27 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/07/2016, 15.51

    PAKISTAN – A. SAUDITA

    Cristiani e musulmani del Pakistan: Dolore per gli attentati in Arabia Saudita

    Kamran Chaudhry

    Le due comunità hanno condannato gli attentatori che ieri si sono fatti esplodere in tre località del Paese, compresa la moschea di Medina, luogo sacro dell’islam. I cristiani: “Per luogo e tempismo somiglia alla strage di Pasqua avvenuta a Lahore”.  Leader musulmano: “Bisogna essere più vigili nei confronti del terrorismo globale condotto in nome dell’islam”.

     

    Islamabad (AsiaNews) – Condanniamo con forza “gli attacchi e condividiamo il dolore dei nostri fratelli musulmani in questo momento triste. Il luogo e il tempo di questi attentati è stato scelto per diffondere paura tra le persone, occupate dalla preparazione della festa di Eid al-Fitr”. È il cordoglio espresso da mons. Samson Shukardin per il triplice atto terroristico accaduto ieri in Arabia Saudita. Una delle bombe ha colpito la moschea di Medina, uno dei luoghi più sacri dell’islam, alla vigilia della festa per la fine del digiuno del Ramadan. Proprio per questo motivo, secondo molti l’attentato ricorda la strage di Lahore, avvenuta il giorno di Pasqua.

    A Medina, dove secondo la tradizione Maometto è sepolto, un kamikaze si è fatto esplodere uccidendo quattro funzionari della sicurezza e ferendone altri cinque. Sempre ieri un attentatore suicida è morto dopo essersi fatto saltare in aria nei pressi del consolato statunitense a Jeddah. A poche ore dall’esplosione, il ministro dell’Interno saudita ha affermato che uno dei terroristi è di origine pakistana. Abdullah Gulzar Khan, 35 anni, avrebbe lavorato a Jeddah per 12 anni prima di colpire.

    Mons. Shukardin ha criticato la scelta dei sauditi di annunciare così presto la nazionalità di uno degli attentatori: “Il nome del nostro Paese è stato diffamato – ha detto – e questo è un peccato. In ogni caso il Pakistan non è colpevole, la formazione di Khan è avvenuta all’estero. I media mostrano le azioni di alcuni singoli per mettere in cattiva luce il nostro Paese, che condanna i terroristi. Solo educazione e politica a lungo termine possono risolvere il problema”.

    Anche p. Qaiser Feroz, segretario esecutivo della Commissione episcopale per le comunicazioni sociali, ha condannato gli attacchi-bomba: “La felicità dell’Eid si è tramutata in dolore in molte case. È allarmante che un altro pakistano sia stato trovato complice di terrorismo internazionale”.

    La comunità musulmana pakistana è molto scossa per l’attacco al secondo luogo più sacro dell’islam dopo la Mecca. Muhammad Asim Makhdoom, segretario delle comunicazioni per il gruppo Jamiat Ulema-i-Islam, afferma che “non ci può essere compromesso sull’onore del Profeta e del Harmain Shareefain (protettore dei luoghi santi dell’islam). Le vittime saranno ricordate nelle preghiere dell’Eid”. Secondo Makhdoom è preoccupante “il silenzio tenuto dal Consiglio dell’ideologia islamica. Esso dovrebbe essere vigile nei confronti del terrorismo globale condotto in nome dell’islam. In più, le autorità saudite avrebbero dovuto completare le loro indagini prima di dichiarare la nazionalità pakistana di un sospettato”.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/06/2004 ARABIA SAUDITA
    Paura e isolamento: vita da stranieri nel regno dei Saud

    Problemi di sicurezza, mancanza di libertà religiosa, rigide divisioni fra i sessi



    08/07/2016 08:52:00 ARABIA SAUDITA
    Arrestate 19 persone per gli attentati a Medina e Jeddah, 12 sono pakistani

    Fra i kamikaze vi è anche il 26enne saudita Naer Muslim Hamad; per le autorità egli aveva problemi di droga in passato. Incertezze sulla nazionalità di altre tre persone, già identificate. Ad oggi non vi sono rivendicazioni ufficiali degli attacchi, ma lo Stato islamico resta il principale indiziato. 



    05/07/2016 08:53:00 ARABIA SAUDITA
    Medina: kamikaze colpisce la moschea di Maometto, morti quattro agenti

    Tre diversi attentati in poche ore scuotono l’Arabia Saudita. Al momento non vi sono rivendicazioni ufficiali, ma i sospetti convergono sullo Stato islamico. Ferma condanna degli sciiti libanesi di Hezbollah. L’attacco al secondo luogo sacro per importanza dell’islam un "vero e proprio shock" per il mondo musulmano. 



    06/07/2016 11:37:00 INDONESIA
    Musulmani indonesiani: L’islam non deve portare guerra

    Il Nahdlatul Ulama (Nu), il maggiore movimento moderato del Paese, ha condannato i recenti attentati compiuti nel mese di Ramadan. Ieri un kamikaze si è fatto esplodere nella città natale del presidente Joko Widodo. Responsabile del Nu: “I leader islamici di tutto il mondo hanno il dovere di combattere il radicalismo”.

     



    17/05/2005 PAKISTAN - ARABIA SAUDITA
    Vescovo di Lahore: “Il governo aiuti i cristiani detenuti in Arabia Saudita"
    Emigrati pakistani arrestati perché celebravano una messa in una casa di Riyad. Mons. Saldanha: "Il Pakistan tratti il caso senza fare discriminazioni religiose, sono cittadini come gli  altri".



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®