12/03/2014, 00.00
ISRAELE-VATICANO
Invia ad un amico

Crescono le difficoltà per il viaggio del Papa in Israele

Lo sciopero dei dipendenti del servizio diplomatico israeliano rischia di divenire più duro e potrebbe bloccare completamente l'attività del Ministero degli esteri. Già saltata la visita di Cameron, a rischio viaggi già programmati del premier Netanyahu e del presidente Peres.

Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Lo sciopero dei dipendenti del servizio diplomatico israeliano rischia di divenire più duro e potrebbe bloccare completamente l'attività del Ministero degli esteri. Sono già saltate la visita del premier britannico David Cameron di questa settimana e un intervento all'Onu per denunciare la vicenda della nave carica di armi iraniane e sono a rischio eventi già programmati, come il viaggio del presidente Simon Peres in Austria, previsto per la fine di questo mese, quello del primo ministro Benjamin Netanyahu in Colombia e Messico di aprile e di papa Francesco a maggio.

A causa dello sciopero - che potrebbe divenire generale, avvertono i sindacati - le rappresentanze diplomatiche non rilasciano documenti, neppure i passaporti diplomatici, non inviano rapporti, neanche ai servizi di intelligence, non interagiscono con Stati e istituzioni internazionali, né su questioni politiche, né su  temi economici. E il governo non riesce a gestire neanche le nomine degli ambasciatori.

All'origine della lunghissima controversia, che la settimana scorsa sembrava risolta da una mediazione tra i ministeri degli Esteri e delle Finanze andata avanti per sette mesi, ci sono questioni economiche, ma anche la ristrutturazione del servizio diplomatico. In base ad essa, i funzionari dovrebbero poter essere assegnati alle sedi estere sulla base delle esigenze del Ministero degli esteri. Attualmente, i diplomatici sono costretti ad accettare solo la prima sede, quale che sia. Si vorrebbe anche limitare a quattro anni il periodo in cui un diplomatico può stare in sede, nel ministero degli Esteri e fare del servizio all'estero un prerequisito per le promozioni.

Per quanto riguarda il viaggio di papa Francesco, il 4 marzo, alla ripresa dello sciopero, si era parlato della possibilità che la visita dovesse essere annullata. Il 7 marzo padre Federico Lombardi, direttore della Salta stampa della Santa Sede dichiarava che il viaggio "rimane in programma", anche se, aggiungeva, gli scioperi del servizio diplomatico in Israele potrebbero creare difficoltà alla preparazione.
Il 10 marzo, però, il portavoce del ministero degli Affari Esteri israeliano Igal Palmor ha detto che la delegazione vaticana che sarebbe dovuta arrivare in Israele in questi giorni per preparare la visita del Papa andrà solamente in Giordania e in Cisgiordania.

Ma a tutt'ora nulla appare definitivo.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mahmoud Abbas: ‘non è un conflitto di religioni. Il problema è l’occupazione’.
23/05/2017 14:38
Papa: riceve Netanyahu, sia presto pace tra israeliani e palestinesi
02/12/2013
Papa: in Turchia un viaggio "pastorale, non politico"
28/11/2006
La moglie di Marwan Barghouti scrive a papa Francesco per i prigionieri palestinesi
11/05/2017 15:07
Hanoi lancia una campagna di stampa, che usa mons. Kiet per screditare il Vaticano
13/05/2010