22 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/03/2008
KUWAIT
Continua la crisi politica in Kuwait: ministri si dimettono in massa
I ministri kuwaitiani dell’opposizione danno le dimissioni. A causa della risicata maggioranza in parlamento disaccordi con l’opposizione fanno tremare il governo e l’emiro potrebbe indire nuove elezioni.

Kuwait City (AsiaNews/Agenzie) – Un numero non specificato di ministri lasciano gli incarichi di governo. È l’apice dell’ennesima crisi politica nel ricco Emirato arabo, scaturita da una mancanza di cooperazione tra la maggioranza e l’opposizione.

Le dimissioni, già presentate al primo ministro, verranno sottoposte anche al principe, lo sceicco Nawaf al-Al-ahmad al-Sabah. Secondo la costituzione del Kuwait, l’emiro può accettare le dimissioni e formare un nuovo governo, oppure scogliere il parlamento e indire elezioni anticipate. 

I ministri hanno deciso di dimettersi dopo il disaccordo su una legge per l’aumento dei salari ritenuta inadeguata dalla dominante opposizione. L’insanabilità politica in Kuwait è perpetuata dalla mancata maggioranza del governo in parlamento. L’attuale primo ministro, lo sceicco Nasser Mohammad al-Ahmad al-Sabah, è stato eletto nel 2006 dopo che le crisi sotto il suo predecessore, ha visto le dimissioni di tre governi.

A distanza di due anni dalle ultime votazioni, il copione sembra essere lo stesso e sono molti a fare pressioni sull’emiro perché sciolga le camere e annunci elezioni anticipate. Ahmad al-Mulaifi, ministro liberale, ha detto che il governo dovrebbe dimettersi. “C’è bisogno di una riforma della famiglia, e al-Sabah. Il premier, che è il nipote dell’emiro, ha fallito nel portare avanti le riforme necessarie per risolvere la crisi”.

Nel Paese intanto aumentano anche le tensioni settarie dopo che gli attivisti della minoranza sciita hanno organizzato una manifestazione per commemorare il defunto responsabile militare di Hezbollah Imad Mughnieh, ucciso il mese scorso.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/03/2006 THAILANDIA
Thailandia, il premier non cede alla piazza che vuole le sue dimissioni
di Weena Kowitwanij
23/01/2006 taiwan
Taiwan, Chen cambia il premier in vista delle presidenziali del 2008
02/09/2008 GIAPPONE
Un governo di transizione il probabile esito della crisi politica giapponese
di Pino Cazzaniga
14/03/2006 THAILANDIA
Thailandia, il premier minaccia lo stato d'emergenza
14/01/2006 Mongolia
Il parlamento della Mongolia leva la fiducia al governo

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate