12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/02/2013, 00.00

    COREA

    Consiglio mondiale delle Chiese: I cristiani della Corea del Sud “agenti del Dio della pace”

    Joseph Yun Li-sun

    È l’auspicio del dottor Olav Fykse Tveit, capo dell'organismo ecumenico, che ha visitato il Paese per preparare l’incontro annuale del gruppo che si terrà a novembre. I fedeli “devono collaborare per far ridiventare la penisola un luogo di pace e giustizia”.

    Seoul (AsiaNews) - I cristiani della Corea del Sud "siano agenti di pace nella penisola. La pace è radicale, va annunciata ma bisogna anche crederci perché diventi possibile. La popolazione coreana attende da tempo una vera pace, e i cristiani possono renderla possibile". È l'auspicio del dottor Olav Fykse Tveit, capo del Consiglio mondiale delle chiese cristiane, che ha visitato la parte sud della penisola per preparare l'incontro annuale del gruppo che si terrà a ottobre a Busan.

    Parlando con i fedeli delle denominazioni protestanti coreane, il dr. Tveit ha dichiarato: "Il Salmo 85 è chiaro: Dio parla di pace al Suo popolo. E i coreani aspettano la pace da molto tempo, una pace che porti con sé la vita e la possibilità di vivere di nuovo come un Paese unito. Viviamo in tempi difficili, in cui la vita è minacciata e le ingiustizie sono una realtà in tutto il mondo. Basta guardare a quanto avviene in Siria, in Israele e in Palestina".

    Ma le minacce alla pace non vengono solo dalla guerra combattuta. Citando Benedetto XVI e il suo annuale Messaggio per la Giornata mondiale della pace, il dr. Tveit  ricorda che "anche le diseguaglianze fra ricchi e poveri disturbano la pace. Così come la disoccupazione dei giovani, i cambiamenti climatici e tanti altri fattori sociali. Ma Dio parlerà di pace al Suo popolo, per fare in modo che i cristiani divengano agenti di pace".

    L'incontro annuale del Consiglio si terrà a Busan dal 30 ottobre al 10 novembre. Il tema scelto è "Dio della vita, guidaci verso la giustizia e la pace". Attualmente i cristiani in Corea del Sud rappresentano il 29,3 % della popolazione; il 47 % dei coreani si professa ateo, mentre il 22 % è di fede buddista. I cattolici sono il 10,9 %, un numero che da 10 anni a questa parte continua a crescere in maniera costante. Alle ultime elezioni presidenziali entrambi i candidati erano di fede cattolica anche se la vincitrice, Park Geun-hye, si dichiara "non praticante".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/10/2013 COREA
    Partito da Berlino il "treno cristiano per la pace" in Corea
    Il convoglio è stato benedetto alla Porta di Brandeburgo da due pastori del Consiglio mondiale delle chiese e prevede tappe a Mosca, Irkutsk e Pechino. La speranza è quella di passare anche da Pyongyang. L'arrivo il 28 ottobre a Busan in Corea del Sud.

    28/11/2013 ISLAM - CRISTIANESIMO
    Studioso musulmano: L'islam non sa dialogare, dobbiamo imparare dai cristiani
    Primo ospite islamico del Consiglio mondiale delle Chiese cristiane, un professore di Al Azhar rimane colpito dal rispetto reciproco e dalla disponibilità all'ascolto dei delegati cristiani: "Come vorrei che anche noi musulmani fossimo in grado di comportarci così". La sua testimonianza da "ambasciatore dell'islam" e l'invito al mondo musulmano: "Apriamoci ai temi della povertà e della cura del creato".

    18/09/2015 COREA
    Leader cristiani delle due Coree si incontrano a Pyongyang per parlare di pace
    Il Consiglio nazionale delle chiese della Corea del Sud (Ncck) ha annunciato che rimarranno nella capitale del Nord per sette giorni. Insieme a loro alcuni delegati del Consiglio mondiale delle Chiese. Lo scopo del forum è discutere “come promuovere la pace e gli scambi fra le Chiese” nella penisola.

    23/12/2003 palestina - natale
    Betlemme isolata e triste: i cristiani emigrano


    30/03/2012 COREA
    Cristiani coreani: “Pregheremo, tutti insieme, in Corea del Nord”
    L’incontro si terrà il prossimo 12 giugno nella cappella di un complesso industriale di Kaesong, la zona di cooperazione intercoreana. Tuttavia la tensione nella penisola resta alta per il lancio del razzo, e rimangono seri dubbi sulla fede dei cristiani che vivono nel Nord.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®