26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/05/2012, 00.00

    VATICANO

    "Corvi" che dicono di amare il Papa, illazioni e fiducia

    Franco Pisano

    Le parole di Benedetto XVI sulla vicenda dei documenti rubati. Per mons. Becciu "un atto immorale di inaudita gravità". Padre Lombardi: " coltivare "senso di equilibrio" nel descrivere i fatti "per non dar luogo a speculazioni". Una Sindrome di Dan Brown: creare un'aura di mistero e complotto.

    Roma (AsiaNews) - Uno dei "corvi" è un cardinale, un altro è una donna, interrogati cinque porporati, trovate buste di documenti con già scritti gli indirizzi dei destinatari. Tutto smentito, ma tant'è: per un giorno o per una settimana serve a fare titolo. Come l'immancabile monsignore anonimo che dichiara di essere un "corvo" e di mettere in giro lettere e altri documenti del Papa per amore del Papa e della Chiesa. E l'altrettanto immancabile Hans Kung che spiega come tutto quello che sta succedendo sia provocato dal mancato rinnovamento, per cui siamo di fronte alla "crisi di un sistema intero nel suo complesso". E dentro ci si sta mettendo di tutto: dallo Ior alla vicenda di Emanuela Orlandi, alle cosche massoniche in Vaticano. Dove l'indagine, quella vera, va avanti.

    Ormai la chiamano Vaticanleaks: è la vicenda, esplosa il 23 maggio, dei documenti rubati da Paolo Gabriele, "aiutante di camera", cioè cameriere personale, di Benedetto XVI. Che oggi ha sentito di dover intervenire personalmente per denunciare le "illazioni del tutto gratuite" che stanno venendo fuori, dando "un'immagine della Santa Sede che non risponde alla realtà"  e confermare la sua fiducia nei suoi "più stretti collaboratori".  Ieri era stato padre Federico Lombardi, direttore della Sala stampa della Santa Sede, a chiedere ai giornalisti "di mantenere un po' di sangue freddo" coltivare "senso di equilibrio" nel descrivere i fatti "per non dar luogo a speculazioni".

    Il Papa, oggi, ha anche manifestato la sua "tristezza" per quanto accaduto e confermata la sua "ferma certezza" che Dio "mai farà mancare alla Chiesa il suo aiuto per sostenerla nel suo cammino". Nei giorni scorsi, padre Lombardi aveva parlato di "una prova impegnativa per il Papa e per la Curia romana" e  mons. Angelo Becciu, sostituto della Segreteria di Stato, di un Papa "addolorato". Perché, ha spiegato in un colloquio con L'Osservatore romano, "stando a quanto sinora si è potuto appurare, qualcuno a lui vicino sembra responsabile di comportamenti ingiustificabili sotto ogni profilo. Certo, prevale nel Papa la pietà per la persona coinvolta. Ma resta il fatto che l'atto da lui subito è brutale: Benedetto XVI ha visto pubblicate carte rubate dalla sua casa, carte che non sono semplice corrispondenza privata, bensì informazioni, riflessioni, manifestazioni di coscienza, anche sfoghi che ha ricevuto unicamente in ragione del proprio ministero. Per questo il Pontefice è particolarmente addolorato, anche per la violenza subita dagli autori delle lettere o degli scritti a lui indirizzati".

    Per mons. Becciu, "la pubblicazione delle lettere trafugate" è "un atto immorale di inaudita gravità. Soprattutto, ripeto, perché non si tratta unicamente di una violazione, già in sé gravissima, della riservatezza alla quale chiunque avrebbe diritto, quanto di un vile oltraggio al rapporto di fiducia tra Benedetto XVI e chi si rivolge a lui, fosse anche per esprimere in coscienza delle proteste. Ragioniamo: non sono state semplicemente rubate delle carte al Papa, si è violentata la coscienza di chi a lui si rivolge come al vicario di Cristo, e si è attentato al ministero del successore dell'apostolo Pietro. In parecchi documenti pubblicati, ci si trova in un contesto che si presume di totale fiducia". Questi i motivi per i quali, a suo dire, "da parte dei giornalisti, insieme al dovere di dare conto di quanto sta avvenendo, ci dovrebbe essere anche un sussulto etico, cioè il coraggio di una presa di distanza netta dall'iniziativa di un loro collega che non esito a definire criminosa. Un po' di onestà intellettuale e di rispetto della più elementare etica professionale non farebbe certo male al mondo dell'informazione".

