17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/07/2007, 00.00

    INDIA

    Commissione nazionale sosterrà l’eguaglianza dei Dalit cristiani e islamici con gli indù



    Lo dice Buta, presidente della Commissione, per le Scheduled Caste durante un incontro con rappresentanti di 16 milioni di Dalit cristiani. Oggi la legge riconosce i benefici a indù, buddisti e Sikh ma esclude gli Intoccabili di altre fedi, anche se sono cittadini indiani.

    New Delhi (AsiaNews) – Chi appartiene alle Scheduled Caste ha diritto ai corrispondenti diritti senza che importi quale sia la sua religione e senza che questi vantaggi possano essere ristretti ai soli indù. E’ quanto ha affermato ieri Buta Singh, presidente della Commissione nazionale per le Scheduled Caste (Cnsc), durante un incontro con rappresentanti di autorevoli gruppi cristiani.

    L’attuale legge limita i diritti di Scheduled Caste ai Dalit di religione indù, buddista o Sikh, mentre li esclude per i Dalit convertiti cristiani o islamici. La Commissione nazionale per le minoranze religiose e linguistiche (Ncrlm) da tempo ha affermato che tutti i Dalit subiscono identiche discriminazioni sociali, senza che rilevi la loro fede. Per cui ha indicato di modificare la legge del 1950 che esclude dai privilegi gli Intoccabili cristiani e islamici.

    Intanto la questione è stata sollevata anche avanti alla Suprema Corte indiana che ha chiesto al governo di pronunciarsi. Ora il governo ha chiesto il parere della Cnsc. Buta ha promesso ieri che la Commissione preparerà la sua relazione in tempi rapidi. Ma chiederà anche al governo di elevare la quota percentuale necessaria perché a un gruppo sia riconosciuto lo status di Scheduled Caste o Scheduled Tribes, dall’attuale 15% e 7,5% al differente e maggiore dato percentuale risultante dal censimento nazionale. Cosa che potrebbe far finire gruppi come i Dalit cristiani nella categoria di Other Backward Caste.

    John Dayal, presidente dell’All India Catholic Union, ha presentato a Buta un memorandum, a nome di 16 milioni di Dalit cristiani, chiedendogli di sostenere le richieste della Ncrlm, dando atto che continuano a subire la discriminazione sociale anche dopo la conversione e che rimangono in una frequente situazione di povertà. “la laicità affermato nella Costituzione – dice – significa la volontà dello Stato di dare uguale rispetto a ogni religione e di tenere lo Stato alla stessa distanza da ogni religione”. Ma in pratica esistono “discriminazioni” a favore della religione indù, che in questo caso comprende anche buddisti e Sikh. I privilegi della legge del 1950 per le caste inferiori indù sono stati estesi nel 1956 ai Sikh e nel 1990 ai buddisti, ma Dalit cristiani e islamici ne sono ancora esclusi, seppure “sono nativi indiani, appartenenti alla popolazione indigena”. E’ una vera “ingiustizia storica”, che va infine eliminata.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/07/2007 INDIA
    I cristiani indiani insistono per i diritti dei Dalit
    Entro le prossime settimane saranno decisi i diritti dei Dalit cristiani e islamici, oggi discriminati rispetto a quelli indù. Il governo ha già ricevuto importanti pareri favorevoli, ma ne ha chiesto un altro. Si discute della stessa laicità dello Stato indiano.

    06/08/2010 INDIA
    10 agosto: giorno di lutto contro la discriminazione dei Dalit cristiani e musulmani
    Il 10 agosto 1950 sono state approvate le norme che discriminano i Dalit cristiani e islamici. Mons. Joji, egli stesso vescovo Dalit, spiega la forte richiesta sociale di abolire le discriminazioni e ricorda l’esempio di Madre Teresa.

    21/07/2010 INDIA
    Cinquemila Dalit cristiani e musulmani contro la discriminazione
    Guidati da vescovi e leader religiosi i fuori casta cristiani e musulmani chiedono al governo di cancellare la legge che dal 1950 riconosce diritti e garanzie solo ai Dalit indù e buddisti. Neethinathan, vescovo di Chingleput (Tamil Nadu): “E’ molto doloroso vedere la nostra gente appartenente ai fuori casta subire la doppia discriminazione sociale e religiosa”.

    14/02/2005 india
    India, speranze per i diritti dei dalit cristiani
    La Corte Suprema apre al riconoscimento giuridico dei fuori casta diventati cristiani, finora emarginati e rigettati dalla società indiana.

    11/03/2005 india
    Dalit di tutte le religioni appoggiano i fuori casta cristiani e musulmani




    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®