24 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/01/2016, 00.00

    CINA

    Corruzione nel Partito, arrestato il governatore in carica del Sichuan



    Wei Hong, 61 anni, è il secondo leader provinciale a cadere nel corso della campagna anti-corruzione lanciata da Xi Jinping. Ex protetto di Zhou Yongkang, ha guidato il Dipartimento per la promozione dei membri del Pcc. Analisti sempre più critici: “Oramai è chiaro che la battaglia alle tangenti è una scusa per nascondere la lotta interna per il potere”.

    Pechino (AsiaNews) – La campagna anti-corruzione lanciata dal presidente cinese Xi Jinping continua a mietere vittime, ma secondo alcuni critici è “oramai chiaro” che essa è divenuta una lotta per il potere interna al Partito. L’ultimo in ordine di tempo a cadere nelle mani degli inquirenti è Wei Hong, governatore della provincia del Sichuan in carica e protetto dell’ex “zar della sicurezza” Zhou Yongkang. La sua è la provincia più colpita dall’anti-corruzione, ed era considerata una roccaforte di Zhou. Quest’ultimo è stato un feroce nemico politico dell’attuale presidente, e la sua caduta in disgrazia ha provocato una raffica di arresti.

    Wei, 61 anni, è il secondo governatore in carica a essere arrestato. Prima di lui vi è stato Su Shulin, leader del Fujian, arrestato nell’ottobre 2015 e poi “dimessosi in maniera spontanea” il mese successivo. L’arresto di Wei è stato confermato da Wu Liangyu, funzionario dell’Autorità anti-corruzione, che nel corso di una conferenza stampa ha dichiarato: “Il governatore sta riflettendo sui propri errori. È sospettato di violazioni alla disciplina interna del Partito”. La frase è oramai un codice usato per indicare le tangenti.

    La conferma dell’arresto chiude la parabola politica di Wei, che da qualche settimana era sparito dalla vita pubblica. L’ultimo incontro cui ha presenziato è avvenuto nei primi di dicembre 2015 a Pechino: una Conferenza economica centrale di lavoro trasmessa in diretta dalla televisione di Stato. Da allora è mancato a diverse riunioni importanti a livello provinciale.

    Il successo del politico coincide con l’ascesa al potere nel Sichuan di Zhou Yongkang, nel 1999: nominato prima vice direttore del Dipartimento per l’organizzazione interna – incaricato di vagliare le nomine interne al Partito – Wei viene promosso due volte. La prima nel 2002 al rango di capo del Partito di Ya’an, e l’anno successivo capo del Dipartimento di tutta la provincia. Il suo protettore è stato condannato all’ergastolo nel giugno 2015 per corruzione, abuso di potere e vendita di segreti di Stato.

    Lo scorso 12 gennaio, le autorità hanno condannato a 15 anni un altro suo stretto alleato: Li Dongsheng, ex vice capo della polizia nazionale, è stato ritenuto colpevole di corruzione per circa 22 milioni di yuan (circa 3 milioni di euro) e abuso di potere. 

    Alcuni analisti ritengono “sempre più evidente” che la campagna anti-corruzione di Xi è oramai divenuta una lotta senza quartiere per consolidare il potere del leader e dei suoi uomini all’interno del Partito, del governo e dell’esercito cinese. Xi ha dichiarato che intende colpire “le tigri e le mosche” della corruzione, ovvero ogni grado di potere colpevole di tangenti, ma gli interventi della potentissima Autorità anti-corruzione non sembrano toccare i membri del suo staff. Eppure, sottolineano ancora diversi osservatori, le accuse di corruzione contro gli uomini del presidente sono numerose e ben circostanziate. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/04/2016 09:18:00 CINA
    Xi Jinping impedisce il ricambio nel Partito: Vuole essere il Mao del 21mo secolo

    Le riforme istituzionali lanciate da Deng Xiaoping per evitare il ripetersi degli orrori del maoismo sono state buttate a mare dall’attuale leader supremo, che oramai va chiamato “nucleo centrale della leadership”. In vista del prossimo Congresso del Pcc, si rifiuta di riconoscere e addestrare quelli che dovrebbero succedergli. In modo da rimanere al potere fino al 2027. Inizia la deificazione di Xi: chi gli stringe la mano, non se la lava per una settimana. Un’analisi del grande esperto di Cina, per gentile concessione della Jamestown Foundation. Traduzione a cura di AsiaNews.



    27/03/2013 CINA
    Per paura di Xi Jinping il Pcc torna alla clandestinità (del lusso)
    Il nuovo presidente ha annunciato “tolleranza zero” nei confronti delle tangenti e degli sprechi nei quadri dirigenti del Partito. Ma questi scelgono di continuare a vivere come sempre e trasformano le cantine in ristoranti a 5 stelle. Mentre mandano i capitali “sporchi” all’estero.

    10/12/2014 CINA
    Cina, condannato all'ergastolo Liu Tienan, uno dei massimi dirigenti economici del Paese
    L'ex vice direttore della Commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme, ha già confessato i suoi crimini, e ha dichiarato di "aver perso la fiducia dei miei capi e dei miei colleghi. Mi pento in maniera profonda delle mie azioni".

    30/08/2006 Cina
    Cina, comunisti disperati: torna l'Abc per i dirigenti

    Il Politburo del Partito comunista cinese, travolto dagli scandali, ha riadottato le "regole di condotta" del 1997 che impongono ai dirigenti di comunicare matrimoni, funerali, acquisto o vendita di beni e viaggi all'estero. Uno studioso le definisce inutili, perché si basano su un'integrità che non esiste più.



    07/12/2015 CINA
    Cina, “spariti” due manager indagati per corruzione. Un ex tycoon muore di infarto
    La campagna contro la corruzione lanciata da Xi Jinping continua a mietere vittime. La Citic Securities, colosso del brokeraggio nazionale, non riesce più a contattare il capo del settore investimenti bancari e il vertice del settore internazionale. Xu Ming, miliardario vicino a Bo Xilai, muore in carcere per attacco cardiaco a 44 anni.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®