16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/07/2017, 08.58

    QATAR - USA - GOLFO

    Crisi del Golfo: per Riyadh è “insufficiente” l’accordo anti-terrorismo fra Usa e Qatar



    Per i leader dei Paesi arabi il patto siglato da Washington e Doha non basta per risolvere la crisi. Resterano in vigore le sanzioni diplomatiche e commerciali sino a che Doha non soddisferà le “giuste richieste”. Il Qatar ricorda che è l’unico Paese della regione ad aver firmato un documento contro il terrorismo. Prosegue la campagna di Al Jazeera per la libertà di stampa.

     

    Doha (AsiaNews) - L’accordo siglato da Qatar e Stati Uniti sulla lotta al terrorismo e finalizzato all’interruzione dei canali di finanziamento dei gruppi miliziani è “insufficiente”. Ad affermarlo sono i leader dei quattro Paesi arabi che hanno imposto una serie di sanzioni all’emirato arabo nel contesto della crisi fra Riyadh e Doha in atto ormai da oltre un mese. Da qui la decisione di confermare i provvedimenti economici e commerciali contro il Qatar sino a che Doha non adempierà alle “giuste richieste” finalizzate alla “sicurezza nella regione”.

    In una nota Arabia Saudita, Bahrain, Egitto ed Emirati Arabi Uniti (Eau) affermano che il memorandum di intesa annunciato a Doha durante la visita del segretario di Stato Usa Rex Tillerson è “il risultato di pressioni e ripetuti appelli”. L’obiettivo dei quattro Stati e dei loro alleati, prosegue il comunicato diffuso ieri, è convincere il Qatar a “smettere di sostenere il terrorismo”. “Il passo è insufficiente” concordano i leader del blocco arabo, aggiungendo che sarà prioritario “monitorare con attenzione la serietà” delle autorità di Doha “nel contrastare tutte le forme di finanziamento, sostegno e ospitalità al terrorismo”. L’impegno finora profuso dal Qatar “non è degno di fiducia”, perché già in passato l’emirato non avrebbe rispettato accordi di questa natura. Da qui l’appello finale per un “controllo rigoroso” e il monito affinché Doha “torni sul giusto cammino”.

    La dichiarazione ufficiale degli alleati del Golfo segue l’accordo in chiave anti-terrorismo raggiunto in precedenza da Tillerson e dal ministro degli Esteri di Doha Mohammed bin Abdulrahman Al-Thani durante un incontro ufficiale nella capitale del Qatar. Per il segretario di Stato Usa esso è basato sulle decisioni prese nel maggio scorso al summit di Riyadh, il cui obiettivo era “spazzare via il terrorismo dalla faccia della terra”. Il capo della diplomazia del Qatar ha ricordato che il proprio Paese è stato il primo nella regione mediorientale a firmare l’accordo con Washington in chiave anti-terrorismo e invita le nazioni che stanno “assediando” Doha a fare lo stesso.

    A dispetto degli sforzi della diplomazia internazionale e dell’impegno statunitense, non sembra fermarsi la crisi che vede opposte Qatar e Arabia Saudita. La controversia ha coinvolto anche il canale satellitare del Qatar Al Jazeera, di cui Riyadh vuole la chiusura. Da qui la campagna lanciata dai vertici dell’emittente per la libertà di stampa, che ha raggiunto oltre 53 milioni di utenti sui social di tutto il mondo. Il video (DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/07/2017 11:43:00 QATAR - GOLFO
    Gli Emirati dietro le false notizie che hanno innescato la crisi del Golfo

    È quanto rivelano fonti ufficiali Usa rilanciate dal Washington Post. Abu Dhabi smentisce e afferma di “non aver ricoperto alcun ruolo” nella vicenda. La Fifa smentisce le voci secondo cui l’Arabia Saudita e altre nazioni arabe avrebbero chiesto di togliere i mondiali del 2022 al Qatar.

     



    14/06/2017 08:29:00 QATAR - GOLFO - USA - UE
    L'assenza dell'Europa e gli interessi Usa nella crisi fra Riyadh e Doha

    Il confronto fra Arabia Saudita e Qatar cartina di tornasole del clima di tensione in Medio oriente. E fra sunniti e sciiti per il primato nell’islam. La politica aggressiva di Riyadh sostenuta da Trump per ragioni economiche. Bruxelles incapace di favorire il riconoscimento del pluralismo politico, sociale e religioso. 

     



    15/06/2017 08:50:00 QATAR - USA
    Gli Stati Uniti vendono armi al Qatar per 12 miliardi di dollari

    Prevista la vendita di almeno 36 caccia F-15 di produzione Usa. La firma giunge in un momento di forte tensione fra Doha e Arabia Saudita e dopo la vendita per 400 miliardi di dollari di armamenti a Riyadh. Pentagono: una vendita di mezzi “all’avanguardia” finalizzata al rafforzamento della “cooperazione” in un’ottica di sicurezza reciproca. 

     



    17/08/2017 08:58:00 ARABIA SAUDITA - QATAR
    Riyadh apre la frontiera col Qatar per lasciar entrare i pellegrini dell'hajj

    Re Salman ordina la riapertura dell’area di confine di Salwa. Un gesto di cortesia verso la popolazione e i fedeli musulmani, ma restano le profonde divisioni fra i due Paesi. Il Bahrain accusa il Qatar di aver fomentato le rivolte anti-governative del passato. E mostra contatti fra l’ex premier di Doha e l’ex leader dell’opposizione interna.  

     



    05/06/2017 08:55:00 QATAR - GOLFO
    Fronte arabo contro il Qatar: fomenta il terrorismo e mina la sicurezza della regione

    Arabia Saudita, Bahrain, Egitto ed Emirati Arabi Uniti chiudono le frontiere e rompono le relazioni diplomatiche con Doha. Le sue politiche e il sostegno ai gruppi estremisti sono fonte di instabilità per il Medio oriente. Nelle scorse settimane presunte dichiarazioni sull’Iran dell’emiro del Qatar avevano alimentato la tensione. 

     





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®