2 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/06/2012
COREA DEL SUD – CINA
Contro la delegazione tibetana, la Cina abbandona i lavori dell’Amicizia buddista
di Joseph Yun Li-sun
I rappresentanti del buddismo cinese prima chiedono (e ottengono) di allontanare i delegati tibetani dai lavori dell’assemblea mondiale. In un secondo tempo, non soddisfatti, decidono di andarsene all’improvviso. Alla conferenza è presente Samdhong Rinpoche, ex primo ministro tibetano in esilio. Una fonte tibetana ad AsiaNews: “Vogliono che il mondo ci dimentichi”.

Seoul (AsiaNews) - La delegazione cinese ha abbandonato all'improvviso una conferenza organizzata dall'Amicizia dei buddisti mondiali in corso in Corea del Sud per protestare contro la presenza di alcuni monaci tibetani. Il governo cinese si conferma così deciso a schiacciare l'essenza tibetana anche dal punto di vista religioso, e non esita a usare ricatti diplomatici e commerciali per impedire la partecipazione degli esponenti di questa etnia a qualunque tipo di evento con rilevanza internazionale.

I 17 fra monaci e rappresentanti del mondo buddista cinese sono partiti all'improvviso due giorni prima della fine dell'incontro, prevista per il 15 giugno. Una portavoce dell'organizzazione conferma che, per venire incontro alle proteste cinese, i funzionari dell'Amicizia avevano chiesto ieri a 3 delegati tibetani di lasciare i lavori: "La richiesta cinese è stata accettata dal Segretario generale del gruppo. Si è trattato di una decisione imbarazzante".

Al momento, comunque, la delegazione tibetana continua a partecipare ai lavori mentre quella cinese è partita questa mattina. Alla conferenza, in corso nella città meridionale di Yeosu, partecipano circa 400 delegati da più di 30 nazioni diverse. Questi incontri sono spesso dei momenti per riflettere insieme sulle forme dottrinali del buddismo, che ha connotazioni diverse nei vari Paesi in cui ha preso piede nel tempo.

La decisione di Pechino era in qualche modo attesa, dato che il governo di Seoul ha concesso per questo incontro il visto a Samdhong Rinpoche, ex primo ministro del governo tibetano in esilio. Anche se non è mai arrivata a ospitare il Dalai Lama, la Corea del Sud ha più volte chiesto alla Cina "giustizia e libertà religiosa" per la comunità tibetana, schiacciata dall'immigrazione han e dalle politiche repressive del governo centrale cinese.

Una fonte tibetana conferma ad AsiaNews: "Questo modo di fare non è certo una novità. La Cina spera che il mondo ci dimentichi e ci abbandoni, e fa in modo di protestare ogni volta che qualche tibetano fa parte di un consesso internazionale. Ma proprio oggi il Dalai Lama parte per un tour in Europa, e questo dimostra che i loro sforzi sono inutili".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/03/2011 TIBET - CINA
Leader tibetano: Alle provocazioni della Cina sul Dalai Lama, rispondiamo con la non-violenza
di Nirmala Carvalho
22/04/2008 INDIA – TIBET – CINA
Premier tibetano: la Cina ha fatto del Tibet una trappola per distruggerci
di Nirmala Carvalho
03/03/2010 CINA – TIBET
Pechino, il falso Panchen Lama entra nel governo
di Nirmala Carvalho
02/01/2009 TIBET
I 50 anni dell’esilio tibetano: la speranza del ritorno, il compito di tener viva la tradizione
di Nirmala Carvalho
11/04/2015 TIBET – CINA
Tibet, una monaca buddista si dà fuoco per la libertà e il ritorno del Dalai Lama

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate