31 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/08/2012
CINA
Comincia (e finisce subito) il" processo del secolo" contro Gu Kailai
di Bernardo Cervellera
Il processo ricorda quello alla moglie di Mao, capo della Banda dei Quattro. I media esclusi dall'aula. Agli accusati permessi solo avvocati d'ufficio che non hanno nemmeno incontrato i loro clienti. Le molte stranezze indicano che la sentenza è già scritta ed è tutta a vantaggio del Partito comunista. Il processo è stato breve perché la leadership vuole far dimenticare questa storia e prepararsi al Congresso di questo autunno.

Roma (AsiaNews) - Il processo contro Gu Kailai, la moglie di Bo Xilai, ex capo di Chongqing e membro del Politburo, è cominciato stamane sotto la pioggia ad Hefei, la capitale dell'Anhui e si è concluso ancora senza verdetto oggi stesso. Esso viene definito il "processo del secolo" perché è molto raro vedere processata la moglie di uno che era fra i politici più potenti della Cina. L'unico paragone che si può fare è quello con il processo alla terza moglie di Mao, Jiang Qing, nel processo contro la Banda dei quattro, che ha messo fine al marxismo leninismo nel Paese.

Gu Kailai, insieme al suo domestico Zhang Xiaojun sono accusati di aver avvelenato il faccendiere britannico Neil Heywood, un tempo considerato "amico di famiglia". L'assassinio è avvenuto lo scorso novembre, mentre Bo Xilai aveva ancora in mano le redini a Chongqing e stava progettando di entrare nel Comitato permanente del Politburo.

La versione ufficiale, secondo cui Heywood era morto per troppo uso di alcol, si è tramutata in sospetto di omicidio dopo che Wang Lijun, capo della polizia e braccio destro di Bo, in febbraio è fuggito nel consolato americano di Chengdu per trovare rifugio. Da allora, tutto è precipitato: in marzo Bo è stato dimesso dalla carica di segretario del Partito di Chongqing e posto sotto inchiesta per generiche "irregolarità disciplinari"; in aprile la moglie è stata accusata di omicidio.

Il processo, la cui data è stata fissata poche settimane fa, presenta alcune stranezze, indicative del modo in cui la giustizia viene esercitata in Cina:

  • 1) Esso viene celebrato nell'Anhui e non a Chongqing, forse per evitare l'influenza dell'ancora potente Bo nel giudizio. In compenso, l'Anhui è famoso per essere fra le province più obbedienti al Partito. In più, il presidente della Corte suprema di Pechino, Wang Shengjun, ha una grande influenza in questa provincia. Ciò significa che il processo è bene imbrigliato e rispetterà il volere della leadership di Pechino.
  • 2) La corte dell'Anhui ha dato a Gu Kailai, un tempo avvocato di fama, degli avvocati d'ufficio, rifiutando quelli scelti dagli accusati. I due preposti, Jiang Min, presidente dell'associazione legale dell'Anhui e Zhou Yuhao, dell'associazione legale di Wuhu non hanno avuto molto tempo per preparare la difesa e non hanno nemmeno potuto incontrare i due accusati.
  • 3) La stampa non è presente al processo, anche se oltre 100 testate giornalistiche straniere e nazionali sono arrivate ad Hefei. In compenso, alle sessioni sono stati invitati a presenziare due diplomatici britannici.
  • 4) Sebbene tutti sappiano che Heywood ha aiutato la famiglia di Bo Xilai in poco trasparenti transazioni economiche e affari con l'estero, e che proprio la minaccia di Heywood di rivelare al mondo l'entità di queste ricchezze lo ha portato alla morte, l'accusa verso Gu Kailai cita solo l'omicidio intenzionale e non crimini economici;
  • 5) L'accusa (riportata da Xinhua) cita anche una scusante: Gu Kailai avrebbe ucciso perché temeva per la vita del figlio Bo Guagua.

Con tutti questi elementi, gli analisti pensano che il processo non avrà alcun colpo di scena. Tanto più che il corpo di Heywood è stato subito cremato e l'unico "resto" è un brandello del suo cuore che Wang Lijun aveva prelevato prima della cremazione.

La sentenza sembra dunque essere già scritta: Gu Kailai sarà ritenuta colpevole, ma con le scusanti potrà sfuggire alla pena di morte; l'omicidio sarà visto separato dai crimini economici per non coinvolgere in delitti di corruzione Bo Xilai (e con lui tutto il Partito).

Un altro fatto importante è che il processo dovrebbe essere veloce. All'inizio si pensava che dovesse durare forse due o tre giorni. E invece si è concluso oggi stesso, anche se il verdetto verrà emesso più tardi. In ogni caso il Partito ha fretta di voltare pagina e nascondere questa brutta storia per prepararsi al Congresso in autunno, dove verranno eletti i nuovi membri del Comitato centrale del Politburo, da cui Bo è ormai escluso.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/08/2012 CINA
Pena di morte per Gu Kailai. Sempre silenzio su Bo Xilai
28/09/2012 CINA
Il Partito espelle Bo Xilai e annuncia il suo processo
di Chen Weijun
23/08/2013 CINA
Al processo, "l'eroe" Bo Xilai rifiuta le accuse della moglie 'pazza" e di un testimone che "ha venduto l'anima"
27/07/2012 CINA
La moglie di Bo Xilai rischia la pena di morte (o forse solo qualche anno di prigione)
di Wang Zhicheng
17/08/2012 CINA
Veloce verdetto per Gu Kailai il 20 agosto. Si prepara il Congresso del Partito comunista
di Wang Zhicheng

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate