16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 30/10/2014, 00.00

    COREA DEL SUD

    Corea, mons. Kim nuovo presidente dei vescovi. A mons. You la guida di Giustizia e Pace



    La Conferenza episcopale ha concluso l'Assemblea plenaria, convocata per eleggere i nuovi vertici dell'episcopato. L'arcivescovo di Gwangju scelto a larga maggioranza, il suo vice sarà mons. Chang. Al vescovo di Daejeon la Commissione più "sensibile". Per Cristo Re una raccolta fondi per i cristiani di Siria e Iraq.

    Seoul (AsiaNews) - La Conferenza episcopale coreana ha eletto l'arcivescovo di Gwangju, mons. Igino Kim Hee-jong , come suo nuovo presidente. Il presule ha guidato fino a oggi la Commissione episcopale per il dialogo interreligioso e l'unità dei cristiani: è stato lui a presentare a papa Francesco i leader delle altre religioni coreane durante la recente visita apostolica del Papa nella penisola. Il suo vice sarà mons. Gabriele Chang, vescovo di Kkottongnae. Alla guida della Commissione giustizia e pace è stato eletto mons. Lazzaro You  Heung-sik, vescovo di Daejeon.

    I vescovi hanno concluso con questa elezione i quattro giorni di Assemblea plenaria nella sede della Conferenza episcopale a Seoul. Nel corso della riunione, i presuli hanno deciso anche di organizzare due raccolte fondi speciali: la prima sarà domenica 16 novembre, Giornata dei laici, il cui ricavato sarà destinato alle organizzazioni cattoliche private; la seconda sarà la settimana successiva, Solennità di Cristo Re. Il ricavato di questa seconda colletta, estesa a tutte le diocesi coreane, sarà destinato ai cristiani di Siria e Iraq, costretti dall'avanzata degli estremisti islamici a fuggire dalle proprie case.

    Subito dopo l'elezione dei vertici è avvenuta quella delle varie commissioni. Giustizia e pace è considerata da molti cattolici una delle realtà più "sensibili" della Chiesa coreana, data la speciale natura "sociale" dei cattolici locali. Fino a oggi il ruolo era stato ricoperto da mons. Matthias Li, vescovo di Suwon.

    Dopo il voto, mons. You ha ringraziato i suoi confratelli per la fiducia espressa "segno della volontà di Dio. Vi chiedo - ha aggiunto - di andare avanti tutti insieme e di essere pronti ad aiutarmi". Il vescovo di Daejeon ha poi indicato nella Esortazione apostolica Evangelii Gaudium "la bussola per i nostri rapporti sociali. La gioia di vivere il Vangelo in maniera concreta deve aiutarci ad andare fuori, ad andare oltre tenendo sempre Cristo nel cuore". 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/07/2017 12:43:00 FILIPPINE
    I vescovi filippini: ‘Guerra a Marawi, mai più! Guerra a Marawi, non più!’

    La Conferenza episcopale (Cbcp) sottolinea che gli scontri in corso dal 23 maggio scorso non rappresentano una guerra religiosa. I prelati condannano il terrorismo dei Maute: “Contraddetti i principi fondamentali dell'islam”. Ribadita la necessità di un dialogo interreligioso. Mons. Edwin Angot dela Peña, vescovo di Marawi: “Ricostruire le persone colpite dalla distruzione della loro vita”. Mons. Orlando Quevedo, arcivescovo di Cotabato: “Una provincia autonoma nel sud è una soluzione per la pace”.



    18/03/2017 09:20:00 INDONESIA
    A Yogyakarta la prossima Giornata della gioventù asiatica: in arrivo giovani da 29 Paesi

    Il pluralismo della società indonesiana ha ispirato il tema dell’evento. La Chiesa cattolica in Asia nella vasta varietà di etnie, lingue e culture. Mons. Suharyo: “Tutti i partecipanti capiscano a fondo l’importanza del concetto di unità nella diversità”. Mons. Prapdi: “La diversità è un bene sociale e culturale senza prezzo”.



    21/04/2016 09:51:00 COREA DEL SUD
    Giustizia e pace ai deputati cattolici: Siate missionari in Parlamento

    Nella nuova Assemblea nazionale di 300 membri, sono stati eletti 77 parlamentari di fede cattolica. A loro il vescovo di Daejeon, mons. Lazzaro You Heung-sik, invia un messaggio chiaro: “La nostra società è divisa in due parti, lavorate per la riconciliazione e mostrate nel vostro operato di aver capito i precetti del Vangelo”



    10/06/2005 COREA DEL SUD
    Vescovo sud-coreano: "anche a tavola cultura della vita"

    Mons. Boniface Choi Ki-san, presidente della commissione Giustizia e Pace, invita i fedeli a "tornare ad una vita sana" e accusa le multinazionali che "minacciano la salute delle persone".



    14/09/2016 08:28:00 COREA
    La Chiesa si appella a Seoul, Pyongyang e Washington: Basta armi nucleari

    Un comunicato della Commissione episcopale Giustizia e pace chiede agli attori regionali di eliminare del tutto l’arsenale atomico dalla penisola: “Non si può giustificare lo sviluppo delle armi con la protezione del proprio Paese o con il desiderio di pace, è un controsenso”. Il regime del Nord deve smettere le sue provocazioni, mentre quello del Sud “deve applicare le sanzioni soltanto per spingere al dialogo, non per schiacciare la popolazione”. Critiche anche ai Paesi confinanti: “I test di Pyongyang non siano usati per disseminare l’Asia di bombe”.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®