22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/02/2017, 12.17

    INDIA

    Crescono gli ultranazionalisti indù in Kerala: oltre 5mila incontri al giorno

    Nirmala Carvalho

    In Kerala indù, cristiani e musulmani hanno sempre convissuto in maniera pacifica. Alle elezioni dello scorso anno ha trionfato il Partito marxista-comunista. Quest’ultimo si è aperto ai valori democratici. “Lo Stato potrebbe diventare un modello di convivenza anche per la politica a livello centrale”.

    Mumbai (AsiaNews) – Lo Stato del Kerala, nella parte meridionale dell’India, è quello dove più cresce il numero degli ultranazionalisti indù. Lo riferisce a Press Trust of India, organo di stampa ufficiale del governo di Narendra Modi, Nanda Kumar, il responsabile delle sezioni dell’Rss (Rashtriya Swayamsevak Sangh, gruppo paramilitare ultranazionalista indù, ndr) nello Stato indiano. Egli afferma che ogni giorno avvengono 5mila incontri mattutini (“shakha”, in lingua locale) nelle sezioni regionali. Ad AsiaNews p. Paul Thelakat, direttore di “Light of Truth” ed ex portavoce del Sinodo siro-malabarese, conferma i numeri: “In Kerala la presenza dell’Rss è ampia, forte e attiva. Secondo la loro ideologia, si tratta di un’organizzazione fascista. Nonostante tutto, i suoi membri non sono in aperto conflitto con le altre comunità, tranne che nel distretto di Kannur dove è in corso un violento contrasto con i marxisti”.

    Il Kerala ha avuto una lunga tradizione di governi di centro-sinistra capeggiati dal Congress, fino alla clamorosa sconfitta elettorale che lo scorso anno ha visto trionfare il Partito marxista-comunista. Lo Stato è anche quello dove si registra la maggior concentrazione di cristiani nel Paese, circa il 19% della popolazione locale. Qui la convivenza tra le varie confessioni religiose è sempre stata pacifica e le organizzazioni caritatevoli cristiane lavorano con il pieno sostegno di governo e abitanti.

    Kumar riporta che “negli ultimi anni l’incremento delle sezioni giovanili dell’Rss è stato persino più alto rispetto al Gujarat, storica roccaforte di Rss e Bjp [Bharatiya Janata Party, braccio politico del gruppo paramilitare indù, ndr], dove oggi ci sono circa 1000 gruppi”. L’obiettivo dell’organizzazione è raddoppiare i propri numeri, fino ad arrivare a 100mila sezioni.

    P. Thelakat sostiene che finora “i rapporti tra membri dell’Rss, cristiani e musulmani sono sempre stati di convivenza pacifica. Il Kerala ha una buona tradizione di relazioni cordiali tra le varie religioni”. Egli ritiene che “l’Rss non voglia discostarsi da questo modello. Credo che la versione del Bjp in questo Stato sia diversa dall’atteggiamento che lo stesso partito ha nel nord dell’India. Qui i suoi leader politici non pronunciano offese nei confronti delle confessioni altrui”.

    Secondo il sacerdote, “il Kerala potrebbe diventare un modello per la leadership del partito a livello nazionale. Il futuro dell’India dipenderà da quanto l’Rss sarà disposto ad accettare i valori democratici e il rispetto di tutte le religioni”. “Anche il Partito marxista – conclude – la cui ideologia non è per niente democratica, con il passare degli anni ha cambiato atteggiamento e si è aperto ai valori democratici. Questo potrebbe accadere anche per il Bjp e l’Rss”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/08/2014 INDIA
    Ultranazionalisti: L'India è indù e il suo popolo non può essere laico
    Nuove dichiarazioni da parte di personalità della Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss). Il presidente del gruppo paramilitare dichiara di voler portare "uguaglianza" tra la popolazione. Il leader del Global Council of Indian Christians (Gcic): "È ironico che la Rss parli di uguaglianza, quando da sempre si oppone alle lotte per i diritti delle minoranze".

    04/01/2018 12:12:00 INDIA
    Mons. Mascarenhas: è terrorismo imporre il culto indù nelle scuole cattoliche

    Circa 900 attivisti dell’Akhil Bharatiya Vidyarthi Parishad sono radunati davanti al St. Mary’s Post Graduate College di Vidisha. Il ministro dell’Interno manda 400 poliziotti a ristabilire l’ordine. I vescovi augurano un 2018 “di pace e armonia”.



    26/08/2015 SRI LANKA
    Sri Lanka, il presidente Sirisena riconsegna la terra a 300 famiglie tamil
    Si tratta di terra espropriata agli abitanti del villaggio di Sampoor dall’ex presidente Rajapaksa. Circa 825 famiglie erano state costrette a vivere da sfollati nei campi profughi. Un tamil: “Siamo contenti, anche se dobbiamo ricominciare tutto da capo”. Ue, India, Unhcr e Unicef finanziano la costruzione di nuove case. Appello di Sirisena: “Viviamo uniti come fratelli e sorelle, senza più paura”.

    22/12/2017 09:51:00 INDIA
    Governo dell’Uttar Pradesh: giro di vite sui radicali indù contrari al Natale

    Il ministro dell’Interno federale telefona al chief minister Yogi Adityanath. I militanti dell’Hindu Jagrant Manch minacciavano le scuole cattoliche. “Assicurare che la libertà di praticare la propria religione sia protetta a tutti i costi”.



    14/07/2005 INDIA
    India: creata la 151ª diocesi del Paese

    Il vescovo Alwyn Baretto: "La cura pastorale è il mezzo giusto per avvicinare le persone alla Chiesa".





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®