24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/02/2018, 08.31

    INDIA

    Conclude il sit-in dopo 782 giorni. La polizia indagherà sul fratello 'ucciso'



    SR Sreejith è diventato un “eroe” sui social media. La sua protesta pacifica davanti al segretariato dello Stato del Kerala. Il fratello Sreejeev morto in custodia della polizia. Tra il 2010 e il 2015, almeno 591 decessi sotto sorveglianza.

    Trivandrum (AsiaNews/Agenzie) – Seduto per 782 giorni davanti al segretariato dello Stato del Kerala, un uomo indiano ha deciso di sospendere la sua protesta. SR Sreejith ha ottenuto che l’agenzia di investigazione federale, il Central Bureau of Investigation (Cbi), indaghi sul fratello morto in custodia della polizia.

    Nelle scorse settimane la storia di SR Sreejith è diventata famosa grazie ai social network. La sua vicenda personale ha attirato l’attenzione di tanti volti noti dello sport e di Bollywood. Sui social media l’hashtag “#JusticeForSreejith” ha ricevuto migliaia di condivisioni.

    Il suo sit-in è iniziato il 22 maggio 2015. Il motivo: ottenere giustizia per il fratello minore Sreejeev, 26 anni, morto in circostanze misteriose nell’ospedale governativo. Il giovane era stato arrestato qualche giorno prima dagli agenti per il presunto furto di un cellulare. Secondo i poliziotti, Sreejeev si sarebbe suicidato. Al contrario, Sreejith ha sempre sostenuto che il parente fosse stato malmenato dalla polizia, forse per punirlo per la relazione clandestina con una donna, futura sposa di uno degli agenti.

    La popolarità guadagnata grazie ai social ha spinto l’Assemblea statale a disporre un’indagine interna alle forze di polizia. Per Sreejith non era abbastanza e chiedeva l’intervento degli inquirenti federali.

    In India le organizzazioni che difendono i diritti umani lamentano che spesso le morti sospette in mano degli agenti vengono coperte definendole "casi di suicidio". Secondo il National Crime Records Bureau indiano, tra il 2010 e il 2015 almeno 591 persone sono decedute in custodia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/01/2018 09:00:00 INDIA
    Kerala: sit-in da 800 giorni, chiede giustizia per il fratello ‘ucciso’ in custodia

    SR Sreejith è diventato un “eroe" sui social media. L’hashtag “#JusticeForSreejith” ha ricevuto migliaia di condivisioni. Il fratello 26enne malmenato dagli agenti, forse per punirlo di una relazione con la futura sposa di uno di loro.



    03/01/2018 08:58:00 INDIA
    Kerala, proteste contro una croce demolita: otto feriti, tra cui una suora

    La marcia era organizzata dalla Kerala Latin Catholic Women’s Association. Tra i partecipanti, anche numerosi bambini. Gli agenti avrebbero usato manganelli per disperdere le donne. La croce era stata eretta a novembre in sostituzione di altre distrutte in un villaggio.



    22/06/2011 INDIA
    Kerala: la “polizia morale” aggredisce una donna perché è in strada di notte
    L’episodio ha avuto come vittima una donna di 31 anni che lavora come tecnico all’Infopark di Kochi. Sajan K George, presidente del Global council of India christians (Gcic): “Incidenti del genere sono manifestazioni dell’onda crescente di fondamentalismo che sta affondando le sue radici in Kerala”.

    27/10/2015 INDIA
    Delhi, la polizia irrompe nella residenza di Stato del Kerala in cerca di carne di vacca. È incidente politico
    Il leader di un gruppo fondamentalista indù ha sporto denuncia contro la vendita di carne di vacca nella mensa della residenza di Stato. Ma la carne è di bufalo. Gli agenti sono accusati di aver violato il territorio del Kerala, che controlla la residenza. Chief minister dello Stato indiano chiede al ministro dell’Interno di riferire sull’incidente.

    13/04/2011 CINA
    Guangxi: la polizia caccia i contadini dalla loro terra e li arresta
    Gli agricoltori del distretto di Beigang rifiutano l’indennizzo offerto dal governo, troppo basso, e impediscono agli escavatori di passare. La polizia arriva, pesta i contadini, poi inizia a cercare i “colpevoli” casa per casa e li arresta. Un agricoltore: “senza terra, non abbiamo di che vivere”.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®