21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/03/2009, 00.00

    MALAYSIA

    Cristiani lanciano una campagna di firme per l’uso della parola “Allah”



    Si attende il sostegno anche dei musulmani, oltre che da ebrei e cristiani nel mondo. Si può firmare pure via internet. La diocesi di Kuala Lumpur continua la sua battaglia legale contro il governo per usare la parola “Allah” nelle pubblicazioni cattoliche.

    Kuala Lumpur (AsiaNews) – Un gruppo di cristiani del Sabah ha lanciato una raccolta di firme per costringere il governo a togliere il divieto nell’uso della parola “Allah”, che secondo il ministero degli interni deve essere usato solo dai musulmani.

    La campagna lanciata il 4 marzo scorso, andrà avanti fino al 29 marzo. In pochi giorni il sito ha raccolto migliaia di firme, anche da musulmani e indù locali. In aprile le firme, raccolte via internet e su carta, saranno presentati al primo ministro Abdullah Ahmad Badawi.

    Autore della campagna è Jeffrey Kitingan, fratello del vice-primo ministro del Sabah, Joseph Pairin Kitingan. Il Sabah e il Sarawak, le province  malaysiane nell’isola del Borneo, sono la zona a maggiore densità di cattolici. Su 900 mila fedeli in tutta la Malaysia, almeno 600 mila vivono nel Sabah e nel Sarawak.

    Ronnie Klassen, imprenditore, un altro degli organizzatori della campagna, spera che almeno con la versione online, giunga a loro il sostegno anche dalla comunità internazionale e dal Vaticano. “Questo – ha detto – è un tema che è molto caro a tutti i cristiani e ai membri delle altre religioni abramitiche, ebraismo e giudaismo”.

    Tutti possono firmare andando a questo indirizzo: www.PetitionOnline.com/sabahan/petition.html

    Il problema è scoppiato da almeno 2 anni, quando il ministero della sicurezza ha vietato l’uso della parola “Allah” (Dio) all’inserto in lingua malay del settimanale cattolico “Herald”, avocando “motivi di sicurezza” e di “possibile confusione” fra i fedeli musulmani che “potrebbe danneggiare l’ordine pubblico”. La Chiesa cattolica usa da secoli la parola “Allah” per definire “Dio”.

    Il divieto colpisce anche pubblicazioni, canzoni, riti di tutte le altre chiese cristiane. Nel governo c’è confusione e sudditanza verso gruppi di elettori islamici. Il ministero della sicurezza è ritornato sulla sua decisione contro lo “Herald”, per riaffermarla tempo dopo. Allo stesso modo il ministero degli interni, lo scorso 16 febbraio ha dato il permesso di usare la parola “Allah”, purché sia espresso in modo evidente che le pubblicazione sono “per soli cristiani”. Ma alla fine di febbraio si è rimangiato il permesso e ha riaffermato il divieto, minacciando provvedimenti.

    L’arcidiocesi di Kuala Lumpur ha citato il governo in tribunale, impugnando la Costituzione, che garantisce la libertà di religione. Lo scorso 27 febbraio vi è stata la prima udienza al processo, aggiornato al 28 maggio.

    Riferendosi agli ultimi eventi, Klassen ha detto: “Ci sentiamo feriti, insultati e messi in ridicolo da un governo che pretende di essere solo lui nel giusto”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/11/2008 MALAYSIA
    Consigli islamici contro la rivista cattolica di Kuala Lumpur: vietato scrivere Allah
    I consigli religiosi islamici di sette stati malaysiani ammessi al processo che vede il settimanale della diocesi di Kuala Lumpur contrapposto al governo. Oggetto della disputa il divieto di utilizzare la parola “Allah” nelle pubblicazioni non musulmane. la comunità sikh scende al fianco dei cattolici.

    04/07/2014 MALAYSIA - ISLAM
    Sacerdote a Kuala Lumpur: Pastorale e dialogo interreligioso, ecco le sfide del neo vescovo
    Per p. Lawrence Andrew, direttore di Herald Malaysia, il nuovo prelato è una persona “molto brava e competente”. Egli ha già sottolineato l’importanza del dialogo fra fedi, in un periodo di tensione interconfessionale. La libertà religiosa è sotto “attacco” e “in pericolo”. E la visione dell’islam sunnita si fa sempre più radicale.

    25/02/2009 MALAYSIA
    Governo malaysiano sconfitto dalla storia: da secoli i cristiani usano la parola “Allah”
    Il 27 febbraio la diocesi di Kuala Lumpur va in corte contro il governo che proibisce l’uso del termine per motivi di sicurezza. Ma la Costituzione e la storia sono dalla parte dei cristiani. Il Ministro degli interni dà il permesso di usare la parola “Allah” purché sulle copertine sia stampata anche la dicitura “per soli cristiani”.

    06/02/2009 MALAYSIA
    Campagna stampa islamica contro il giornale cattolico, che non può difendersi
    I media islamici cercano di provocare accusando il giornale di usare la parola “Allah” e provocare ogni male sulla nazione. L’arcivescovo di Kuala Lumpur sceglie il silenzio - forse per non provocare tensioni inutili – e attende la decisione dell'Alta Corte. La Chiesa ha infatti citato il governo in tribunale perché il divieto viola la libertà religiosa garantita dalla Costituzione.

    08/07/2010 MALAYSIA
    Tre giovani musulmani processati per l’incendio e le bombe a una chiesa di Kuala Lumpur
    La Metro Tabernacle Church ha subito un’esplosione e poi l’incendio. Anche altre chiese, fra cui quella cattolica dell’Assunzione sono state colpite. Gli incidenti risalgono a gennaio, dopo la decisione dell’Alta corte di permettere l’uso della parola “Allah” anche per definire il Dio cristiano.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®