11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/09/2017, 16.55

    SRI LANKA

    Colombo suora attivista: I giovani cercano il significato della vita. La Chiesa li guidi

    Rasika Pieris*

    Suor Rasika Pieris commenta il Documento preparatorio al Sinodo dei vescovi sui giovani, previsto per ottobre 2018. “La Chiesa è euro-centrica nella sua dottrina”. Le sfide dei giovani in Asia sono diverse da quelle dei giovani in Europa.

    Colombo (AsiaNews) – La Chiesa cattolica “avverte di avere un vuoto in tema di giovani” e allo stesso tempo “sente di avere l’obbligo di guidare il giovane a scegliere un cammino basato sulle Scritture”. Lo dice ad AsiaNews suor Rasika Pieris, delle suore dell’Holy Family della provincia di Colombo e attivista tra i giovani. La religiosa interviene sul tema della prossima XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi, cioè “I giovani, la fede, il discernimento vocazionale”, prevista per l’ottobre 2018. Parlando del Documento preparatorio, suor Rasika ritiene che il testo affronti le sfide poste dalla modernità e post-modernità. “I giovani hanno un crescente bisogno di capire il significato della vita. Il compito della Chiesa è guidarli attraverso la rilettura delle Sacre Scritture”, afferma. Di seguito il suo commento (traduzione a cura di AsiaNews).

    La post-modernità ha il suo impatto sui giovani, verso i quali la Chiesa avverte la presenza di un vuoto. I giovani [sono] un gruppo che si sente lasciato fuori dalle istituzioni ecclesiastiche a causa del proprio approccio. Il documento preparatorio su “I giovani, la fede, il discernimento vocazionale” articola il bisogno della Chiesa di coinvolgere i giovani e di delineare una missione.

    Lo status quo [sono] i giovani che sono influenzati da valori educativi neo-liberali guidati dal mercato, e gli esperti che dipingono l’egemonia del pensiero tecnico-scientifico come la soluzione. La nuova ortodossia nell’educazione rimane una sfida per i valori educativi di lunga data piuttosto che per l’educazione pubblica. La ricerca del significato della vita tra i giovani è un fenomeno crescente. [In questo senso] la Chiesa sente di avere l’obbligo di guidare il giovane a scegliere un cammino basato sulle Scritture. Rileggere i testi delle [Sacre] Scritture alla luce delle nuove sfide è il bisogno dell’oggi.

    Il documento parla delle varie sfide che modernità e post-modernità hanno creato da differenti angolazioni, dato che tali sfide differiscono dal punto di vista geografico. La Chiesa è stata a lungo accusata di essere per lo più euro-centrica nella sua dottrina. [La stessa obiezione è] di nuovo presente nel documento, come si legge tra le righe. Forse la Chiesa, sotto l’attuale pontefice, ha bisogno di riflettere sul mondo così come esso si presenta davanti alle sfide dei giovani in Europa e in America, che potrebbero non essere le stesse di quelli in Asia, Africa o America Latina.

    È vero che il neo-liberalismo [diffonde] i suoi tentacoli in tutto il globo, promuovendo una cittadinanza global in cui l’eterogeneità non è apprezzata. I giovani ora sono schiacciati tra la cultura dell’omogeneizzazione e l’ambiente locale circostante e la loro speciale impostazione culturale in cui vivono. [Tutto questo] pone un dilemma in termini della loro identità e socializzazione.

    Sono [fonte] di grave preoccupazione l’esclusivismo e l’estremismo emersi di recente a Charlottesville, in America, che si riflettono altrove nel mondo in modi differenti. Il documento parla di soli tre tipi di vocazione: matrimonio, ministero ordinato e vita consacrata. Questo potrebbe escludere altre persone che non ricadono in queste categorie. È inevitabile rivisitarle alla luce dei segni dei tempi, in modo da non escludere un gruppo, dato che il documento parla di missione.

