31/07/2008, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Cristiani e musulmani, solidarietà alle vittime degli attentati di Kirkuk

Oggi mons. Louis Sako, arcivescovo di Kirkuk, insieme a leader religiosi sunniti, sciiti e capi tribù si è recato in ospedale per visitare i feriti della strage di lunedì scorso. L’iniziativa rappresenta un ulteriore segnale della volontà comune di “pace” e “perdono” reciproco.

Kirkuk (AsiaNews) – Le massime autorità religiose e politiche di Kirkuk hanno visitato le vittime dell’attentato di lunedì 28 luglio, quando un kamikaze si è fatto saltare in aria in mezzo a una folla provocando una strage.

L’arcivescovo di Kirkuk mons. Louis Sako – insieme a un gruppo di leader religiosi musulmani sunniti e sciiti e ai capi di tribù arabe, kurde e turkmene – si è recato nell’ospedale della città per far visita ai feriti e dare loro conforto. Un gesto significativo voluto dalla leadership politico-religiosa della città, che senza distinzione di credo o etnia di appartenenza, ha voluto testimoniare “solidarietà alle vittime delle stragi” e ribadire la propria “condanna contro ogni forma di violenza”, da qualunque parte essa provenga.

Il 28 luglio scorso un attentatore suicida si è fatto esplodere in mezzo a un gruppo di dimostranti che manifestava contro la nuova legge elettorale approvata dal Parlamento. La folla era radunata nei pressi del palazzo del Governo locale, vicino alla cattedrale del Sacro Cuore; il corteo dei dimostranti aveva da poco cominciato il cammino quando il kamikaze si è fatto saltare in aria, provocando la strage: 28 morti e decine di feriti.

Conclusa la visita in ospedale, la delegazione ha incontrato i vertici dei due più importanti partiti kurdi (il PUK e il PDK) e la controparte turkmena, invitando tutti gli schieramenti politici a lavorare uniti per riportare la calma nella regione. “Chiedo a tutti i leader politici – ha dichiarato mons. Louis Sako durante l’incontro – di pensare al bene comune della popolazione e di combattere la logica aberrante della violenza”. Il prelato ha inoltre auspicato che tutti i gli schieramenti “siedano attorno a un tavolo per discutere e dialogare”, mettendo da parte minacce ed estremismi perché “con la violenza non si ottiene nulla”, mentre dal “perdono” reciproco sarà possibile ricostruire una unità e una convivenza pacifica per tutti.

L’iniziativa di questa mattina, voluta con forza dalla Chiesa cattolica che l’ha promossa in prima persona, ha riscosso “consensi unanimi” sia tra i leader religiosi musulmani che fra gli schieramenti politici ed è stata ripresa da “tutti i media” della regione. L’arcivescovo di Kirkuk ha distribuito dei medicinali ai feriti e, augurando loro una pronta guarigione, li ha invitati “a un pranzo fraterno”.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kirkuk, leader cristiani e musulmani pregano per la pace nel Paese
19/08/2008
Arcivescovo di Kirkuk: “matrice politica” dietro le violenze settarie in Iraq
10/09/2012
Vescovo di Baghdad: la strage, risposta “incivile e incosciente” all’accordo sulle elezioni
09/12/2009
Mosul, uccisi due fratelli cristiani. Cellula di al Qaeda rivendica la strage a Baghdad
10/12/2009
Mosul: attentati a due chiese cristiane, tre morti e diversi feriti
23/12/2009