
di Melani Manel Perera
10/12/2004 FILIPPINE - DIRITTI UMANI
Giornalisti filippini: libertà di stampa "sotto assedio"
di Sonny Evangelista
05/07/2006 CINA
Media e cittadini contro la nuova censura dei media cinesi
30/06/2010 SRI LANKA
Libri di testo delle scuole dello Sri Lanka diffamano cristiani, Chiesa e Papa
di Melani Manel Perera

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate