3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/02/2010
COREA DEL SUD
Corea del Sud, il Paese con il tasso di natalità più basso del mondo
di Theresa Kim Hwa-young
Per il secondo anno consecutivo diminuisce il numero delle nascite: da 466mila del 2008 a 445mila nel 2009. L’indice di natalità per le donne tra i 15 e i 49 anni è di 1,14, con un calo di 0,04 punti. Esso causa un invecchiamento della popolazione e pesanti ripercussioni sul sistema previdenziale.

Seoul (AsiaNews) – Per il secondo anno consecutivo diminuisce il tasso di natalità in Corea del Sud. È quanto emerge da un rapporto diffuso nei giorni scorsi dall’Ufficio nazionale di statistica (Nso) di Seoul, che attribuisce la decrescita alla tendenza delle coppie a rimandare i matrimoni e posticipare il concepimento dei figli. Il numero nelle nascite, conferma un funzionario Nso, è il più basso del mondo.
 
Nel 2009 vi sono state 445mila nuove nascite, con un calo di 21mila unità (pari al - 4,4%) rispetto alle 466mila del 2008. Un dato che conferma il trend negativo: nel 2008 vi sono stati 27mila neonati in meno del 2007. Il tasso medio di natalità nelle donne in età fertile, fra i 15 e i 49 anni, è di 1,14. Il dato indica una diminuzione di 0,04 punti rispetto all’anno precedente. Un funzionario dell’Nso afferma che “è il più basso tasso di fertilità al mondo, se si eccettuano alcune città-Stato”.
 
La diminuzione delle nascite comporta, di conseguenza, un invecchiamento della popolazioni che crea pesanti ripercussioni alle casse dello Stato. Diminuisce infatti la forza lavoro e aumentano, di pari passo, i costi del welfare e dei trattamenti pensionistici. Essi, oltretutto, andranno a gravare sulle spalle dei giovani che si affacciano al mercato del lavoro.
 
Dal rapporto emerge inoltre che l’età media delle donne che partoriscono è salita a 31 anni – con una crescita di 0,2 punti sul 2008 – ed è dovuta alla scelta delle coppie di rimandare il matrimonio. Oggi le donne ultratrentenni gravide hanno superato le ventenni e i dati lo dimostrano: il 43,4% dei neonati ha una madre che ha superato i 30 anni, il 35,2% è figlio di una ancora nella “ventina”. E sono proprio le 20enni a registrare un calo nelle gravidanze superiore alla metà (13mila, su 21mila) rispetto al dato del 2008.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/08/2014 COREA DEL SUD
Seoul, se le culle restano vuote il popolo coreano "sarà il primo a scomparire"
31/03/2006 corea del sud
Aumentano i matrimoni, ma anche i divorzi, fra sud coreani e stranieri
di Theresa Kim Hwa-young
12/07/2012 COREA DEL SUD
Il governo di Seoul dà ragione alla Chiesa: "Aumentiamo la nostra natalità o spariremo"
di Joseph Yun Li-sun
23/01/2013 SINGAPORE
Singapore, il governo corre ai ripari contro il crollo delle nascite
27/10/2004 FILIPPINE
Lobby economiche filippine premono per il controllo delle nascite

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate