31/03/2012, 00.00
ARABIA SAUDITA – INDIA
Invia ad un amico

Cristiani indiani contro il Gran muftì dell’Arabia saudita, che vuole eliminare tutte le chiese della penisola

L’appello dell’All India Christian Council (Aicc) al governo indiano. In Arabia saudita e nei Paesi del Golfo vivono molti indiani e filippini cristiani che subiscono violenze e discriminazioni. Le parole del mufti contrarie alla Carta delle Nazioni Unite.

Mumbai (AsiaNews) - A metà marzo Sheikh Abdul Aziz bin Abdullah, Gran muftì dell'Arabia saudita, ha affermato che tutte le chiese esistenti nella Penisola araba devono essere distrutte. Di seguito, la condanna dell'organizzazione All India Christian Council (Aicc) contro le dichiarazioni "bigotte" e "pericolose" per i tanti cristiani che vivono negli Stati arabi.

L'All India Christian Council (Aicc) condanna la dichiarazione del Gran muftì dell'Arabia saudita, Sheikh Abdul Aziz bin Abdullah, che è "necessario distruggere tutte le chiese della regione".

Secondo Joseph D'Souza, presidente dell'Aicc, la controversa affermazione del muftì pone le Chiese cristiane di tutta la Penisola araba in pericolo, e potrebbe avere ripercussione per le minoranze religiose negli altri Paesi.

John Dayal, segretario generale dell'Aicc, invita il governo dell'India e gli altri Paesi civili ad assicurarsi che le nazioni della Penisola araba rifiutino in modo netto la bigotta dichiarazione dell'imam wahabita, e garantiscano sicurezza e protezione alle chiese in Yemen, Kuwait, Baharain, Qatar, Oman ed Emirati Arabi Uniti. Il cristianesimo è già proibito in Arabia saudita, non non vi sono chiese.

I media locali hanno riportato la controversa dichiarazione insieme alla proposta di un parlamentare del Kuwait, che chiedeva la "rimozione" delle chiese nel suo Paese.

Di recente il parlamento del Kuwait ha proposto di introdurre leggi sulla rimozione delle chiese cristiane dal Paese e ha imposto severe leggi ispirate alla sharia. Più tardi, ha chiarito che la legge non parlava di rimuovere le chiese, ma proibiva la costruzione di nuove chiese cristiane e luoghi di culto non islamici nel Paese. Il Gran muftì ha sottolineato che il Kuwait, in quanto Stato della Penisola araba, avrebbe dovuto distruggere tutte le chiese sul suo territorio. Vi sono moltissimi cristiani che vivono in Arabia saudita e negli altri Paesi del Golfo, molti dei quali provengono da India e Filippine: più di 3,5 milioni, dei quali almeno 800mila solo in Arabia saudita.

L'All India Christian Council segue da tempo gli sviluppi nella regione con allarme e preoccupazione crescenti, dal momento che i cristiani continuano a subire violenze e discriminazioni. È una situazione che disturba in modo particolare, perché l'India ha molti dei suoi cittadini - per lo più operai, ma anche uomini d'affari, ingegneri e personale medico - nella regione. Un gran numero di migranti dagli Stati meridionali dell'India sono cristiani.

L'All India Christian Council ribadisce che la dichiarazione del Gran muftì è contraria alla Carta delle Nazioni Unite e alla Dichiarazione Onu sull'eliminazione di ogni forma di intolleranza e discriminazione su basi religiose o di credo. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Gran Muftì saudita contro il turismo all’estero: alimenta i vizi e l’immoralità
14/07/2016 12:45
Gran muftì saudita: "I kamikaze in nome dell'islam sono criminali che andranno all'inferno"
13/12/2013
Il gran Muftì alla Mecca condanna estremismo e violenza: il parere degli esperti
29/11/2010
Gran Muftì saudita contro cinema e concerti: sono fonte di depravazione e immoralità
21/01/2017 09:14
A Riyadh si alzano voci contro i matrimoni delle bambine
26/08/2008