    “Rischia. Chi non rischia non cammina”, è la norma nel neo-liberismo. Il giovane è pronto ad correre il rischio nei campi in cui è alla ricerca di significato. La vulnerabilità offre l’opportunità di esplorare nuove strade, così come le incertezze e le vulnerabilità presenti nel documento offrono opportunità per la missione.

    Guidare i giovani sulle orme dei discepoli necessita di una nuova rilettura delle [Sacre] Scritture, tenendo presenti i segni dei tempi. È essenziale fare discernimento in termini di scelte di vita alla luce del Vangelo. Ma la missione non è battezzare il giovane, quanto piuttosto trovare una missione per lavorare con i giovani che si sentono fuori dal gregge, rimanere aperti ad essi invece che dare lezioni, ascoltarli tentando di ascoltare Gesù che è un giovane, in modo da comprendere la missione.

    Glorificare la sofferenza potrebbe non portare acqua [al proprio mulino] e la maggior parte dei teologi femministi potrebbero non concordare sull’argomento, dato che lo ritengono basato sul genere. Glorificare la sofferenza è uno strumento usato dagli oppressori per giustificare l’oppressione. Collegare la missione a quella della sofferenza potrebbe non attrarre i giovani, dato che essi lottano per l’uguaglianza.

    Interpretare la missione usando i vecchi strumenti disponibili sarebbe come a dire di voler utilizzare la vecchia medicina per trattare le nuove malattie.

    *suora dell’Holy Family della provincia di Colombo e attivista tra i giovani

    (Ha collaborato Melani Manel Perera)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/06/2013 SRI LANKA
    Battuluoya, rinasce la parrocchia grazie all'amore delle suore
    Il prossimo 8 giugno la parrocchia di San Antonio di Battuluoya festeggia il suo centenario. Dal 20 al 26 maggio un gruppo di 12 religiose della Sacra Famiglia di Colombo ha visitato tutte le famiglie cattoliche del luogo. Grazie al gesto missionario centinaia di persone si sono riavvicinate alla Chiesa, ai sacramenti e ai valori del Vangelo.

    17/04/2014 SRI LANKA
    La Pasqua "spinga i cattolici a difendere i diritti umani in Sri Lanka"
    Intervista a suor Deepa Fernando, religiosa della Congregazione della Sacra Famiglia e membro del Justice, Peace and Integrity of Creation (Jpic) e del Christian Solidarity Movement (Csm). Secondo la religiosa a volte i cristiani in Sri Lanka "si dimenticano di essere tutti fratelli e sorelle". Per questo bisogna seguire le orme di Gesù, che "è morto per proteggere i diritti degli altri".

    05/03/2013 TAIWAN
    L’ultimo saluto a suor Tu, “esempio di cosa può fare chi si affida a Gesù”
    La religiosa delle “Figlie di Gesù” si è spenta a soli 60 anni a causa di un aggressivo tumore maligno. Animatrice dei gruppi giovanili, con una grande capacità creativa e “sempre pronta ad ascoltare”. Il ricordo della comunità cattolica taiwanese.

    09/09/2016 13:15:00 PAKISTAN
    Lahore piange la suora che evangelizzava attraverso i social media

    Suor Athens Angeles è scomparsa all’improvviso per una emorragia cerebrale. Di origine filippina, nel 2000 si era trasferita in Pakistan. Aiutava a creare siti internet, formava studenti, offriva lezioni gratuite ai bambini poveri.



    17/09/2014 CINA - HONG KONG - VATICANO
    Verso il Sinodo: Le sfide per il matrimonio in Cina, minacciato da egoismo e consumismo
    Il Paese cresce e si sviluppa, ma allo stesso tempo si moltiplicano le sfide che mettono a rischio la vita coniugale e familiare. Divorzio, cambiamento dei ruoli nella coppia, la politica del figlio unico mettono a rischio un sano sviluppo del concetto di coppia come base per la creazione di una nuova famiglia. La Chiesa cerca di frenare questo declino, ma può e deve fare di più per aiutare i giovani sposi. L'analisi di un sacerdote di Xianxian in vista del Sinodo sulla famiglia.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®