09/02/2015, 00.00
COREA DEL SUD
Invia ad un amico

Corea, l'opposizione sceglie il cattolico Moon Jae-in come nuovo leader

Il politico aveva corso contro la presidente Park nel 2012, perdendo per pochi punti percentuali. Dopo un periodo di riflessione, torna sulla scena pubblica ottenendo la guida della Nuova alleanza politica per la democrazia, maggior Partito politico di opposizione. Analisti: "Se le parlamentari 2016 andranno bene, potrà partecipare di nuovo alle presidenziali".

Seoul (AsiaNews) - La Nuova alleanza politica per la democrazia (Napd), maggiore coalizione di opposizione in Corea del Sud, ha eletto ieri il cattolico Moon Jae-in come nuovo presidente. Il politico, 62 anni, aveva partecipato alle elezioni presidenziali del dicembre 2012 contro Park Geun-hye: sconfitto per pochi punti percentuali, aveva annunciato un ritiro dalla scena pubblica "per riflettere sul futuro". Ora l'elezione alla guida dell'opposizione rilancia la possibilità di una sua nuova candidatura alle presidenziali del 2017.

Moon ha ottenuto il 45,3% dei voti degli iscritti Napd. Nel suo discorso dopo lo spoglio e la proclamazione, ha detto: "I membri del Partito hanno votato per un cambiamento, e io porterò avanti questa importante missione. Voglio prima di tutto interrompere la guerra interna fra le varie fazioni e restaurare la nostra unità. Ma intendo anche combattere una guerra a tutto campo contro la presidente Park, che continua a rovinare la nostra democrazia e lo stile di vita del nostro popolo".

Il riferimento all'unità del Partito è un invito allo sconfitto eccellente Park Jie-won, ex capo dello staff del defunto presidente Kim Dae-jung, che ha ottenuto il 41,8% dei voti. Questi raccoglie intorno a sé un gran numero di deputati democratici, e ha cercato di trasformare le primarie in una sorta di referendum sullo stile politico da adottare per confrontarsi con la Park. Moon, al contrario, ha improntato la sua campagna elettorale interna sul futuro della Corea e non solo sull'opposizione al governo in carica.

Bae Jong-chan, direttore del Centro studi politici "Research and Research", spiega che il vero banco di prova saranno le elezioni parlamentari del 2016. Al momento la Napd ha il controllo di 130 sui 295 seggi totali all'Assemblea nazionale (contro i 158 del Partito conservatore) e può pilotare il percorso di approvazione delle leggi. Se Moon riuscirà a ripetere (o a migliorare) questo dato, spiega Bae, "allora potrà correre per la presidenza di nuovo".  

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Presidenziali in Corea, Ahn sprona i suoi: “Votate Moon”
04/12/2012
Corea, la Chiesa “prega perché la Park faccia il meglio possibile”
20/12/2012
Corea, le presidenziali “sono ormai una lotta fra bene e male”
26/11/2012
Moon Jae-in è il 19mo presidente della Corea del Sud
10/05/2017 08:13
Corea del Sud, Park Geun-hye è il nuovo presidente
19/12/2012