3 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/07/2010
SRI LANKA
Colombo, cattolici non devono essere spettatori, ma servire l’umanità attraverso i media
di Melani Manel Perera
Per p. Joseph Benedict “la Chiesa è consapevole di come i media influenzano il mondo” e anche in Sri Lanka bisogna conoscere e “comunicare la verità” nonostante “i molti ostacoli” che si trovano sulla strada.

Colombo (AsiaNews) – “Molti si chiedono se in Sri Lanka c’è libertà di espressione. Spesso quando i media vogliono raccontare la verità trovano molti ostacoli sulla loro strada. Ma come prete cattolico penso che dobbiamo comunicare la verità e non essere semplici spettatori di ciò che succede”.

 Lo dice il portavoce della Chiesa cattolica in Sri Lanka p. Benedict Joseph ad AsiaNews, raccogliendo la sfida contenuta nel discorso del Papa del quattro luglio, in occasione della giornata mondiale della comunicazione.

 Benedetto XVI ha dichiarato che le nostre vite sono influenzate soprattutto dai media e che abbiamo bisogno “di affermare il nostro ministero [nei media] per il benessere delle persone”. Secondo p. Joseph, i membri della Chiesa cattolica “hanno il dovere dettato dalla coscienza di analizzare e interpretare in modo giusto le cose, gridando forte la verità”.

 “Come ha detto Benedetto XVI – continua p. Joseph – la televisione, la radio, Facebook, Youtube, Twitter sono benedizioni speciali che Dio ha dato all’umanità e dobbiamo sempre considerare questi mezzi come positivi”. Ma c’è anche l’altra faccia della medaglia, perché i mezzi di comunicazione “possono fuorviare i giovani, possono essere pericolosi. Sono i genitori e gli insegnanti che devono discernere la verità di queste moderne tecnologie e poi guidare i loro ragazzi a usarle bene”.

 Dalle parole del Papa, “si capisce che la Chiesa è consapevole di che cosa sono i media e di come influenzano il mondo. I preti hanno il dovere di interpretarli nel modo corretto e noi, come tutti quelli che conducono i mezzi di informazione, dobbiamo servire l’umanità attraverso di essi”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/05/2010 INDIA
La Chiesa indiana studia un “codice anti-abusi”
di Nirmala Carvalho
26/11/2007 SRI LANKA
Vescovo anglicano di Colombo: “sistematica” tendenza a soffocare i media liberi
di Melani Manel Perera
10/12/2004 FILIPPINE - DIRITTI UMANI
Giornalisti filippini: libertà di stampa "sotto assedio"
di Sonny Evangelista
05/07/2006 CINA
Media e cittadini contro la nuova censura dei media cinesi
30/06/2010 SRI LANKA
Libri di testo delle scuole dello Sri Lanka diffamano cristiani, Chiesa e Papa
di Melani Manel Perera

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate