Skin ADV
14 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/09/2007, 00.00

    MALAYSIA

    Compie 150 anni la missione nel Borneo settentrionale

    Mauro Mezzadonna*

    Un secolo e mezzo fa a Labuan sbarcava il primo prefetto apostolico con due missionari del PIME. Un convegno, un pellegrinaggio e una mostra organizzati dalla diocesi di Kota Kinabalu ricordano lo storico evento da cui è partita l’evangelizzazione della Malaysia orientale.

    Labuan (AsiaNews) – Esattamente 150 anni fa, dopo un anno e mezzo di faticoso viaggio, sbarcavano sull’isola di Labuan - Borneo Settentrionale - i primi 3 missionari inviati da Roma. Da qui si sarebbe poi diffuso il cattolicesimo in Malaysia orientale. A guidare il piccolo gruppo vi era il primo prefetto apostolico di Labuan e Borneo, mon. Carlos Cuarteron. Con lui due sacerdoti del Pontificio Istituto Missioni Estere (PIME).

    In occasione del 150° anniversario dell’inizio della missione, la diocesi di Kota Kinabalu, da cui dipende Labuan, ha organizzato un Convegno e un sorta di “pellegrinaggio” sui luoghi più significativi dove hanno operato i primi padri. L’iniziativa si è svolta lo scorso 11 agosto a Victoria, capitale del Territorio Federale dell’isola di Labuan in Malaysia. Qui vivono 76mila persone di cui 5mila cattolici.

     Mons. Carlos Cuarteron (1816-1880), già capitano della Marina spagnola, è diventato prete a Roma a 38 anni nel 1854 e nominato prefetto apostolico di Labuan, Borneo Settentrionale e sue Dipendenze nel 1855. Come compagni gli erano stati dati due sacerdoti del PIME: p. Antonio Riva (1823-1862) e p. Ignazio Borgazzi (1829-1878).

     La giornata dell’11 agosto è stata ricca di appuntamenti e ha visto la partecipazione di numerosi rappresentanti sia della Chiesa locale che del PIME. Oltre al Vescovo della diocesi, mons. Datuk John Lee, hanno partecipato alcuni altri vescovi del Borneo, e due rappresentanti ufficiali del PIME, espressamente richiesti ed inviati: p. Mark Tardiff, assistente del Superiore Generale, e p. Mauro Mezzadonna, archivista del PIME.

     Il pellegrinaggio è iniziato dalla chiesa parrocchiale di Labuan, dedicata al Santissimo Sacramento. Vescovi, sacerdoti, laici e ospiti vari, sono stati condotti in varie parti della città dove si presumeva che nel 1857 fossero sbarcati i primi missionari, dove ebbero la prima e la successiva dimora, la prima cappella, la chiesa in muratura, la scuola. Molte cose sono cambiate da allora: dove era la casa del prefetto apostolico, oggi vi è il Grand’Hotel Victoria; dove era la chiesa, sorge un colossale albero con altarino di Budda.

    Di ritorno alla chiesa si è svolta l’inaugurazione della Mostra del 150° nella grande sala parrocchiale: una rassegna completa dell’epoca, degli avvenimenti, dei personaggi, fino agli ultimi contatti con la famiglia di mons. Cuarteron a Cadice. Dopo la messa di ringraziamento con tutti i vescovi e sacerdoti concelebranti, nel piazzale antistante la chiesa è stato  scoperto il monumento in marmo con il busto di Cuarteron.

     I padri Tardiff e Mezzadonna nei giorni della loro permanenza hanno anche visitato Lokporin, non lontana da Kota Kinabalu, dove mons. Cuarteron aveva una seconda missione da lui curata personalmente (a Labuan vi era sempre p. Ignazio Borgazzi), e poi a Brunei, dove a Brambangan era sorta la missione con p. Antonio Riva. Un primo piccolo seme quello del 1857, sviluppatosi poi dal 1881 con i Missionari inglesi di Mill Hill.

     Oggi le diocesi del Borneo, Stati di Sarawak e Sabah (Malaysia) e Brunei contano 600mila cattolici. Ad agosto il Papa ha eretto la settima Diocesi, quella di Sandakan, sulla costa occidentale che guarda verso le Filippine.

      

    * archivista del PIME, in questi anni ha collaborato per la ricerca negli archivi romani (PIME, Prop. Fide, Laterano) di lettere e documenti, che sono stati assai utili al Prof. Michael Gibby di Singapore per scrivere il libro in inglese sull’intera vicenda, “Crowned with the Stars”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/03/2015 MALAYSIA
    Neo sacerdote malaysiano: alla Gmg di Colonia il desiderio profondo della vocazione
    Il 19 marzo il diacono Joachim Robert, assieme a Simon Anand, riceverà l’ordinazione. Una fede incontrata in famiglia, con i genitori e i fratelli, durante la recita del Rosario e la lettura della Bibbia. Una vocazione tardiva, dopo la laurea in ingegneria e una carriera professionale avviata. Il Buon Pastore “modello” del futuro sacerdote.

    26/04/2005 malaysia
    Malaysia, no alle Bibbie in lingua locale


    14/12/2004 malaysia
    Natale in Malaysia: nessun riferimento a Gesù


    26/03/2005 ASIA - PIME
    www.pime.org : le missioni PIME a portata di mouse

     



    19/10/2007 BANGLADESH - PIME
    E' morto p. Alessandro Giacomelli, missionario fra i Santal
    Il missionario PIME, 68 anni, è morto lo scorso 18 ottobre. Per oltre 40 anni ha vissuto con i gruppi Santal e lavorato per la loro evangelizzazione e sviluppo. Il ricordo del superiore regionale del Bangladesh e di un suo confratello, che lo conosce dall’inizio, p. Enzo Corba.



    In evidenza

    CUBA-VATICANO-ORTODOSSI
    L’incontro fra Francesco e Kirill a Cuba: Finalmente! Siamo fratelli, abbiamo tutto in comune



    Atmosfera distesa e fraterna nel primo incontro dopo secoli fra il papa e il patriarca di Mosca. Due ore di colloquio in privato, poi la firma della Dichiarazione comune. Un grazie a Raul Castro: “Se continua così Cuba sarà la capitale dell’unità”. Un impegno per difendere i cristiani nel mondo e sostenere “le fondamenta della morale, della famiglia e della persona”.


    VATICANO – CUBA – ORTODOSSI
    Francesco e Kirill: Ortodossi e cattolici uniti, per i cristiani perseguitati e l’Occidente secolarizzato



    Nella Dichiarazione comune firmata a l’Avana, il papa e il patriarca di Mosca sottolineano i “mali” del mondo e la necessità per i cristiani di dare testimonianza comune. Il matrimonio naturale, composto da uomo e donna; il diritto alla vita; la necessità del dialogo interreligioso; lo scandalo della divisione. Un appello per la fine della persecuzione religiosa, per la pace in Ucraina e per l’unità “fatta di gesti concreti”. Il testo completo della Dichiarazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®