13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 17/12/2008, 00.00

    CINA

    Contadini, operai, laureati cinesi: milioni di nuovi disoccupati ogni mese



    Le zone rurali hanno difficoltà a dar lavoro ai milioni di migranti che, cacciati dalle fabbriche, sono costretti a tornare a casa. Intanto ci sono oltre un milione di laureati senza lavoro. Pechino teme proteste sociali e invita le autorità locali a creare opportunità di lavoro.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Cresce la disoccupazione in Cina. Secondo l’Accademia cinese per le scienze sociali (Acss) a fine novembre sono già tornati a casa 4 milioni di migranti licenziati dalle fabbriche in crisi, il 3% del totale, ma molti ritengono il dato sottostimato perché non considera i lavoratori in nero. Intanto oltre un milione di laureati è disoccupato e molti tornano a lavorare in campagna.

    Nelle aree costiere, specie nelle zone del Fiume Yangtze e del Delta del Fiume delle Perle, hanno chiuso migliaia di fabbriche e si prevede che molte altre non riapriranno dopo la vacanza del Nuovo Anno Lunare.

    Liu Guoquan, direttore dell’Ufficio per lo sviluppo delle risorse rurali umane a Zhaotong (Yunnan), prevede il ritorno di 330mila lavoratori entro il 2008, il 30% dei migranti della zona, e di oltre mezzo milione entro maggio se la crisi continua. Ma a casa i migranti non trovano abbastanza lavoro e il loro ritorno causa un minor reddito “collettivo” di 540 milioni di yuan a Zhaotong, circa 1.000 yuan annui (100 euro) per migrante.

    Il 95% di loro non ha terminato le scuole secondarie, né ha specializzazioni. Ora le autorità organizzano corsi per insegnare a fare mobili di bambù, ricamare, soffiare vetro e altri mestieri che – dice Liu al South China Morning Post – “fanno guadagnare 50 yuan al giorno”.

    Il governo di Qujing progetta nuove infrastrutture per occupare almeno 20mila persone, mentre nel capoluogo Kunming ci sono corsi per operaio specializzato e anche sussidi annuali di studio per 1.500 yuan a persona.

    Liu dice che c’è persino un problema alimentare, dato che il loro ritorno “ha portato il consumo locale di grano a 500mila tonnellate al giorno”, al punto che occorre importarlo da altre province.

    La situazione è peggiore in province come Henan, Hubei, Hunan e Sichuan che hanno un maggior numero di migranti.

    Intanto la disoccupazione dilaga anche tra i laureati: l’Acss stima che ci siano già oltre un milione di laureati disoccupati, prevede che altri 6,1 milioni entreranno nel mondo del lavoro nel 2009 e circa un quarto avranno difficoltà a trovarlo.

    Chen Giangqing della National Association of Vocational Education dice che “la situazione occupazionale è peggiore che [durante la crisi asiatica] negli anni ’90”.

    La disoccupazione urbana è stimata del 9,4%, ma è molto maggiore nelle regioni centrali e occidentali che hanno economie più arretrate.

    Molti laureati cercano intanto lavori temporanei, magari in zone rurali: in una vera migrazione spontanea, 40 anni dopo che Mao Zedong costrinse milioni di giovani a lasciare famiglie e scuole per andare nelle campagne.

    Il governo è preoccupato che la crescente disoccupazione alimenti maggiori proteste sociali e il Quotidiano del Popolo, organo ufficiale del Partito comunista cinese, invita le autorità locali “ad affrontare i problemi sul nascere” per “mantenere la stabilità sociale”. Il Partito teme che la disoccupazione evidenzi ancora di più le disuguaglianze sociali: il 20% fra i più ricchi ha un reddito 17 volte superiore a quello del 20% fra i più poveri.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/11/2008 CINA
    Leader cinesi nel panico per la crisi e la disoccupazione
    Previsto un rapido aumento della disoccupazione, per il fallimento o la minor produzione di molte ditte. A rischio il lavoro di 120 milioni di migranti, ma anche di 6 milioni di neolaureati o diplomati. Aumentano le proteste sociali di lavoratori cacciati senza nemmeno una giusta liquidazione.

    09/06/2009 CINA
    Pechino ha paura di milioni di laureati disoccupati
    In Cina la crisi economica causa per la prima volta diffusa disoccupazione tra i laureati. I giovani lo vivono con angoscia e molti cadono in depressione. Ma il governo ha paura che tanti laureati disoccupati inneschino proteste di piazza.

    12/12/2008 CINA
    Miliardi di yuan per frenare le rivolte dei contadini cinesi
    Milioni di migranti, licenziati dalle fabbriche in crisi, sono costretti a tornare al villaggio lasciato per fare fortuna. Ma a casa li aspettano poco lavoro e scarsa assistenza sociale. Esperti: per 700 milioni di contadini non bastano sussidi una tantum, occorre creare lavoro e fornire servizi sociali.

    22/01/2009 CINA
    Il Partito deve dare "il buon esempio" per evitare rivolte sociali
    Duro monito del leader del Guangdong ai funzionari della regione, ritenuti spesso poco capaci e troppo attenti alla carriera. Secondo dati ufficiali, nel 2008 ci sono state almeno 87mila proteste di massa causate da problemi di lavoro.

    06/12/2008 CINA
    Disoccupazione urbana oltre il 12%: rischio elevato di proteste sociali
    Uno studioso ammonisce che la disoccupazione è molto maggiore dei dati ufficiali e l’aggravarsi delle ingiustizie sociali può genere una situazione difficile da controllare. Intanto il governo rivede il prezzo del carburante e ne aumenta le imposte.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®