    Sta di fatto che sembra di trovarci di fronte a una Sindrome di Dan Brown. Quando, come in tutte le cose umane, ci sono problemi, si fa di tutto per raccontare le vicende del Vaticano creando un'aura di mistero e complotto, anche dove non c'è. Ad esempio, lo scorso sabato il Papa ha ricevuto i pellegrini del Rinnovamento nello Spirito Santo. Che alla vigilia della Pentecoste parlasse loro dello Spirito Santo era piuttosto scontato, eppure c'è chi è riuscito a trovare nel suo discorso dei riferimenti ai corvi. Tutto viene forzato, si cerca il modo di coinvolgere la Chiesa in una vicenda che poi potrebbe essere anche solo una squallida storia di soldi, per quel che ne sappiamo finora. Ma cercare il complotto dovunque non è una novità.

    Come non è una novità che chi mette in piazza documenti privati del Papa, danneggiando il Papa, dica di farlo per il bene del Papa. Poi si finisce sempre allo stesso modo: qualcuno ha già chiesto le dimissioni di Benedetto XVI. Gli vogliono così tanto bene da chiedergli di andarsene.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/05/2012 VATICANO
    Papa: "illazioni gratuite" sulla vicenda dei documenti rubati, "rinnovo fiducia ai miei più stretti collaboratori"
    Intervento di Benedetto XVI al termine dell'udienza generale: offerta un'immagine della Santa Sede che non risponde alla realtà. Nonostante le difficoltà, il Signore non abbandona la sua Chiesa. Nella catechesi per l'incontro, la preghiera nella II Lettera di san Paolo ai Corinzi. Il "dialogo" tra il "sì fedele" di Dio e l'amen dei credenti.

    11/06/2012 VATICANO
    Papa: la fedeltà verso il Vicario di Cristo, dovere di ogni cattolico, grave responsabilità per chi lavora nella Curia romana e nelle nunziature
    Tema forse non casuale quello della fedeltà al papa, scelto oggi da Benedetto XVI per l'annuale incontro di fine anno con gli allievi della Pontificia accademia ecclesiastica. E' una virtù "profondamente legata al dono soprannaturale della fede, divenendo espressione di quella solidità propria di chi ha fondato in Dio tutta la vita". "Gratitudine" per l'aiuto che viene da chi lavora in Vaticano.

    02/11/2015 VATICANO
    Due arresti in Vaticano per sottrazione e divulgazione di documenti
    Sono un ecclesiastico e una laica, entrambi in passato componenti della Commissione referente di studio e indirizzo sull’organizzazione delle strutture economico-amministrative della Santa Sede. I due libri che stanno per uscire “sono frutto di un grave tradimento della fiducia accordata dal Papa”.

    09/04/2008 VATICANO
    Papa: l’umanesimo di San Benedetto antidoto alla cultura dell’ego
    Illustrando la figura del fondatore del monachesimo occidentale, il Papa dice che l’Europa da due guerre mondiali e da crollo delle ideologie per trovare la sua unità ha bisogno anche degli insegnamenti religiosi e morali che emergono dalle sue radici cristiane.

    11/07/2010 VATICANO
    Papa: “il prossimo” è chiunque sia nel bisogno, “specialmente i più emrginati”
    Nel primo Angelus da Castel Gandolfo, dove è per un periodo di riposo, Benedetto XVI ha esortato a sfruttare il periodo delle vacanze “per il riposo e per ritemprare le forze del corpo e dello spirito”. La memoria di san Benedetto, “grande patrono del mio pontificato”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®