15/01/2015, 00.00
SRI LANKA - VATICANO
Invia ad un amico

Cristiani dello Sri Lanka: Torna presto, papa Francesco!

di Melani Manel Perera
Tante le emozioni scatenate da questi giorni insieme al pontefice. Qualche critica all'organizzazione, "colpevole" di non aver permesso a tutti di assistere bene agli eventi. Il governo ordina la scarcerazione di 692 detenuti per celebrare la presenza di Francesco.

Colombo (AsiaNews) - Papa Francesco è già atterrato nelle Filippine per la seconda parte del suo tour asiatico. Ma in Sri Lanka è ancora viva e forte l'emozione per la visita del pontefice, che durante la sua breve permanenza ha dato al Paese il suo primo santo, canonizzando Giuseppe Vaz, e ha pregato nel santuario mariano di Madhu, incontrando anche molte vittime della guerra civile. "Sarebbe un sogno - ammettono ad AsiaNews alcuni cristiani - riaverlo di nuovo qui, nel nostro Paese. Questa visita è stata troppo breve. Vorremmo tornare presto a dirgli 'Papa, Pope Aadarei' [Papa, ti vogliamo bene - ndr]".

Secondo alcune stime, circa mezzo milione di persone si è radunato al Galle Face Green di Colombo per assistere alla canonizzazione, provenienti da varie zone del Paese. Altrettante erano le persone accorse a Madhu, nella diocesi settentrionale di Mannar, dove Francesco ha guidato una preghiera mariana e ha incontrato tanti sopravvissuti al conflitto, per lo più di etnia tamil. In entrambe le occasioni, così come in ogni altro suo spostamento, il papa si è spesso fermato lungo la strada per salutare le persone, soprattutto bambini e donne anziane.

L'unica "pecca" di questa visita, spiegano alcuni cristiani ad AsiaNews, riguarda l'organizzazione e il servizio offerti dal governo. "In diverse occasioni - raccontano - le autorità sembravano non riuscire a controllare la grande folla. Sembrava di essere in un fiume di gente, e per molti è stato difficile vedere il papa".

Per il giorno della canonizzazione, l'amministrazione ha fornito altri 600 autobus che, in modo gratuito, portassero le persone da Chilaw a Colombo e da Aluthgama a Colombo. Anche il servizio ferroviario ha fornito delle corse aggiuntive. Tuttavia "non è stato abbastanza. Mancavano anche sufficienti mega-schermi: molti sono riusciti solo a sentire la sua voce".

La visita in Sri Lanka è stata caratterizzata anche da due "fuoriprogramma". Il primo è opera del governo ed è consistito nella liberazione di 692 detenuti, a cui è stata concessa la grazia per celebrare la presenza di Francesco. I carcerati che sono stati liberati erano tutti in prigione per reati minori e la maggior parte ha oltre 75 anni di età. Il secondo è stata la visita del papa in un tempio buddista.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card. Ranjith: Il Papa ha costruito ponti di pace per lo Sri Lanka
19/01/2015
Giovani cattolici: Papa Francesco e san Giuseppe Vaz sono i nostri eroi
14/01/2015
Papa in Sri Lanka: S. Giuseppe Vaz, modello di missione per "i seguaci di Gesù oggi"
14/01/2015
Il card. Ranjith inaugura l’Anno di san Giuseppe Vaz, l’Apostolo dello Sri Lanka (Foto)
20/01/2017 10:02
Card. Gracias: S. Giuseppe Vaz, dono dell'Asia alla Chiesa e alla nuova evangelizzazione
14/01/2015