11/09/2013, 00.00
SIRIA
Invia ad un amico

Cristiani di Maaloula: Falso il ritiro annunciato dai ribelli islamici

I portavoce del Free Syrian Army millantano l'evacuazione dalla città, per evitare spargimenti di sangue. Fonti di AsiaNews smentiscono la notizia e confermano la presenza stabile dei terroristi. Parte della popolazione è ancora bloccata nelle abitazioni. Gli islamisti non permettono a nessuno di fuggire. A Damasco, centinaia di persone partecipano ai funerali dei tre giovani cattolici di Maaloula uccisi dagli islamisti.

Maaloula (AsiaNews) - L'Esercito libero siriano (Free Syrian army, Fsa) annuncia di aver ritirato i suoi miliziani da Maaloula, per evitare spargimenti di sangue fra i civili, ma i residenti cristiani smentiscono e affermano: "Gli islamisti non hanno abbandonato la città, queste dichiarazioni sono false e servono solo per spegnere l'attenzione dei media".

Fonti di AsiaNews raccontano che la città è ormai quasi deserta (v.foto), ma "vi sono ancora diverse famiglie bloccate nelle loro abitazioni a causa del fuoco incrociato di ribelli ed esercito regolare". "La popolazione fuggita a Damasco- continuano - sta lavorando con la Chiesa locale per portare aiuti o avere almeno notizie su parenti e amici rimasti a Maaloula. Finora, dopo lunghe trattative con i capi delle milizie islamiche, i cristiani hanno recuperato i corpi dei tre giovani cattolici uccisi dagli estremisti lo scorso 7 settembre". I loro funerali si sono tenuti ieri nella cattedrale greco-cattolica di Damasco. Alla celebrazione hanno partecipato centinaia di persone.

Iniziato lo scorso 5 settembre, l'attacco degli estremisti islamici a Maaloula è diventato un simbolo delle sofferenze dei cristiani in Siria. Esso conferma anche la stretta collaborazione fra l'Fsa - che si professa laico - e i terroristi islamici di Jabat al-Nusra. Lo stesso Osservatorio siriano per i diritti umani, legato alla ribellione, ha confermato la presenza di battaglioni affiliati ad al-Qaeda fra le milizie che hanno invaso la cittadina. Essi hanno profanato i monasteri di Santa Tecla e San Sergio, distruggendo le croci sulle loro cupole e gli antichi arredi sacri.

Pochi giorni dopo l'inizio della devastazione, negata dall'Fsa, i cristiani di Maaloula hanno inviato una lettera al Congresso degli Stati Uniti, denunciando gli orrori commessi dai ribelli islamisti contro la popolazione civile: "I guerriglieri dell'Esercito libero siriano, i terroristi di al-Nusra e gli assassini dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante hanno attaccato l'area alle quattro del mattino. In poche ore hanno distrutto case, monasteri e chiese. Hanno strappato tutte le immagini sacre sul loro cammino, ordinando alla popolazione di abbandonare la loro religione e di convertirsi all'islam per aver salva la vita". (S.C.)

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Maaloula, i ribelli invadono le case del villaggio. Uccisi tre giovani cristiani
09/09/2013
Al- Nousra, la brigata jihadista che fa paura ai ribelli siriani
18/01/2013
Siria, attentato suicida nel centro di Damasco, 53 morti
21/02/2013
I ribelli rivendicano e poi smentiscono le responsabilità per gli attentati di Aleppo
11/02/2012
La riconosciuta Coalizione nazionale siriana: "non abbiamo bisogno solo di pane, ma di armi"
13/11/2012